Musei gratis a Roma domenica 3 marzo, dal Colosseo ai Musei Capitolini

Musei gratis a Roma domenica 3 marzo, dal Colosseo ai Musei Capitolini

Cultura Roma Venerdì 1 marzo 2019

Roma, Colosseo
© Fabio Liguori

Roma - Per la prima domenica del mese, domenica 3 marzo 2019, si entra gratuitamente nei Musei Civici per i residenti a Roma e nella Città Metropolitana, un'iniziativa promossa da Roma CapitaleAssessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. L'iniziativa si inserisce nel panorama romano già ricco di eventi per questo weekend; per cui, se siete in cerca di guida, vi consigliamo di leggere il nostro Weekend Roma, cosa fare e dove andare. Per orientarvi invece tra le mostre visitabii gratuitamente questa domenica, non vi resta che proseguire la lettura.

Oltre alle collezioni permanenti dei musei, è possibile entrare gratuitamente nei musei per visitare le tante mostre in corso, a esclusione di Il Sorpasso. Quando l’Italia si mise a correre, 1946-1961 al Museo di Roma. Sarà inoltre aperto al pubblico il percorso di visita nell'area dei Fori Imperiali, dalle 8.30 alle 17, con ultimo ingresso alle 16. L'apertura straordinaria prevede l’ingresso gratuito in prossimità della Colonna di Traiano e, dopo il percorso attraverso i Fori di Traiano e di Cesare, la prosecuzione attraverso il breve camminamento nel Foro di Nerva, che permette di accedere al Foro Romano mediante la passerella realizzata presso la Curia dalla Soprintendenza di Stato.

Sono in corso numerose mostre da visitare gratuitamente, incentrate su argomenti molto differenti, a partire dai Musei Capitolini, che ospitano La Roma dei Re. Il racconto dell'archeologia e I Papi dei Concili dell’era moderna. Arte, Storia, Religiosità e Cultura.

Proseguendo, alla Galleria d'Arte Moderna di via Francesco Crispi, Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione racconta la figura femminile attraverso artisti che l’hanno rappresentata e celebrata nelle diverse correnti artistiche e temperie culturali tra fine Ottocento, lungo tutto il Novecento e fino ai giorni nostri. Nel chiostro-giardino della Galleria, l’installazione etica di Antonio Fraddosio Le tute e l’acciaio è dedicata agli operai dell’Ilva e alla città di Taranto (prorogata fino al 5 maggio 2019).

Al Casino dei Principi di Villa Torlonia Discreto continuo - Alberto Bardi. Dipinti 1964/1984 presenta circa settanta opere tra le più rappresentative della lunga attività dell’artista; la mostra ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica. Alla Casina delle Civette, sempre all’interno di Villa Torlonia, Il mito rivisitato. Le maschere arcaiche della Basilicata è un viaggio – in 38 opere tra maschere e sculture dell’artista Nicola Toce – nello spazio e nel tempo alla scoperta di storie e cronache di vita fra natura impervia e borghi accoglienti.

Ultimo giorno per visitare la mostra Lisetta Carmi. La bellezza della verità al Museo di Roma in Trastevere, dove è in corso fino al 10 marzo anche Vento, caldo, pioggia, tempesta. Istantanee di vita e ambiente nell’era dei cambiamenti climatici, un percorso fotografico con cui Greenpeace racconta i cambiamenti climatici che ci riguardano tutti da vicino.

Al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco la mostra sull’archeologo e mercante d'arte Ludwig Pollak (Praga 1868 – Auschwitz 1943) ripercorre la storia professionale e personale del grande collezionista dalle sue origini nel ghetto di Praga agli anni d’oro del collezionismo internazionale, alla tragica fine nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

Il fascino e la magia del Colosseo sono raccontati ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali in Viaggio nel Colosseo - Magico fascino di un monumento attraverso una selezione delle opere dell’artista austriaco Gerhard Gutruf, realizzate in tecniche e formati differenti.

Domenica 3 marzo sarà possibile, per chi risiede o studia a Roma, acquistare la Mic, la card che al costo di 5 Euro permette l’ingresso illimitato negli spazi del Sistema dei musei civici di Roma per 12 mesi. Con la Mic sono gratuite le visite e le attività didattiche che rientrano nel biglietto d’ingresso al museo a cura dei funzionari della sovrintendenza capitolina, mentre non sono comprese le mostre al Museo di Roma a Palazzo Braschi e al Museo dell’Ara Pacis.

Per informazioni consultare il sito di Musei in Comune Roma.

