Dimore storiche del Lazio: aperture straordinarie gratuite. Il programma - Roma

Cultura Roma Venerdì 15 novembre 2019

Dimore storiche del Lazio: aperture straordinarie gratuite. Il programma

Palazzo Farnese
© facebook.com/biblio.museo.gradoli

Roma - Domenica 17 novembre, cittadini e turisti potranno visitare gratuitamente 70 siti di particolare pregio storico, architettonico e ambientale del Lazio grazie all'apertura straordinaria per la terza edizione di Dimore storiche del Lazio.

L'iniziativa di Dimore storiche del Lazio è promossa dalla Regione Lazio nell’ambito del progetto di valorizzazione del patrimonio costituito da dimore, ville, complessi architettonici, parchi e giardini di valore storico e culturale che valorizzano tutte le province del Lazio.

La Rete delle dimore storiche del Lazio,  è  stata costituita nel 2017, in applicazione della Legge regionale n. 8 del 2016. Dall'anno della sua nascita, la Rete si è sempre più ampliata giungendo ora a ben 137 siti coinvolti, tra castelli, complessi architettonici, monasteri, chiese, dimore storiche parchi e casali.

Gli obiettivi del progetto di Dimore storiche del Lazio, come ha sottolineato Nicola Zingaretti, è di: «Valorizzare il patrimonio culturale del Lazio e considerare la bellezza come base per lo sviluppo del territorio, dell’economia e del turismo,  sono le idee ispiratrici della legge regionale del 2016 che ha costituito la Rete delle dimore storiche del Lazio e dello stanziamento di importanti risorse per la manutenzione e il recupero degli edifici storici. Lo facciamo in primo luogo perché convinti che sia nostro dovere lasciare alle generazioni future le ricchezze che abbiamo avuto la fortuna di ereditare, ma anche perché siamo impegnati nella costruzione di un nuovo modello di sviluppo, nel quale il rilancio del patrimonio culturale è un cardine fondamentale».

I nuovi siti aderenti alla Rete delle dimore storiche del Lazio

  • Provincia di Roma
    Il complesso di Villa Versaglia a Formello, fatto costruire nel 1665 dal Cardinale Flavio Chigi come residenza estiva, che comprende la villa principale, la torre, la cappella, il casino, gli alloggiamenti dei pastori e un magazzino per gli agrumi
    Il Forte San Gallo costruito intorno al 1501-1503 per volontà di Papa Alessandro VI e del figlio Cesare Borgia per difendere la città di Nettuno, all'epoca considerata granaio del Lazio, dagli attacchi da mare. Oggi l'edificio, di proprietà comunale, ospita convegni e mostre d'arte
    Il Castello Brancaccio di Roviano, nato per motivi difensivi, ampliato dai Colonna tra la fine del Quattrocento e l'inizio del Cinquecento e oggi sede del Museo della civiltà contadina Valle dell'Aniene
     Il Torrione risalente alla seconda metà del XV secolo e i Giardini, tipico esempio di modificazioni e risistemazioni urbane avvenute a partire dal XVI secolo (già Ruderi del Fortilizio Orsini) di Anguillara Sabazia.
  • Provincia di Frosinone
    La medioevale Casa Barnekow di Anagni caratterizzata da affreschi e lapidi a decorazione della sua facciata, documento della simbologia alchemica ed esoterica.
  • Provincia di Latina
    Il Castello Medievale di Itri, sorge sulla cima del colle sant'Angelo, lungo il percorso dell'antica via Appia.
  • Provincia di Viterbo
    Palazzo Farnese di Latera, parte del complesso edilizio comprendente anche la Chiesa di S. Clemente, il campanile e la sacrestia e alcuni ex uffici comunali
    Palazzo Scoppola Iacopini di Montefiascone menzionato fin dalla prima metà del XVII secolo come stazione di posta per i viaggiatori che percorrevano la via Cassia dove, nel 1798, sostò anche Papa Pio VI durante il suo viaggio in Francia, la Chiesa di Santa Croce con un affresco di scuola umbro-senese della metà del XV secolo e il Palazzo Comunale costruito fra il 1552 e i primi del 700, entrambi a Valentano, e la Commenda dei Cavalieri dell’Ordine di Malta, la chiesa più antica della Tuscia il cui nucleo originario risale a prima del XIII secolo.

Per tutti i siti l'ingresso è gratuito fino a esaurimento posti, orari e modalità di visita sono diversi da sito a sito.

Info, elenco dimore completo e modalità sul sito della Rete delle dimore storiche del Lazio

Potrebbe interessarti anche: , Più libri più liberi 2019: il programma , Miac: a Roma apre il Museo del Cinema e dell'Audiovisivo , Piazza Trilussa e piazza Belli: a Trastevere le piazze della movida , Industrie fluviali: il nuovo ecosistema culturale di Roma , Quali caratteristiche deve avere una buona scuola di inglese

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.