Rami, ceppi, tronchi, radici: le opere di Erminio Tansini nella mostra Concrete illusioni - Piacenza

Rami, ceppi, tronchi, radici: le opere di Erminio Tansini nella mostra Concrete illusioni

Mostre Piacenza Lunedì 3 giugno 2019

© Davide Tansini
Altre foto

Contenuto in collaborazione con In arce

Piacenza - Un insolito percorso di immagini e sensazioni tra scultura e fotografia: è ciò che propone la mostra Concrete illusioni dell’artista Erminio Tansini. Visitabile fino al 29 giugno 2019, l’esposizione è ospitata presso il Palazzo San Pietro di Piacenza. L’evento è dedicato all’attività scultorea di Tansini, che da quasi trent’anni produce statue utilizzando sia il bronzo sia il legno. La mostra si focalizza proprio su quest’ultimo materiale, che l’autore recupera dai greti dei torrenti montani e dalle spiagge marine. 

Rami, ceppi, tronchi, radici:  è il legno trascinato dalle frane, trasportato dalle correnti, levigato dall’azione dell’acqua e delle rocce. Gran parte proviene dall’Appennino ligure e tosco-emiliano: Cinque Terre, Valtrebbia e Valtaro; saltuariamente, Lunigiana, Valnure e Valtidone.

Erminio Tansini rigenera la materia lignea, creando sculture fatte di intrecci, sovrapposizioni e agglomerati di masse apparentemente casuali. In queste scene informali l’osservatore è catturato da effetti pareidolici, che lo portano a riconoscere profili e sagome note, fugaci nell’apparire e nello scomparire, mutevoli a seconda del punto di vista. La mostra Concrete illusioni propone le statue tansiniane attraverso le immagini scattate durante i sets fotografici allestiti durante la rassegna itinerante Forme sfuggenti.

Iniziata nel 2018, la serie scenarizza le sculture di Tansini in vari luoghi dell’Italia, della Svizzera e della Francia: presso castelli, corsi e specchi d’acqua, paesaggi rupestri e siti archeologici. Locations affini con il carattere scarno ed essenziale delle sculture tansiniane; inoltre, poco utilizzate per manifestazioni culturali ed espositive di tipo tradizionale. La rassegna Forme sfuggenti recupera questi luoghi allo spazio artistico, proseguendo e sviluppando il tema della rigenerazione già presente nelle statue.

Nelle scenarizzazioni gli elementi delle architetture e del paesaggio interagiscono visivamente con i soggetti scultorei fino a trasfigurare l’ambientazione stessa. Si creano scene surreali, oniriche e fantastiche, colte nella loro fugacità e fissate tramite l’obiettivo della macchina fotografica. A corredo delle immagini la mostra di Piacenza presenta una selezione di sculture ultimate, di statue in fase di elaborazione e alcuni pezzi di legno grezzi.

Concrete illusioni è il terzo evento della rassegna itinerante Chimere, che sta facendo tappa in varie località del Nord Italia. L’esposizione è curata dal figlio dell’artista stesso, Davide Tansini, che dirige anche la rassegna Forme sfuggenti. La mostra è aperta nei seguenti orari: lunedì 14-19,martedì-sabato 9-19. L’entrata del Palazzo San Pietro è situato in Via Carducci, 14 a Piacenza.  Mostra accessibile anche da persone con disabilità motorie.

Info

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Piacenza consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Piacenza.