EuroGames 2019 Roma: il programma. Lo sport in campo per i diritti civili

EuroGames 2019 Roma: il programma. Lo sport in campo per i diritti civili

Cultura Roma Martedì 2 luglio 2019

Vladimir Luxuria
© Alessandra Pistolese
Altre foto

Roma - La diciassettesima edizione degli EuroGames 2019 viene ospitata per la prima volta in Italia e precisamente a Roma che, dall’11 al 13 luglio, vedrà l’arrivo di quattromila atleti da ogni angolo del pianeta. 55 i paesi rappresentati per dare vita a questo grande evento multi-sportivo articolato su 14 discipline che riempiranno 13 impianti sportivi.

EuroGames 2019a Roma è un evento sportivo, ma soprattutto un evento che vuole trasferire un messaggio importante, quello dei diritti civili, del rispetto, dell’inclusione e dell’uguaglianza. Lo sport pensato come veicolo in aiuto dei diritti civili, ma anche in sostegno della lotta contro ogni discriminazione.

L’11 luglio un’imponente cerimonia di apertura presso lo Stadio Tre Fontane darà il via agli EuroGames 2019 a Roma, a pochi giorni dal cinquantesimo anniversario dei moti di Stonewall a New York (28 giugno).  

Una festa dello sport, una festa di tutti, specialmente in un momento in cui è necessario abbattere ogni forma di discriminazione, tanto che la manifestazione non vuole essere relegata a un evento sportivo arcobaleno, ma a una manifestazione sportiva per tutti, appunto, per annullare qualsiasi differenza, come sottolinea con fermezza l’onorevole Svetlana Celli.

Una manifestazione voluta con passione e dedizione dagli organizzatori, tra cui il presidente Adriano Bartolucci Proietti che, insieme a Vladimir Luxuria e alla delegazione italiana, hanno conquistato per Roma questa straordinaria opportunità. Roma infatti si è candidata per ospitare gli EuroGames e, fra tante città in gara, ha vinto questa candidatura. Tanti gli sponsor a sostegno di un’iniziativa di questa portata, passata un po’ in sordina fino a questo momento.

«Un progetto sportivo che aiuta a rinforzare quel concetto di Europa aperta, inclusiva, quell’Europa concepita come spazio di pace, condivisione e non discriminazione», come asserisce Roberto Tavani, delegato allo sport del presidente della Regione Lazio.

Molti gli sportivi a sostegno della manifestazione e dei suoi messaggi sociali. Fra i tanti Carlo Molfetta, taekwondoka medaglia d’oro alle Olimpiadi di Londra 2012, che auspica con provocazione un futuro senza EuroGames, proprio perché non ci sarà più bisogno di una manifestazione del genere; Raffaella Masciadri, ex capitano della nazionale di basket femminile, che ha terminato la sua carriera poche settimane fa con in bacheca 15 scudetti conquistati. E ancora Alessandro Spigai, pluricampione mondiale di pattinaggio artistico, sposato con un altro grande pattinatore con cui realizza coreografie dal messaggio importante, portando in pista composizioni che parlano di disuguaglianza e diritti negati. E ancora Nicole Bonomino, portiere di hockey in-line della Nazionale italiana, una delle prime atlete azzurre a fare coming out perché «a essere se stessi non si sbaglia mai».

Come si è accennato, Vladimir Luxuria è stata una delle promotrici della candidatura di Roma per gli EuroGames 2019, e si augura con la sua sottile e impeccabile ironia che «le prossime edizioni dei giochi siano animate da motivazioni differenti», ovvero che «siano delle grandi feste per celebrare le vittorie ottenute sul piano dei diritti civili».

Tra i sostenitori della manifestazione troviamo Fabio Canino, convito che gli EuroGames vedranno molte edizioni future proprio per offrire un esempio di civiltà e apertura, cancellando ogni disuguaglianza e perciò ignoranza. Infatti con il suo nuovo romanzo, Le parole che mancano al cuore, Canino racconta una storia d’amore nata tra due calciatori di Serie A, sottolineando che lo sport e l’amore in questo momento di chiusura sono le reali rivoluzioni.

Al fianco della manifestazione ci sarà anche il pugilato, con l’atteso match del 13 luglio valevole per il titolo italiano dei pesi massimi tra Luca D’Ortenzi e Sergio Romano, in programma a Ladispoli, in piazza Rossellini. Questo perché il pugilato è uno sport onesto e rispettoso verso l’avversario. Sul ring si combatte senza sosta con determinazione e rispetto, allo stesso modo in cui nella vita si fronteggia ogni sorta di violenza e diseguaglianza perché siamo tutti uguali, semplicemente esseri umani, come sostengono i due pugili.

Una tre giorni all’insegna dell’uguaglianza, dei diritti civili, del rispetto, della solidarietà e, perché no, dell’allegria che una festa di portata internazionale come gli EuroGames comporta.

Potrebbe interessarti anche: , Notte di San Lorenzo 2020 a Roma: dove vedere le stelle cadenti? , Piero Angela racconta i Viaggi nell'Antica Roma: biglietti e orari , Musei civici di Roma e Fori Imperiali, riapertura dal 2 giugno: biglietti, regole d'accesso e mostre in corso , Il Bioparco di Roma riapre: prezzo biglietti, prenotazioni, orari, sicurezza , Riapre il Colosseo a giugno. Biglietti, prenotazioni e orari del Parco archeologico

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.