Cast off, la mostra dell’artista israeliana Yael Bartana - Modena

Cast off, la mostra dell’artista israeliana Yael Bartana - Palazzo Santa Margherita - Modena

17/10/2019

Venerdì 15 novembre 2019

CalendarioDate, orari e biglietti

Modena - A Modena, dal 15 novembre 2019 al 13 aprile 2020 nella sala grande e nelle sale superiori di Palazzo Santa Margherita, Fondazione Modena Arti Visive presenta la personale dell’artista israeliana Yael Bartana (Kfar Yehezkel, 1970), che attualmente vive e lavora tra Amsterdam e Berlino.

Modena - L’esposizione, curata da Chiara Dall’Olio, presenta sei installazioni video e fotografiche, che affrontano diverse declinazioni dei concetti di identità, rito, stato-nazione, e la strumentalizzazione di questi termini nella scena politica di oggi.

Modena - Mentre l’Italia e l’Europa stanno affrontando tensioni nazionaliste e nuove spinte separatiste, l’artista intende attirare l’attenzione sull’esistenza di meccanismi sociali e politici predominanti, incoraggiando il pubblico a interrogarsi sulla propria posizione rispetto a questi sistemi.

Il percorso espositivo che si diffonde su due piani di Palazzo Santa Margherita, si apre con il video in bianco e nero The Recorder Player from Sheikh Jarrah, girato nel 2010 in occasione di una protesta pacifica, in cui si vede una manifestante mentre suona un flauto dolce davanti a una fila compatta di militari israeliani, schierati di fronte a un gruppo che contesta l’espulsione dei residenti musulmani dai dintorni di Gerusalemme a opera dei coloni ebrei.

Nella stessa sala è installato il video del 2017 Tashlikh (Cast Off), che mette in scena in slow motion una carrellata performativa e simbolica di oggetti su sfondo nero. Gli oggetti provenienti da diversi contesti e storie appartengono sia ai carnefici che alle vittime di persecuzioni etniche, genocidi e guerre. Il titolo Tashlikh – che letteralmente significa gettar via – fa riferimento a un’antica pratica dell’Ebraismo, durante la quale i peccati dell’anno precedente sono simbolicamente rappresentati da un oggetto, che viene gettato nell’acqua corrente. In quest’opera, Bartana dilata questo rito secolare e crea un flusso di oggetti personali, abiti, fotografie, sciarpe.

La mostra continua nelle sale superiori di Palazzo Santa Margherita, in cui è installata la doppia proiezione di Summer Camp / Avodah. In questo lavoro del 2007, l’artista riprende l’estetica del film Avodah, diretto nel 1935 da Helmar Lerski che esortava gli ebrei a tornare in Patria dove edificare un’ideale nazione sionista. Bartana ne ribalta la prospettiva e presenta un’opera nella quale racconta la ricostruzione di una casa palestinese – distrutta dalle autorità Israeliane – da parte degli attivisti del Comitato Israeliano Contro la Demolizione delle Case.

Sempre nelle sale superiori è proiettato True Finn del 2014, un’opera incentrata su otto residenti finlandesi di etnie, religioni e provenienze differenti, che s’interrogano sul significato dell’essere finlandesi. In quest’opera Bartana si confronta con i meccanismi coinvolti nella costruzione di un’identità nazionale in un contesto completamente differente da quello delle sue origini. Il video è installato all’interno di un ambiente che riproduce il salotto della casa di campagna finlandese, in cui gli otto partecipanti al progetto conducono le loro discussioni.

Il video A Declaration del 2006 – presente nella collezione della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena – è il primo in cui l’azione ripresa non appartiene alla realtà, ma è una finzione cinematografica creata dall’artista. Il lavoro documenta una messa in scena, la sostituzione della bandiera israeliana – presente su uno scoglio della baia di Jaffa – con un albero di ulivo. L’ulivo è un simbolo di pace e allo stesso tempo un emblema nazionale sia della Palestina che di Israele, ma questa azione è anche provocatoria perché si ricollega anche all’ideale sionista del lavorare la terra.

L’ultima stanza ospita la serie fotografica The Missing Negatives of the Sonnenfeld Collection (After Herbert and Leni Sonnenfeld) basata su una selezione di immagini tratte dall’immenso archivio dei due fotogiornalisti Leni e Herbert Sonnenfeld che hanno documentato la Palestina / la Terra di Israele fra il 1933 e il 1948. Bartana ha ricreato varie scene della serie originale, utilizzando giovani arabi ed ebrei arabi come modelli per rimpiazzare i personaggi sionisti reali nei loro ruoli di contadini, lavoratori e soldati.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 07/04/2020 alle ore 19:23.

Potrebbe interessarti anche: Marina Abramovich con Estasi al Teatro Anatomico di Modena, Modena, 8 marzo 2020 , Ora più rada ora più intensa: architetture dell'immaginario. Il programma, Modena, fino al 31 marzo 2020 , Bici davvero! Velocipedi, figurine e altre storie, la mostra, Modena, 11 ottobre 2019 , Yael Bartana. Cast Off, la mostra, Modena, 15 novembre 2019

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Modena consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Modena.