Le chiese da vedere a Roma, da San Pietro a San Giovanni in Laterano

Le chiese da vedere a Roma, da San Pietro a San Giovanni in Laterano

Cultura Roma Lunedì 24 settembre 2018

Roma, basilica di San Pietro
© Marc Biarnès - Flickr.com
Altre foto

Roma - Organizzare un tour alla scoperta delle basiliche e delle chiese a Roma? Forse è difficile, ma non impossibile. Roma ne conta circa mille, le più famose e antiche delle quali sono prese d'assalto dai turisti.

Situata nell’omonima piazza, la basilica dei Santi Giovanni e Paolo risale alla fine del IV secolo, quando il senatore Bizante la fece erigere sui resti dei due santi martirizzati. Denominata dai romani la chiesa dei lampadari, che sono imponenti e creano incredibili effetti di luce, attira ogni giorno l’attenzione di milioni di visitatori.  È inoltre la chiesa più elegante e amata dalle spose romane, unica nel suo genere.

Presso il Campidoglio, sulla sommità settentrionale, dove un tempo sorgeva l’antico tempio di Giunone Moneta, oggi si erge la basilica di Santa Maria in Aracoeli, in stile romanico. L’ingresso della chiesa è preceduto dalla sua simbolica scalinata, costruita nel 1348 come ringraziamento per la fine di una pestilenza. Secondo la tradizione, il primo a salire i 124 gradini fu Cola Di Rienzo. Un'antica leggenda narra che di notte la scalinata veniva fatta in ginocchio mentre si recitavano Avemarie e De Profundis, raccomandando i tre Re Magi per ottenere i numeri vincenti al gioco del lotto.

La chiesa di Santa Maria in Portico in Campitelli, che si trova nell'omonima piazza, è un'antichissima chiesa che deve il suo nome al rione nel quale è stata costruita. Ex Voto barocco, fu eretta per accogliere la miracolosa immagine della Vergine che si trovava in Santa Maria del Portico. Capolavoro assoluto di Carlo Rainaldi, è uno dei santuari mariani più antichi di Roma.

Tra il Pantheon e piazza Navona si trova la chiesa di San Luigi dei Francesi. Gioiellino d’arte barocca e luogo di culto nazionale dei francesi a Roma, ospita il celebre ciclo pittorico del Caravaggio e alcune tombe illustri, tra cui quella di Pauline de Beaumont e del cardinale Francois Joachin de Bernis, ambasciatore dei re Luigi XV e XVI.

Situata in una delle più celebri piazze di Roma, piazza del Popolo, la basilica di Santa Maria del Popolo è ricca di storia e capolavori: Caravaggio, Raffaello, Annibale Carracci, Bramante, Bernini, Pinturicchio e tanti altri hanno contribuito a renderla un eterno capolavoro e uno degli edifici più significativi del rinascimento romano, imperdibile per tutti gli amanti dell’arte.

Iniziata nel 1502 per volere del re di Francia Luigi XII, la chiesa della Trinità dei Monti, consacrata da Sisto V nel 1585, fu costruita in stile gotico con le pietre provenienti dalla città di Narbonne. Le cappelle sono affrescate di celebri capolavori, tra cui quelli di Daniele da Volterra, Perin Del Vaga Giovanni Battista Naldini. Di notevole importanza sono le quattro basiliche papali di Roma, luoghi dalla grande sacralità e ricchezza artistica.

La basilica di San Giovanni in Laterano fu la prima basilica urbana costruita a Roma. Tentativo di vera e propria sintesi dei linguaggi architettonici e opera eccellente di Francesco Borromini. Al suo interno brillano sotto gli occhi dei turisti gli affreschi di Giotto, Daniele da Volterra e il reliquiario contenente le reliquie degli apostoli Pietro e Paolo. Madre di tutte le chiese del mondo, è una meta fondamentale per i pellegrini.

Sorge invece sopra una delle tre cime del colle Esquilino, il Cispio, la basilica di Santa Maria Maggiore, autentico gioiello pieno di bellezze dal grandissimo valore. All’interno della basilica ci sono affreschi di illustri pittori del cantiere di Sisto V.  Considerato il più antico santuario mariano d’occidente e culla della civiltà artistica, è l’unica basilica che conserva le strutture originali del suo tempo. Al suo interno le tre navate sono divise da colonne con capitelli ionici. Secondo la leggenda, la notte del 5 agosto del 352 la Madonna apparve a Papa Liberio e a un patrizio romano, invitandoli a costruire una chiesa, dove al mattino avrebbero trovato la neve, che cadde in piena estate.  La chiesa, per questo motivo, è  detta anche Liberiana e il cinque agosto di ogni anno viene rievocato il Miracolo della Nevicata attraverso una solenne celebrazione.

Lungo la via Ostiense sorge la seconda basilica più grande dopo quella di San Pietro: struttura bizantina e meta di pellegrinaggi ininterrotti, la basilica di San Paolo fuori le mura fu costruita sul luogo di sepoltura di Paolo di Tarso. Per entrare nella basilica, visitare la tomba di San Paolo, i vari affreschi, i mosaici e le pitture, bisogna attraversare il quadriportico adornato da quattro palme e aiuole. La notte del 15 luglio 1823 un incendio causato da uno stagnaio, che dimenticò il fuoco acceso, la distrusse;  a salvarsi furono solamente il transetto, l’abside e il chiostro.

Meraviglia e stupore: questo provano turisti, pellegrini e romani ogni volta che alzano gli occhi al cielo e osservano l’imponente e sorprendente cupola della basilica di San Pietro in Vaticano, che si eleva sopra i tetti di Roma. Simbolo dello stato pontificio, è la più grande delle quattro basiliche papali. Nel luogo della sepoltura di Pietro, ad avviare la costruzione della basilica fu Costantino. Duecentoottantaquattro le colonne doriche  che formano il suggestivo colonnato illusionistico, ideato e progettato dal Bernini, che precede l’entrata della basilica. All'interno della basilica di San Pietro ci sono innumerevoli capolavori: dalla Pietà di Michelangelo al Baldacchino di Gian Lorenzo Bernini. Ubicata a dieci metri circa di profondità vi è una vera e propria necropoli. Per visitare le tombe dei papi occorre però aver compiuto quindici anni. È possibile salire sul celeberrimo cupolone; ammirare la città eterna da 133 metri costa 8 Euro per i più coraggiosi, quelli che sceglieranno di scalare 551 gradini; 10 Euro per i più pigri, chi sceglieranno l’ascensore, ma poi dovranno proseguire comunque a piedi. Varrà la pena visitare la basilica, trionfo di Roma, capitale della cristianità e dello stato della chiesa.

Potrebbe interessarti anche: , Il Bioparco di Roma riapre: prezzo biglietti, prenotazioni, orari, sicurezza , Riapre il Colosseo a giugno. Biglietti, prenotazioni e orari del Parco archeologico , Il Giardino di Ninfa riapre: prenotazioni, orari, biglietti , Beni Fai: il Parco Villa Gregoriana a Tivoli è aperto al pubblico. Orari e misure di sicurezza , Celleno, il borgo fantasma si visita on line: ecco i tour guidati in streaming al misterioso borgo medievale

Fotogallery

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Roma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Roma.