Cosa fare a Roma: i monumenti più belli da vedere, dal Colosseo alla Fontana di Trevi

Cosa fare a Roma: i monumenti più belli da vedere, dal Colosseo alla Fontana di Trevi

Cultura Roma Lunedì 1 luglio 2019

Colosseo
© Fabio Liguori

Roma - Bellezza, fascino e immensità: i monumenti di Roma, veri e proprie meraviglie dell’arte, sono lì, fermi nel tempo, pronti a regalare ogni giorno emozioni indelebili al mondo intero.

Parlando di monumenti, come non iniziare con l’anfiteatro Flavio, meglio conosciuto come il Colosseo? Il Colosseo fu il primo anfiteatro monumentale ad essere costruito a Roma. Il biglietto per visitare il Colosseo è utilizzabile  anche  per l’ingresso al Foro Romano e al Palatino. Colosseo, Foro romano e Palatino sono aperti tutti i giorni, tranne il 25 dicembre e il primo gennaio, dalle 8.30 fino a un'ora prima del tramonto.

Continuiamo con i monumenti da non perdere a Roma: ventuno metri di altezza, marmo bianco, tre fornici e colonne di ordine corinzio: l’arco di Costantino si presenta così agli occhi dei visitatori. L’arco celebra il rito dell’ingresso cerimoniale dell’imperatore Costantino a Roma e si trova in via di San Gregorio.

Eretto nel 1882 e dedicato al primo re d’Italia, Vittorio Emanuele II, l’Altare della Patria, o Vittoriano, sorge in piazza Venezia e, dal 1921, ospita la tomba del Milite ignoto. Il Vittoriano, aperto tutti i giorni, 25 dicembre escluso, dalle 9.30 alle 18.45, propone una panoramica sorprendente della città eterna.

Sorge nell’omonima via il teatro Marcello, famoso per i giochi secolari. Edificato sulle rovine di un palazzo,  fu iniziato da Giulio Cesare e terminato da Augusto. Nell’area del teatro Marcello sono visibili ancora oggi, inoltre, le tre colonne di ordine corinzio del tempio di Apollo.

La colonna Traiana, dedicata all’imperatore Traiano nel 113 d.C, sorge nell’omonimo foro. Sulla sommità del monumento, alto circa 40 metri, c’è la statua di San Pietro. Nel suggestivo fregio sono raffigurate le due campagne daciche,  divise dalla figura della Vittoria.

Occorre attraversare via del Corso e fermarsi in piazza Colonna, di fronte a Palazzo Chigi, per ammirare l’altra colonna coclide di Roma: la colonna di Marco Aurelio. Fatta realizzare da Commodo, la colonna è  alta 42 metri e racconta le campagne militari dell’imperatore Marco Aurelio sui Marcomanni e i Quadi.

In piazza della Rotonda sorge il tempio dedicato a tutti gli dei: il Pantheon. Simbolo dell’imperatore Augusto e della Gens Iulia, il Pantheon possiede la più grande cupola in muratura. Ad accogliere i turisti è l’iscrizione sull’architrave, riferita ad Agrippa, suo edificatore.

Cinema, storia, classicismo e barocco: ecco ora un altro dei monumenti più amati a Roma, la Fontana di Trevi. Progettata da Nicola Salvi tra il 1732 e il 1763, la Fontana di Trevi si trova nell’omonima piazza. Il tema della fontana più famosa del cinema è il mare: il cocchio a forma di conchiglia trainato da cavallucci marini, con la statua di Nettuno, non smette di affascinare.

Per ammirare il mausoleo dalla base quadrata e l’arcangelo Michele che veglia sulla città dall’alto, Castel Sant’Angelo, occorre attraversare Ponte Sant’Angelo o Ponte Elio. Castel Sant’Angelo, edificato nel 123 d.C, oltre ad essere il luogo di sepoltura degli imperatori romani fino a Caracalla, è anche un museo: tutti i giorni dalle 9 alle 19.30 è possibile ammirare, infatti, affreschi della scuola di Raffaello e gli appartamenti di Papa Paolo III.

Una città nella città: così è definita da molti la città del Vaticano. A fare da cornice alla basilica più famosa del pianeta, la Basilica di San Pietro, è l’imponente e magico colonnato, realizzato da Gian Lorenzo Bernini.  Ad avviare la costruzione della prima basilica fu l’imperatore Costantino nel 320, dove la tradizione voleva che fosse la tomba di Pietro. Ricostruita da Donato Bramante, oggi la Basilica è un luogo in cui culto e arte si uniscono, dando vita a qualcosa di entusiasmante. La Pietà di Michelangelo e il baldacchino di Bernini situati all’interno della basilica possono essere ammirati tutti i giorni, gratuitamente.

Potrebbe interessarti anche: , Il Giardino di Ninfa riapre: prenotazioni, orari, biglietti , Beni Fai: il Parco Villa Gregoriana a Tivoli è aperto al pubblico. Orari e misure di sicurezza , Celleno, il borgo fantasma si visita on line: ecco i tour guidati in streaming al misterioso borgo medievale

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.