Boldini. Ritratto di signora, mostra - Gam Galleria d'Arte Moderna - Milano

09/01/2018

Da venerdì 16 marzo a domenica 17 giugno 2018

Altre foto

© Milano, Galleria d’Arte Moderna, foto Umberto Armiraglio

TERMINATO

Milano - Dal 16 marzo al 17 giugno 2018 la Gam - Galleria d’Arte Moderna di Milano ospita la mostra Boldini. Ritratto di signora. I visitatori della Gam potranno ammirare gratuitamente, nel percorso delle sale al primo piano, l'esposizione che propone alcuni capolavori di Giovanni Boldini dedicati alla figura femminile e realizzati tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento.

Milano - Tappa del palinsesto Novecento Italiano, che traccia lungo tutto il 2018 un percorso in città alla scoperta dei protagonisti culturali del secolo scorso, la mostra è promossa e prodotta da Comune di Milano - Cultura, GAM - Galleria d’Arte Moderna di Milano, in collaborazione con Museo Giovanni Boldini, Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara.

Milano - Il nucleo di opere di Giovanni Boldini conservate alla Gam è infatti lo spunto di una mostra resa possibile dalla collaborazione con il museo ferrarese con cui Gam ha attivato uno scambio reciprocamente fruttuoso. La partecipazione di tre dipinti divisionisti di Giovanni Segantini, appartenenti alla Gam, alla mostra Stati d’animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni al Palazzo dei Diamanti di Ferrara (3 marzo-10 giugno 2018) è l’occasione per un prestito eccezionale: il Museo Giovanni Boldini ha infatti straordinariamente concesso un nucleo di 11 opere di Boldini che dialogano con i dipinti della GAM.

Una selezione di 30 opere tra dipinti, pastelli, disegni e incisioni documenta in modo esemplare il genere a lui più caro: il ritratto femminile mondano. Artista da sempre amatissimo dal pubblico, Boldini è stato solo sporadicamente presente sulla scena espositiva milanese, fatta eccezione per l’ormai lontana mostra alla Permanente del 1989.

Ferrarese di nascita, toscano per formazione, ma parigino d’adozione, Giovanni Boldini (Ferrara 1842 - Parigi 1931) si affermò a cavallo tra Otto e Novecento come il più richiesto ritrattista d’Europa e d’America, mettendo a punto la sua inconfondibile cifra stilistica in dipinti caratterizzati da una tecnica sprezzante e sicura e da soggetti appartenenti all’élite culturale ed economica dell’epoca.

La sequenza costituita dai tre grandi dipinti La contesse de Leusse, La passeggiata al Bois de Boulogne, che ritrae i coniugi Lydig, e la celebre Signora in rosa, ossia Olivia Concha de Fontecilla, mostra in successione cronologica (1889, 1909, 1916) la solidità di una formula collaudata e il contemporaneo avanzamento della sperimentazione formale, ma è anche esemplificativa della committenza di Boldini tra i due secoli: internazionale e cosmopolita, colta e ricchissima, mondana e inquieta. Una galleria del bel mondo dell’epoca, figure femminili delineate con sciabolate di colori accesi, pennellate veloci e accostamenti dissonanti: ad avvicinarle è la esemplare affinità stilistica, che evidenzia l’elaborazione di un modello di ritrattistica ufficiale ma antiaccademica e i risultati di grande raffinatezza e virtuosismo raggiunti da Boldini.

Una cifra che influenza gli artisti parigini, e non solo, attivi in questi anni, tra i quali un posto particolare occupa Paul-César Helleu, di cui Gam conserva un corpus di 10 ritratti incisi a puntasecca, solitamente esposto solo in parte e che per l’occasione verrà per la prima volta presentato integralmente: il ritratto femminile vi è esplorato con gli stessi toni di inquieta mondanità di Boldini, a comporre una galleria di femmes fatales eleganti e nervose. I rapporti tra i due artisti, che strinsero una lunga amicizia che influenzerà molto lo stile di Helleu, sono testimoniati dal pastello Madame X dei musei ferraresi, che ritrae la cognata del pittore francese, stilisticamente assai prossimo al grande pastello L’Americana. Oltre che con questi dipinti, i fogli di Helleu si possono mettere a confronto con i disegni e le incisioni di Boldini, con cui condividono il tratto lineare ed elegante.

A introdurre l’esposizione, Boldini è richiamato attraverso il vibrante autoritratto del 1892, affiancato da tre piccoli bronzi di figure femminili di Paul Troubetzkoy, dalle collezioni della Galleria d’Arte Moderna, che si legano a Boldini per affinità estetiche, tematiche e biografiche: figlio di un principe russo, italiano di formazione ma cosmopolita per carriera, Troubetzkoy si affermerà a Parigi negli stessi anni come un richiestissimo ritrattista mondano, in sculture realizzate con una tecnica sprezzante e rapida, raffinatissima e brillante, dedicate in particolare alla celebrazione della bellezza femminile.

La Gam di Milano è aperta nei seguenti orari: da martedì a domenica dalle 9.00 alle 17.30 (ultimo accesso 30 minuti prima dell'orario di chiusura). I biglietti di ingresso (mostra/museo) costano 5 euro (ridotto 3 euro; gratis per tutti ogni giorno un'ora prima della chiusura e tutti i martedì dalle ore 14.00).

Boldini. Ritratto di signora (intorno alla mostra)

Sabato 21 aprile e sabato 19 maggio 2018 (ore 11.00) con il normale biglietto di ingresso sarà possibile visitare il museo e vedere la mostra accompagnati dai curatori. Costo: 5 euro intero; 3 euro ridotto. Ogni visita ha un limite massimo di 20 partecipanti. Prenotazione obbligatoria sul sito eventbrite.it

Inoltre è previsto anche un ciclo di conferenze presso la Sala da ballo a ingresso libero fino a esaurimento posti (inizio ore 18.00). Questo il programma:

  • giovedì 5 aprile - Fernando Mazzocca, presentazione della mostra Stati d’animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni; 
  • martedì 8 maggio - Barbara Guidi, Boldini ritrattista
  • martedì 15 maggio - Leo Lecci, Boldini, un artista alla Biennale di Venezia
  • martedì 22 maggio - Sergio Rebora, Boldini e la costruzione dell’immagine della donna moderna in pittura.

Ogni martedì, sabato e domenica, dalle ore 10.00 alle 17.00, inoltre, grazie a un progetto che vede la colaborazione con l’Università degli Studi di Milano, giovani storici dell’arte sono a disposizione dei visitatori per illustrare la mostra e rispondere a domande e curiosità. 

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 20/09/2018 alle ore 00:30.

Potrebbe interessarti anche: The Art of Banksy. A Visual Protest: la mostra al Mudec, dal 21 novembre 2018 al 14 aprile 2019 , Inside Magritte. Emotion Exhibition, mostra multimediale, dal 9 ottobre 2018 al 10 febbraio 2019 , Modigliani Art Experience, mostra multimediale immersiva, fino al 4 novembre 2018 , Caravaggio, oltre la tela: la mostra immersiva, dal 6 ottobre 2018 al 27 gennaio 2019

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Dog Days Di Ken Marino Commedia, Drammatico U.S.A., 2018 Quando si vive in una grande metropoli ci si può incrociare per anni senza conoscersi mai, almeno fino a quando i loro cani non decidono di farli incontrare e cambiare il destino delle loro vite. Grazie ai fedeli amici a quattro zampe, qualcuno... Guarda la scheda del film