Parcheggio a Fiumicino: con servizio navetta o car valet - Roma

Parcheggio a Fiumicino: con servizio navetta o car valet

Roma Mercoledì 5 agosto 2020

Roma - Spesso il momento più bello di un viaggio è la sua progettazione. Quando si sogna dove andare, si immagina già di essere lì… a passeggiare tra le strade di quella città o seduti in un romantico ristorante o a rimanere incantati davanti a qualche opera d’arte che avevamo visto soltanto in fotografia. Non è necessario raggiungere l’altro capo del mondo: in Europa abbiamo mete bellissime e  facilmente raggiungibili con un volo aereo di poche ore. Qualche suggerimento? Ad esempio tre bellissime capitali europee: Budapest, Siviglia e Vienna.

L'aeroporto Leonardo da Vinci a Roma Fiumicino. Organizzarsi è ovviamente la prima fase per la riuscita del vostro viaggio. Come raggiungere l’aeroporto da cui partirà il vostro volo? Se partite da Roma probabilmente decollerete dall'aeroporto Leonardo da Vinci a Fiumicino, il più importante scalo aeroportuale nazionale e uno dei maggiori d’Europa.

L’aeroporto di Fiumicino primeggia nelle classifiche per qualità e  sicurezza, nonchè  per i numerosi servizi utili  come il wi-fi gratuito, il pronto soccorso, banca e cambi valuta e la family room, uno spazio dedicato ai più piccoli situato prima dei controlli di sicurezza.Come in tutti i più importanti aeroporti, a Fiumicino troverete numerosi negozi e ristoranti.

L’aeroporto Leonardo da Vinci si trova a soli 32 km dal centro di Roma ed è facilmente raggiungibile in treno, in auto, in pullman e in taxi. Se viaggiate da soli e non avete problemi di orario,  il treno e il pullman vi permettono di arrivare in aeroporto a un prezzo economico dal centro città, ma l’auto vi permette di essere indipendenti dagli orari dei mezzi pubblici (soprattutto se avete un volo al mattino presto o a tarda notte) ed è decisamente vantaggiosa se si viaggia con amici o con la propria famiglia. 

Raggiungere l’aeroporto di Fiumicino in auto

L'aeroscalo romano è facilmente raggiungibile in auto percorrendo il Grande Raccordo Anulare(GRA) per poi immettersi sull'autostrada A91 Roma - Fiumicino. Poi è sufficiente seguire le indicazioni per raggiungere il vostro terminal , indicato sulla carta d’imbarco.

Poiché la scelta di raggiungere lo scalo di  Fiumicino con la proprio auto è condivisa da moltissimi viaggiatori, è importante programmare per tempo il parcheggio dell'aeroporto dove lasceremo la nostra auto durante il viaggio, in modo da avere a disposizione un comodo servizio navetta per noi e i nostri bagagli o ancor meglio un servizio con autista (Car Valet) a cui lasciare la propria auto direttamente nel punto dove ci viene più comodo per poi ritirarla nello stesso punto quando torneremo dal nostro viaggio, risparmiando tempo e fatica. Tutto questo é offerto in modo intuitivo e comodo, attraverso sito web e APP, da TravelCar leader mondiale per la prenotazione di parcheggi.

Raggiungere l’aeroporto di Fiumicino in treno

Se invece optiamo per la partenza in treno dalla stazione centrale di Roma Termini potremo raggiungere l’aeroporto Leonardo da Vinci in poco più di mezz'ora e ad un costo ragionevole. Sono due le linee ferroviarie che portano direttamente alla stazione situata all’interno dell’aeroporto: la linea Leonardo Express, che non effettua fermate intermedie e raggiunge l’aeroporto in circa mezz’ora al costo di 14 euro,  e la linea ferroviaria FL1, che effettua invece alcune fermate intermedie (come Trastevere, Ostiense e Tuscolana) e impiega circa 45 minuti minuti per raggiungere l’aeroporto al prezzo di 8 euro a tratta.

Raggiungere l’aeroporto di Fiumicino in pullman

Esiste infine l’opzione autobus, offerta da numerose compagnie. La durata del viaggio è di circa 45 minuti ma ovviamente soggetta ai possibili ritardi a causa del traffico stradale. Il costo varia tra i 5 e i 6 euro a tratta.

Le mete: Siviglia, Budapest e Vienna

Siviglia.  Una città accogliente, organizzata, colorata e con prezzi decisamente accessibili. Vale la pena visitarla anche soltanto per un weekend lungo o approfittando di qualche ponte: 3 o 4 giorni vi saranno sufficienti per visitarla e innamorarvene. Il nostro quartiere preferito è quello di Santa Cruz, l’antica Juderia, che a noi italiani può ricordare Venezia o il centro storico di Genova, con le sue stradine strette ad angolo retto, lastricate di antiche pietre e fiancheggiate da splendidi edifici, spesso dipinti in rosso porpora o giallo ocra. Santa Cruz è il cuore di Siviglia, a 5 minuti dalla Cattedrale, dalla Giralda, dai Reales Alcazares.

Budapest. Il Castello di Buda, la chiesa di Mattia e i Bastioni dei pescatori da cui godrete di un bellissimo panorama sulla citta. Due tra i più bei ponti della città: il Ponte delle Catene e il  Ponte della Libertà. A Pest potrete vedere l’immensa Basilica di Santo Stefano, fare shopping lungo la Vaci Utca, restare incantati dai palazzi liberty con le loro architetture eleganti e splendenti di ottoni o  fare un giro sulla Foldalatti, la linea metropolitana più antica della città (seconda solo a quella di Londra) che conserva ancora lo stile di fine ‘800. Ma soprattutto a Budapest potrete (e dovrete) passare almeno un pomeriggio in uno dei suoi stabilimenti termali. Credo che le terme di Budapest siano quanto di più simile può esistere alle antiche terme dei Romani: un vero e proprio mondo a sè stante. Le due più famose sono le Gellert e le Szecheny. E alla sera potrete andare alla scoperta del Godzou Udvar, un percorso che attraversa il quartiere ebraico totalmente costituito da bar e locali. Ma soprattutto in questa zona troverete alcuni dei più suggestivi ruins bar. Un ambiente assolutamente kitsch. Un mix tra un centro sociale e un circolo arci. Un’atmosfera particolare, vivace, caotica. Biciclette appese ai muri, tavolini realizzati con carcasse di automobili, monitor anni '80 alle pareti, giardini interni e banconi dove bere un drink. 

Vienna. La capitale austriaca dove respirare  aria mitteleuropea, visitare i suoi magnifici musei come il Kunsthistorisches Museum (Museo di storia dell'arte) o la Collezione Albertina, le sue strade e palazzi oppure l’ inconfondibile Hundertwasser House, gustarsi una fetta di torta e un melange (il cappuccino senza schiuma tipico della città) alla pasticceria Demel, ammirare il Duomo di Santo Stefano, simbolo di Vienna,o la cupola d’ore dell’edificio in stile Liberty della Secessione, passeggiare tra le 120 bancarelle del  Naschmarkt, il mercato più famoso di Vienna. E non potete non andare a cena in un tradizionale heuriger di Grinzing, in una proverbiale e cordiale atmosfera dove gustare vini esclusivamente viennesi  e specialità gastronomiche casalinghe. La parola heuriger definisce non solo il locale ma anche il vino dell’annata in corso, che è tale solo fino all’11 novembre.

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.