Attualità Roma Venerdì 8 marzo 2019

Centri Anti Violenza Roma: nascono due nuovi Cav

© pixabay.com

Roma - Verranno aperti a Roma due nuovi Cav, Centri Anti Violenza, nel Municipio I e nel Municipio III, per costruire una rete capillare di servizi e attività per rafforzare i diritti delle donne.

In particolare il Cav del Municipio I verrà inaugurato martedì 12 marzo alla presenza della sindaca di Roma Virginia Raggi, dell’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre, dell’assessora a Roma Semplice Flavia Marzano, della Regione Lazio e del Municipio I.

Le due nuove strutture si affiancano così ai tre già avviati a partire da marzo 2018 nel Municipio VI, nel Municipio VII e nel Municipio VIII. I Centri Anti Violenza, aperti per almeno cinque giorni a settimana, garantiscono un numero telefonico attivo 24 ore su 24 e assicureranno, attraverso un percorso personalizzato, ascolto, accoglienza, assistenza psicologica, assistenza legale, supporto a figli/e minori, orientamento al lavoro, orientamento all’autonomia abitativa.

I Centri Anti Violenza operano in sinergia con altre strutture finanziate da Roma Capitale, che si occupano di fasi successive alla presa in carico: due case rifugio che ospitano e forniscono consulenza a donne vittime di abusi e maltrattamenti, eventualmente con figli minorenni e operatrici attive h24, e una casa per la semi-autonomia, che accoglie donne italiane e straniere, tramite operatrici attive nelle ore diurne.

A completamento dei progetti mirati alla tutela delle donne, il Servizio Roxanne, per le vittime di tratta, con due unità di contatto e uno sportello diurno, oltre a quattro strutture di accoglienza per le donne sfruttate. Il servizio opera a sostegno e reinserimento delle vittime di tratta ed offre prevenzione e consulenza anche legale a tutti i soggetti presenti su strada.

Tra il 12 marzo, giorno dell’avvio delle attività, e il 31 dicembre 2018, i tre nuovi Centri Anti Violenza di Roma sono entrati in contatto con 541 donne: in via Sisenna, nel Municipio VI, il 32% (175); in via Fortifiocca, nel Municipio VII, il 27% (147); al Casale Rosa, nel Municipio VIII, il 40% (219). La media è di circa 2 donne al giorno. Il 70% (376), dopo il primo contatto, ha avuto accesso recandosi almeno una volta fisicamente presso la sede dei Cav mentre il 60% (324) ha iniziato un percorso di fuoriuscita dalla violenza con l’attivazione della presa in carico.

Il primo contatto con il Cav di Roma può avvenire direttamente (la donna telefona, oppure si reca in sede) o indirettamente attraverso, ad esempio, la segnalazione da parte di altri soggetti quali servizi sociali, forze dell’ordine, presidi sanitari. In prevalenza il primo contatto è diretto, 76% (412).

L’età delle donne che si sono recate ai Cav di Roma va dai 16 agli oltre 84 anni. La fascia di età con percentuale maggiore va dai 25 ai 54 anni (48%): dai 25 ai 34 anni sono 84 donne in totale, per una percentuale pari al 16%; dai 35 ai 44 anni sono ulteriori 84 donne, con una percentuale pari al 16%; dai 45 ai 54 anni sono 87 le donne, con una percentuale pari al 16%.

Lo stato civile delle utenti vede in parità le donne nubili, 30% (161), e le donne coniugate, 30% (160). In percentuale inferiore, 16% (87) le donne separate, mentre le altre categorie (divorziata, convivente o vedova) in percentuali nettamente minori. Per quel che concerne l’attività professionale svolta, emerge come una percentuale consistente di donne, pari al 25% (133) risulta essere lavoratrice dipendente, seguono le donne prive di occupazione pari al 16% (84). Il 6% (34) sono lavoratrici libere professioniste, mentre vi è un 5% (27) di badanti/colf e una ugual percentuale di donne, quindi il 5%, svolgono piccoli lavori occasionali, prive di impiego fisso.

Dalle 541 schede emerge nettamente che la violenza contro le donne si consuma prevalentemente nei rapporti di intimità: gli autori delle violenze sono legati o lo sono stati da rapporti sentimentali con le utenti, o ne sono parenti. Soltanto nell’1% dei casi (8) l’autore viene indicato come sconosciuto; 1% (7) come collega/datore di lavoro; 2% (10) altro. La voce più alta si registra per il coniuge, 27% (146).

Potrebbe interessarti anche: , Meteo Pasqua e Pasquetta 2019 Roma: domenica nuvolosa, lunedì possibili piogge in serata , Greta Thunberg a Roma: incontra il Papa, va in Senato e sciopera in piazza , Roma Tre: stop alla plastica con borracce in acciaio gratuite per gli studenti , Euro 2020 a Roma, Totti e Vialli ambasciatori italiani , Ordinanza anti-alcol a Roma: orari e info fino al 26 aprile 2019

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.