La Sicilia in 10 libri: da Camilleri ad Alajmo, consigli di lettura - Palermo

La Sicilia in 10 libri: da Camilleri ad Alajmo, consigli di lettura

Cultura Palermo Giovedì 27 febbraio 2020

Palermo - Dieci letture per intercettare l’anima della Sicilia e che incarnano quella dei siciliani. Dieci libri per auscultare cuore e ventre dell’Isola. Un gioco crudele, i volumi sono molti di più. Limitandosi a un decalogo essenziale, però, i titoli potrebbero essere questi.

Lo scanzonato Don Giovanni in Sicilia (1941) impone Vitaliano Brancati all’attenzione di critica e lettori. Merito di un terzetto di amici, i protagonisti, tra sogni di grandezza e vagheggiamenti erotici, in una Catania dove contano solo le avventure amorose.

Leggere Giuseppe Bonaviri – più amato e noto in Europa che in Italia, più volte candidato al Nobel – significa immergersi in una Sicilia onirica, notturna, fantastica, un continente arcaico e mitico. Il suo capolavoro d’esordio, Il sarto della stradalunga (1954), accartoccia il neorealismo con la visionarietà della prosa e dello sguardo.

Il più proverbiale e inossidabile romanzo del Novecento italiano, Il Gattopardo (1958) del palermitano Giuseppe Tomasi di Lampedusa, è anche uno dei più controversi, spesso interpretato in modo superficiale e manicheo. Racconta magistralmente un passaggio epocale, un cambio di testimone, i vecchi e i giovani.

Leonardo Sciascia non può mancare in questa lista. Fosse solo – ma chiaramente non è solo per questo – per come ne La corda pazza. Scrittori e cose della Sicilia (1970) sintetizza il carattere isolano, «il comportamento, il modo di essere, la visione della vita – paura, apprensione, diffidenza, chiuse passioni, incapacità di stabilire rapporti al di fuori degli affetti, violenza, pessimismo, fatalismo – della collettività e dei singoli».

La luce e il lutto (1988) di Gesualdo Bufalino, il più colto e raffinato degli scrittori isolani, è una raccolta di brevi saggi con cui lo scrittore di Comiso celebra la Sicilia plurale, le sue innate contraddizioni, i sincretismi di elementi inconciliabili, le fiamme e le ceneri, i suoi abitanti che continuano ad «opporre alle abbaglianti vociferazioni del sole la certezza immemorabile che su ogni cosa trionfa il niente».

Con L’olivo e l’olivastro (1994) Vincenzo Consolo viaggia nei luoghi degli scrittori isolani – Verga, Pirandello, Vittorini, Sciascia – ed è pellegrino sulle orme di Ulisse, Goethe e Maupassant. Una dichiarazione d’amore – non omettendo scorci di degrado – per l’Isola amata a lungo da lontano, da Milano, dove ha vissuto gli ultimi 44 anni di vita.

Va bene la lunga serie di Montalbano, ma è altrove che Andrea Camilleri si addentra davvero nella Sicilia. Esemplare Il gioco della mosca (1995), libro ibrido, sorta di dizionario, il cui combustibile è fatto di proverbi, aneddoti, ricordi familiari.

All’alba del XXI secolo un romanzo apparentemente ottocentesco comeLa mennulara (2002) di Simonetta Agnello Hornby disegna una Sicilia matriarcale, sfrontata, scandalosa, e una protagonista che, a dispetto di tutto e tutti, vince, non una vinta.

Non c’è più la Sicilia di una volta (2017) di Gaetano Savatteri è un florilegio di cliché capovolti sulla Sicilia dove tutto cambia, dove la dimensione metropolitana si contrappone agli stereotipi della provincia profonda, dove accanto al machismo c’è la prima grande associazione per i diritti degli omosessuali, dove le donne non stanno in un cantuccio, ma si affermano come manager e imprenditrici.

La carrellata può concludersi con Palermo è una cipolla di Roberto Alajmo, edito nel 2005, ma abbondantemente riscritto e ripubblicato nel 2019, come Palermo è una cipolla remix. La Città-cipolla, saporita, che fa anche piangere, da svelare fino al suo inconsistente nucleo, strato a strato, ha «natura irrequieta e irrisolta». Ed è specchio di tutta l’Isola.

Potrebbe interessarti anche: , Palermo: riapre l'orto botanico. Data, orari, biglietti ridotti e misure di sicurezza

Mentelocale.it indica in modo indipendente alcuni link di prodotti e servizi che si possono acquistare online. In questo testo potrebbero comparire link a siti con cui mentelocale.it ha un’affiliazione, che consente all'azienda di ricavare una piccola percentuale dalle vendite, senza variazione dei prezzi per l'utente.

Scopri cosa fare oggi a Palermo consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Palermo.