Apparat in concerto al Teatro Regio, all'interno del Barezzi Festival - Parma

Apparat in concerto al Teatro Regio, all'interno del Barezzi Festival

Musica Parma Teatro Regio Domenica 17 novembre 2019

© Chiara Ferrari
Altre foto

Parma - Il Teatro Regio di Parma è sembrata la cornice perfetta per ospitare un concerto come quello di Sascha Ring, in arte Apparat, membro dei Moderat ed esponente dell'elettronica berlinese. Il concerto, che si è tenuto sabato 16 novembre, rientrava tra gli eventi del Barezzi Festival, rassegna musicale che commistiona musica classica e contemporanea alla ricerca del suono di qualità. 

Tra i palchi dorati, i putti danzanti e il velluto rosso del Teatro Regio, il concerto di Apparat non è stato solo una semplice esibizione, ma una performance artistica a tutto tondo, che ha preso per mano il pubblico e l'ha catapultato in un universo onirico e profondo, costruito dal suono cupo e armonico dell'elettronica. Il tutto accompagnato da una scenografia potente, fatta di led colorati che completavano e amplificavano i brani, divenendo un tutt'uno con gli artisti e con la musica. Sul palco del Teatro Regio batterie, chitarre, archi e fiati si sono fusi ai sintetizzatori, creando una melodia piena, complessa e forte come una scossa vitale. Il mondo disegnato dalla musica di Apparat è un vero e proprio trip, un viaggio in cui spazio e tempo perdono i loro confini e si fluidificano. Non contano più il quando e il dove, ma il come: il sentire - non solo con le orecchie - diventa protagonista di un'esperienza che va molto oltre il «Ieri sera sono andato a un concerto». 

Tra gli ospiti d'onore di questa tredicesima edizione del Barezzi Festival, Appart instilla in ogni suono che produce un minimo comune denominatore: un'eleganza palpabile, quasi solida, che fornisce strati di dettagli sfumati capace di generare una bellezza fortemente emotiva. Come membro di Moderat, il cui ultimo album III è stato pubblicato su Monkeytown (Mute in Nord America) nel 2016, come partner musicale di Ellen Allien (Orchestra of Bubbles) e come solista, Apparat ha sempre cercato di trascendere il dance floor e la sala da concerto allo stesso modo, concentrandosi sui dettagli per esaltare il risultato finale con melodie capaci di riecheggiare nella memoria.

Recentemente Apparat si è concentrato sul cinema, su progetti tv e produzioni teatrali, ottenendo riconoscimenti e awards per lavori come Capri – Revolution (diretto da Mario Martone, 2018), che ha vinto la migliore colonna sonora al Festival del cinema di Venezia, e per Manufactory, performance frutto della collaborazione con gli artisti visivi di Transforma - collaboratori di lunga data -, recentemente eseguita al Barbican di Londra con grande successo.

Nel 2014 Apparat ha firmato anche la colonna sonora del film Il giovane favoloso, sulla vita di Giacomo Leopardi, interpretato da Elio Germano. Il suo pezzo più celebre, Goodbye, è stato utilizzato nelle serie tv Breaking Bad, Dark, Maltese - Il Romanzo del Commissario e nello stesso film Il giovane favoloso.

Apparat vive e lavora a Berlino. All'inizio della sua carriera componeva musica techno orientata soprattutto all'ambito dance-floor, ma in pochi anni ha sviluppato caratteristiche sonore più vicine al mondo ambient. Recentemente ha dichiarato che è  «più interessato nel disegnare suoni piuttosto che semplici beats». La performance realizzata all'interno del Barezzi Festival ha senza dubbio confermato questa sua tendenza. 

Fotogallery

Mentelocale.it indica in modo indipendente alcuni link di prodotti e servizi che si possono acquistare online. In questo testo potrebbero comparire link a siti con cui mentelocale.it ha un’affiliazione, che consente all'azienda di ricavare una piccola percentuale dalle vendite, senza variazione dei prezzi per l'utente.

Scopri cosa fare oggi a Parma consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Parma.