Ecco le mostre in corso a Roma:

MUSEI CAPITOLINI

  • La Roma dei Re. Il racconto dell’Archeologia. Prorogata fino al 5 maggio 2019 (Palazzo Caffarelli e Area del Tempio di Giove di Palazzo dei Conservatori). La fase più antica della storia di Roma è illustrata ricostruendo costumi, ideologie, capacità tecniche, contatti con ambiti culturali diversi, trasformazioni sociali e culturali delle comunità che vivevano quando Roma, secondo le fonti storiche, era governata da re. I Papi dei Concili dell’era moderna. Arte, Storia, Religiosità e Cultura. Prorogata fino al 3 marzo 2019 (Palazzo dei Conservatori - Sale piano terra). La mostra costituisce un’occasione unica per ripercorrere la storia degli ultimi tre concili dell’età moderna.

GALLERIA D'ARTE MODERNA

  • Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione. Fino al 13 ottobre 2019. La figura femminile attraverso artisti che hanno rappresentato e celebrato le donne nelle diverse correnti artistiche e temperie culturali tra fine Ottocento, lungo tutto il Novecento e fino ai giorni nostri.
  • Antonio Fraddosio. Le tute e l’acciaio. Prorogata fino al 5 maggio 2019 Un’installazione etica, un monumento antiretorico dedicato agli operai dell’Ilva e alla città di Taranto.

MUSEO DI ROMA

  • Il Sorpasso. Quando l’Italia si mise a correre. Fino al 3 febbraio 2019 (mostra a pagamento anche per i possessori della MIC card). Dalla dura ricostruzione del paese dopo la devastazione della seconda guerra mondiale al clamoroso boom economico degli anni ’60.

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE

  • Lisetta Carmi. La bellezza della verità. Fino al 3 Marzo 2019. La mostra si propone di valorizzare l’opera della fotografa attraverso un percorso espositivo scandito da tre nuclei di lavori, concepiti come progetti di pubblicazione su tre temi molto diversi fra loro: la metropolitana parigina, i travestiti e la Sicilia. In mostra saranno presenti anche i lavori più noti, a documentare un percorso fotografico lungo vent’anni, tra i Sessanta e i Settanta, caratterizzato da un’attenta osservazione della realtà, mai occasionale e straordinariamente empatica.
  • Vento, caldo, pioggia, tempesta. Istantanee di vita e ambiente nell’era dei cambiamenti climatici. Fino al 10 marzo 2019. Attraverso un percorso di fotografie Greenpeace racconta come i cambiamenti climatici non riguardino solo paesi e luoghi lontani da noi e come non siano così distanti nel tempo.

MUSEI DI VILLA TORLONIA

  • Discreto continuo - Alberto Bardi. Dipinti 1964 / 1984. Casino dei Principi. Fino al 31 Marzo 2019. La mostra ripercorre la ricerca artistica di Aberto Bardi da una fase figurativa iniziale a una pittura più gestuale, a un ulteriore cambiamento in senso strutturalista fino al periodo, interessante e affascinante, delle textures ottenute con un procedimento innovativo, attraverso un sistema di matrici pastellate. Esposti per la prima volta alcuni fogli di giornale (soprattutto L’Espresso), realizzati da Bardi nella seconda metà degli anni ’60. Sono pennellate rapide, di getto, nel tentativo di sintetizzare colori, gesto e istinto creativo. Chiude la mostra un’ampia documentazione fotografica, relativa agli anni in cui l’artista ricoprì il ruolo di Direttore della Casa della Cultura di Roma.

MUSEO DI SCULTURA ANTICA GIOVANNI BARRACCO E MUSEO EBRAICO DI ROMA

  • Ludwig Pollak (Praga 1868 - Auschwitz 1943) archeologo e mercante d'arte. Fino al 5 Maggio 2019. Le opere in mostra ripercorrono la storia professionale e personale del grande collezionista: dalle sue origini nel ghetto di Praga, agli anni d’oro del collezionismo internazionale, alla tragica fine nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

MERCATI DI TRAIANO – MUSEO DEI FORI IMPERIALI

  • Viaggio nel Colosseo - Magico fascino di un monumento. Fino al 3 Marzo 2019 La mostra grafica vuole rappresentare il fascino che la magia del Colosseo ha sempre esercitato su Gerhard Gutruf, attraverso una selezione di opere realizzate in tecniche e formati differenti ma accomunate dallo stesso spirito, espressione della chiave interpretativa assolutamente originale del pittore, erede del pensiero iconografico classico e artista intimamente e culturalmente europeo.

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.