Sciopero della scuola a Roma: lezioni a rischio venerdì 14 febbraio

Sciopero della scuola a Roma: lezioni a rischio venerdì 14 febbraio

Attualità Roma Mercoledì 12 febbraio 2020

© pexels.com

Roma - Per la giornata di venerdì 14 febbraio 2020 è indetto uno sciopero nazionale della scuola. Lo sciopero coinvolgerà dunque anche Roma e il Lazio. A incrociare le braccia è l'intero comparto dell'istruzione: a scioperare venerdì 14 febbraio sono pertanto insegnanti, personale amministrartivo, tecnico e ausiliario, educatori e dirigenti a tempo indeterminato, determinato e il personale con contratto atipico.

Lo sciopero della scuola di venerdì 14 febbraio è stato proclamato dalle sigle sindacali Cub Sur, Adl-Cobas, Usi-Educazione, Sgb-Sindacato Generale di Base, con l'adesione del Sial-Cobas e del Coordinamento Nazionale Precari della Scuola, lezioni a rischio. 

Sciopero della scuola venerdì 14 febbraio: scuole chiuse?

I numeri di adesione allo sciopero della scuola proclamato dai sindacati e che riguarderà personale A.T.A., insegnanti e dirigenti non sono ancora disponibili. Le scuole in ogni caso resteranno aperte: gli alunni delle scuole di ogni ordine e grado, dunque, dalle elementari alle superiori, devono recarsi regolarmente presso l'Istituto che frequentano. In caso alcuni degli insegnanti decidano di aderire allo sciopero, è compito del dirigente scolastico trovare insegnanti o altro personale che vigili sulla classe durante quelle ore.

Solo nel caso eccezionale - e dunque estremamente improbabile - in cui tutti gli insegnanti e tutto il personale A.T.A. dovessero aderire allo sciopero, si creerebbe una situazione di emergenza, in quanto non si riuscirebbero a garantire i servizi minimi: il dirigente scolastico potrà decidere in quel caso di chiudere la scuola.

Ricordiamo che la scuola in caso di sciopero deve comunicare alle famiglie l'evento, mentre il personale scolastico non è tenuto a dichiarare l'eventuale adesione preventivamente.

Sciopero della scuola venerdì 14 febbraio: le motivazioni

Lo sciopero di venerdì 14 febbraio 2020 è stato indetto contro il precariato: «A fronte di oltre 170mila contratti a tempo determinato stipulati nell'anno scolastico 2019/2020, il Governo Conte vorrebbe risolvere la questione del precariato con un concorsino per soli 24mila posti nella sola scuola secondaria. La questione del precariato della scuola italiana viene da lontano e, purtroppo, sopravviverà anche ai prossimi concorsi poiché si fonda su un consenso politico trasversale. Lavorare da precari» - scrive il sindacato SGB - «significa non avere certezza di nulla: nessuna garanzia lavorativa per una massa di docenti esclusi da fondamentali diritti economici (scatti stipendiali, permessi retribuiti, bonus di 500 euro della carta docente) e nessuna garanzia di continuità didattica per gli alunni e le famiglie. Il personale precario della scuola (docenti e A.T.A) costituisce un enorme esercito di riserva a basso costo, utile anche a condizionare negativamente i livelli salariali del personale in servizio a tempo indeterminato». 

Potrebbe interessarti anche: , Auditorium Parco della Musica dedicato a Ennio Morricone? La proposta del Comune di Roma , RomaRiparte: centri estivi a Roma, orari uffici, mobilità sostenibile. Le informazioni per i cittadini , Chiara Ferragni e Fedez al Giardino di Ninfa: «Abbiamo trovato il paradiso» , Ostia e spiagge libere di Roma a numero chiuso. App Seapass: come funziona , Amazon apre a Colleferro e assume 500 persone: come candidarsi

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.