Reasons to Be Cheerful: David Byrne incontra il pubblico - Fondazione Prada - Milano

19/01/2018

Venerdì 26 gennaio 2018

Ore 19:00

© Jody Rogac

TERMINATO

Milano - Fondazione Prada di ospita una presentazione speciale di Reasons to Be Cheerful di David Byrne, un progetto che comprende scritti, fotografie, musica e incontri pubblici sul tema della speranza, a cura dell’artista. L’evento è in programma venerdì 26 gennaio 2018 presso il Cinema della Fondazione Prada a Milano: iI talk inizia alle ore 19.00 ed è seguito da un dibattito con David Byrne.

Milano - Reasons to Be Cheerful è legato all’uscita del nuovo album di David Byrne American Utopia, pubblicato da Todomundo/Nonesuch Records, prevista per il prossimo 9 marzo. Nel corso dell’ultimo anno, il musicista e artista David Byrne ha raccolto storie, idee e notizie che possono essere identificabili come esempi di ottimismo, tra i quali un’invenzione tecnologica, una creazione musicale o una nuova idea di pianificazione delle città e della mobilità. I risultati di questa ricerca, in quanto elementi osservati, ascoltati o sperimentati, sono ora inclusi nel progetto Reasons to Be Cheerful.

Milano - «Ho iniziato a ricercare fatti incoraggianti che accadono intorno a noi», racconta David Byrne. «Se la loro efficacia è già stata accertata, se possono essere applicati ad altri contesti, se è possibile estenderli nel tempo, allora perché non analizzarli e invitare altre persone a unirsi al progetto? La verità è che ci sono molte cose incoraggianti che accadono ovunque nel mondo. Scoprirle mi ha dato nuova speranza e, per questo, mi piacerebbe condividerle con gli altri».

Questo evento si inserisce all’interno della costante ricerca di Fondazione Prada per contribuire alla comprensione del nostro tempo e della cultura contemporanea attraverso esperienze attrattive e coinvolgenti, in grado di creare un’interessante dialettica tra linguaggi e discipline differenti. Reasons to Be Cheerful si inserisce perfettamente nel programma della Fondazione, impegnata ad indagare i contesti in cui le arti visive, la musica, la tecnologia e il pensiero si incontrano.

Il nuovo album di Byrne, American Utopia, il suo primo da solista dal 2004, è stato scritto e registrato mentre l’artista stava raccogliendo i materiali per Reasons to Be Cheerful ed è quindi influenzato dalla visione che ha ispirato il progetto. Così come il disco mette in discussione lo stato attuale della società offrendo una forma di conforto attraverso la musica, il contenuto di Reasons to Be Cheerful riconosce la complessità dei nostri tempi proponendo delle alternative al cinismo e alla disperazione.

L’ingresso all’evento è gratuito. I titoli di accesso sono disponibili alla biglietteria della Fondazione Prada a partire dalle ore 17.00 di venerdì 26 gennaio (i posti disponibili sono limitati). Il talk è in lingua inglese con traduzione simultanea in italiano.

Chi è David Byrne: note biografiche

Co-fondatore del gruppo Talking Heads (1976-1988), David Byrne ha pubblicato nove album in studio e ha lavorato a molti altri progetti, tra cui le collaborazioni con Brian Eno, Twyla Tharp, Robert Wilson e Jonathan Demme. È anche fondatore della nota etichetta discografica Luaka Bop. Tra i riconoscimenti ottenuti da Byrne sono inclusi i premi Obie, Drama Desk, Lortel e Evening Standard per Here Lies Love, un Oscar, un Grammy e un Golden Globe per la colonna sonora del film L’ultimo imperatore di Bernando Bertolucci e l’inclusione nella Rock & Roll Hall of Fame con i Talking Heads. Byrne è attivo nel mondo dell’arte visiva, fin dalla sua formazione universitaria, realizzando mostre e progetti di fotografia, cinema e scrittura. Vive e lavora a New York.

I lavori più recenti di David Byrne includono Joan of Arc: Into the Fire, un’esplorazione teatrale incentrata sulla figura di Giovanna d’Arco presentata in anteprima al Public Theater di New York (2017); The Institute Presents: Neurosociety, una serie di ambienti interattivi creati in collaborazione con Pace Arts + Technology che investigano la percezione e i pregiudizi umani (2016); Contemporary Color, un evento ispirato alla tradizione folk americana delle color guard e presentato al Barclays Center di Brooklyn e all’Air Canada Centre di Toronto (2015); Here Lies Love, una produzione teatrale di ventidue canzoni sulla vita di Imelda Marcos, scritta in collaborazione con Fatboy Slim che ha debuttato al Public Theater di New York (2013) per poi spostarsi al National Theatre di Londra (2014-15) e successivamente al Seattle Repertory Theater (2017); Love This Giant, un album e un tour mondiale realizzati in collaborazione con St. Vincent (2012); e How Music Works, un libro sulla storia, la fruizione e gli aspetti sociali della musica (2012). Nel 2015 Byrne ha curato Meltdown, festival annuale al Southbank Centre di Londra.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 24/05/2019 alle ore 11:45.

Potrebbe interessarti anche: Milano a colazione: incontri e conferenze sui misteri della città, fino al 9 giugno 2019 , Scienza e credenze nella medicina contemporanea: ciclo di conferenze, fino al 14 novembre 2019 , Visite guidate con aperitivo e spettacoli al Teatro Gerolamo, fino al 22 giugno 2019 , Wired Next Fest Milano 2019, festival della cultura dell'innovazione, fino al 26 maggio 2019

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.