La grammatica della linea: Mario Gottardi architetto e designer, mostra - Milano

La grammatica della linea: Mario Gottardi architetto e designer, mostra - Spazio Idea4Mi - Milano

11/04/2018

Giovedì 1 gennaio 1970

CalendarioDate, orari e biglietti

Milano - Dal 15 al 29 aprile 2018, presso lo Spazio Idea4Mi di Milano (via Lanzone 23), è allestita la mostra La grammatica della linea: Mario Gottardi architetto e designer, un omaggio all’opera e alla storia di Mario Gottardi, voluto dal figlio Giorgio e curato da Caterina Corni, con l’art direction dell’architetto Paola Maria Gianotti.

Milano - Mario Gottardi, figura forse poco conosciuta ma molto prolifica sia come architetto che come interior designer, nasce a Venezia nel 1913 e si laurea nel 1939 al Politecnico di Milano, dove muove i suoi primi passi. I decenni ’50-’60-’70 sono quelli che lo vedono più attivo dal punto di vista progettuale, operando prevalentemente in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, con delle incursioni internazionali. Questa mostra è l’occasione per ri-scoprire un progettista che fa della misura la sua cifra stilistica: un equilibrio che non significa ripetitività, ma che applica il dominio della linea a una variegata gamma di soluzioni architettoniche e d’interni e che, partendo dagli stilemi razionalisti da cui è chiaramente influenzato, li reinterpreta e li riattualizza seguendo da un lato le tendenze culturali a lui contemporanee e dall’altro le esigenze pratiche e concrete nell’utilizzo degli spazi e soprattutto degli oggetti e dei complementi di arredo, in cui esprime il suo lato più creativo. La cura nella scelta dei materiali e l’attenzione ai particolari, in una mediazione costante e continua tra tensione creativa e pragmaticità costruttiva, lo accompagnano in tutta la sua produzione che spazia dall’urbanistica al restauro, dalle costruzioni pubbliche e private, all’arredamento navale, alberghiero, privato e teatrale, a cui unisce l’insegnamento universitario, ruolo che interpreta come fosse il maestro di una grande bottega.

Milano - La mostra La grammatica della linea: Mario Gottardi architetto e designer presenta una ricca documentazione fotografica e progettuale che testimonia le principali commesse che lo videro protagonista. I lavori di restauro svolti nei primi anni ’50 di storici palazzi veneziani tra cui Palazzo Nero e Palazzo Contarini delle Figure sul Canal Grande, sempre a Venezia gli interni e gli arredi dell’Hotel Bauer Grunwald progettati nel 1951. Nel 1958 la progettazione urbanistica di piazzale Roma e del 1965 la chiesa di San Pietro Martire a Cinisello Balsamo. Tra il 1966 e il 1969 si occupa del progetto di interior design per il nuovo Conchiglia Grand Hotel Torre di Madesimo e nel 1968 si dedica alla realizzazione del teatro e centro culturale San Babila di Milano. Negli anni ’70 arrivano le commesse internazionali tra cui la pianificazione dei complessi turistici di Marmaria, Kiris North e Aksu East in Turchia. Partecipa anche a molti concorsi in anni diversi e vince importanti commissioni pubbliche per le turbonavi Cristoforo Colombo (1953), Leonardo da Vinci (1958) e Michelangelo (1962), di cui realizza parte degli arredi. Instancabile e con la consueta visione acuta del progetto continua a lavorare anche negli anni Novanta a Milano con le ristrutturazioni della sede centrale dell’Alleanza Assicurazioni in viale Luigi Sturzo e degli uffici del gruppo Zurigo in piazza Carlo Erba e la costruzione del complesso parrocchiale di Sesto San Giovanni.

Vengono anche presentati in anteprima tre prototipi di tre oggetti progettati da Gottardi che saranno poi commercializzati nel 2019. Con la collaborazione del figlio Giorgio, che ha voluto svelare la figura di suo padre anche da un lato più intimo, la curatrice Caterina Corni e l’art director Paola Maria Gianotti hanno scelto tre complementi d’arredo degli anni ’50 - una poltrona, una sedia e un tavolino - che sono stati ri-battezzati con i nomi delle donne di casa Gottardi: Michaela, la moglie; Maria Grazia, la figlia; Chiara, la nipote.

La mostra inaugura sabato 14 aprile alle ore 18.00 ed è visitabile fino a domenica 29 aprile in orario 9.00-18.00 (in occasione della Milano Design Week, mercoledì 18 aprile apertura fino a mezzanotte per la serata di 5vie district).

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 25/06/2022 alle ore 06:31.

Potrebbe interessarti anche: The Art of the Brick, mostra di Lego Art, fino al 28 agosto 2022 , Nests in Milan, mostra di Tadashi Kawamata, fino al 23 luglio 2022 , Marc Chagall: una storia di due mondi, mostra, fino al 31 luglio 2022 , David Bowie The Passenger, mostra fotografica di Andrew Kent, fino al 26 giugno 2022

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.