Cinema Roma Giovedì 8 novembre 2018

Gipi, la recensione di Il ragazzo più felice del mondo: la presentazione a Roma

© GIPIofficial - Facebook

Roma - Il ragazzo più felice del mondo segna il ritorno alla regia di Gipi, pseudonimo di Gian Alfonso Pacinotti, tra i maggiori fumetti italiani e, probabilmente, anche europei. Gipi aveva esordito dietro la macchina da presa nel 2011 con L’ultimo terrestre, spiazzante ufo che andò in Concorso a Venezia, e proseguito il suo percorso cinematografico l’anno dopo con Smettere di fumare fumando, operazione dal taglio diaristico e girata in prima persona che passò al Torino Film Festival l’anno successivo.

Questa nuova sortita al cinema dell’autore di libri come Esterno notte e Una storia è più vicina al film di sei anni fa, come vocazione e come impianto. Ma il tono è decisamente diverso, meno votato all’autoanalisi e più gioviale, con un buonumore e una vena poetica che concedono ampio spazio all’ironia, a una poeticità che di tanto in tanto sfugge persino di mano, tanto è cercata e voluta.

Il motivo di questo tono fortemente emotivo, perfino romantico, è facilmente intuibile: Il ragazzo più felice del mondo, presentato nuovamente a Venezia nella sezione Sconfini, è il film con cui Gipi fa i conti senza alcuna barriera col fumetto, col mezzo espressivo che coincide col suo universo autobiografico e sentimentale. Decidendo, non a caso, di mettersi sulle tracce di una persona che da più di vent’anni manda lettere cartacee scritte a mano a tutti gli autori di fumetti italiani spacciandosi per un ragazzino di quindici anni. Chiedendo semplicemente, di volta in volta, l’autografo del suo disegnatore preferito.

Da questo spunto parte un viaggio dai contorni buffi e sgraziati, non esente da una certa dose di alienazione e di candore. Nella prima scena del film, in un impeto di comicità scorretta e pirotecnica, Gipi cerca di convincere Domenico Procacci di Fandango, suo produttore di fiducia, a realizzare la bislacca versione al maschile di La vita di Adele di Kechiche, da lui ribattezzata La vita di Adelo, mimandogli pose sessuali e dettagli pruriginosi in un impeto di ardore e imbarazzo.

La scena è esilarante ma estranea al resto del film, per il quale si limite a essere un escatamotage narrativo, un punto di partenza originale. L’ardore e l’imbarazzo però ritorneranno, in forme diverse, nel corso di quest’incursione nel racconto per immagini in senso lato, visto attraverso gli occhi ingenui e un po’ naïf di Gipi, che attraverso il dispositivo scelto per questa vicenda non esita a mettersi a nudo, con le sue ispirazioni e le sue ossessioni.

Il suo road movie, condotto insieme ad amici scalcinati e a una troupe improvvisata, è animato da una simpatia istantanea che che oscilla tra il documentario e la fiction mettendosi sulle tracce del ragazzo più felice del mondo del titolo - un fanboy misterioso ed enigmatico, un rompicapo capace di scombussolare - e confessando, allo stesso tempo, molto di se stesso, delle sue paure e dei suoi inciampi, dei suoi orizzonti creativi e del suo mondo.

Il regista sarà in sala per salutare il pubblico e presentare il film venerdì 9 novembre al Cinema Lux di Roma, alle ore 20.20. Di seguito potete leggere il calendario completo degli eventi relativi alla presentazione de Il ragazzo più felice del mondo, che esce oggi distribuito da Fandango, in giro per l’Italia.

Potrebbe interessarti anche: , Festa del Cinema di Roma 2018: i film più belli. Ecco come è andata , La profezia dell’armadillo, tratto dal fumetto di Zerocalcare: «In questa storia abbiamo cercato la nostra voce»

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.

Oggi al cinema a Roma

Animali fantastici I crimini di Grindelwald Di David Yates fantastico 2018 L'universo di Harry Potter non smette di incantare. A distanza di un anno da Animali Fantastici e dove trovarli, già si annuncia il 15 novembre 2018, la data del nuovo capitolo del fortunato spinoff sul magico mondo del mago di Hogwarts. Animali... Guarda la scheda del film