L'Ara Pacis avrà una nuova luce grazie a Bulgari - Roma

L'Ara Pacis avrà una nuova luce grazie a Bulgari

Mostre Roma Museo dell'Ara Pacis Giovedì 2 luglio 2020

© Michael Day - Flickr.com

Roma - Roma Capitale e Bulgari hanno dato vita a una convenzione che offrirà una nuova luce all'Ara Pacis: il monumento sarà valorizzato con un intervento di relamping dell’attuale impianto di illuminazione, reso possibile anche grazie a una donazione della maison, di 120.000 Euro, che si inserisce tra le numerose iniziative di mecenatismo intraprese da Bulgari per tutelare e promuovere il patrimonio culturale della capitale. Il contributo di Bulgari si aggiunge ai fondi di Roma Capitale e consentirà alla Sovrintendenza Capitolina di realizzare il relamping completo del complesso museale, il cui costo sarà di circa 200.000 Euro.

«Ringrazio Bulgari per il rinnovato impegno con cui segue la valorizzazione dei beni culturali della nostra città. Roma riparte con maggiore slancio: lavoriamo per renderla più bella e accessibile a tutti», così la sindaca di Roma Virginia Raggi.

Per Jean-Christophe Babin, amministratore delegato del Gruppo Bulgari: «Questo nuovo atto di mecenatismo è ancora una volta un modo per restituire qualcosa di tangibile alla Città Eterna, che da oltre 130 anni è per Bulgari un punto di riferimento culturale, una generosa musa, una ribalta esclusiva. Siamo lieti e orgogliosi di contribuire a valorizzare la bellezza di un monumento così iconico che celebra la grandezza di un imperatore il cui raffinato senso estetico ha guidato la radicale trasformazione architettonica e urbanistica di Roma, proiettandola nel nostro passato, presente e futuro».

Si stima che l'intervento sull'Ara Pacis sarà ultimato per la fine dell’anno. Per la fornitura di nuovi corpi illuminanti e la loro posa in opera la Sovrintendenza Capitolina procederà all’individuazione del fornitore attraverso le procedure di gara previste dal Codice degli Appalti Pubblici.

Il rinnovamento dell’impianto di illuminazione (relamping) è reso necessario dalle normative europee in materia di risparmio energetico, come dalla naturale obsolescenza del vecchio impianto. Interesserà le sorgenti luminose situate nella grande teca che ospita il monumento, la zona espositiva al piano inferiore e l’auditorium dell’Ara Pacis.

Obiettivo primario sarà valorizzare i fregi e le decorazioni nel recinto rettangolare e sull’altare attraverso luci dedicate, migliorando anche la percezione volumetrica del monumento nel suo complesso. Il rapporto architettonico tra gli spazi della teca trasparente e lo stesso altare sarà anch’esso posto in risalto attraverso flussi luminosi appositamente studiati. Il progetto mira inoltre a conseguire una maggiore efficienza energetica grazie all’utilizzo di lampade a basso consumo, maggiore durata ed efficace resa cromatica.

Verranno di conseguenza ridotte le spese di gestione dell’impianto stesso a circa 1/7 dei consumi dell’attuale impianto alogeno e drasticamente diminuite le spese di manutenzione, dal momento che i corpi illuminanti LED hanno notoriamente una durata garantita molto più lunga dei corrispettivi alogeni.

Potrebbe interessarti anche: , Quadriennale d'arte 2020 a Roma: la mostra e gli artisti , Palazzo Merulana riapre con mostre e concerti in terrazza. Programma e biglietti , Villa Torlonia è il primo parco culturale di Roma , Banksy. A visual protest: la mostra a Roma. Biglietti, prenotazioni, orari , Raffaello, la mostra: orari prolungati fino all'una di notte nel fine settimana

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.