The Yokohama Project 1967‑2017, mostra di Giada Ripa - Palazzo Litta - Milano

28/09/2017

Fino a domenica 29 ottobre 2017

© Giada Ripa: Lago Ashi, Hakone

TERMINATO

Milano - Il nuovo spazio culturale di Milano Palazzo Litta Cultura, ideato dal Segretariato Regionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (MiBACT) per la Lombardia e da MoscaPartners, con il patrocinio del Comune di Milano, inaugura la stagione con uno sguardo sul Giappone, sui suoi silenziosi paesaggi, sulle leggende, sulla semplicità delle forme, sui mestieri e sui volti, sui ritmi e sulla musicalità dell’affascinante arcipelago nell’Oceano Pacifico.

Milano - Il primo evento in programma è la mostra The Yokohama Project 1967-2017, a cura di Mia Photo Fair Project, immaginaria conversazione sull’estremo Oriente tra gli artisti Giada Ripa, Mathilde Ruinart e Felice Beato. La mostra è allestita a Palazzo Litta dal 4 al 29 ottobre 2017 ed è visitabile tutti i giorni a ingresso gratuito in orario 12.00-19.00.

Milano - Tutto ebbe inizio dal fortuito ritrovamento, da parte della fotografa Giada Ripa, di Views and portraits of Japan di Felice Beato, un album di antiche fotografie, cinquantatré stampe di albumina colorate a mano, con ritratti e vedute della città di Yokohama e dei suoi dintorni. Stabilitosi in Giappone appena dopo l'apertura delle porte al mondo occidentale, il fotografo Felice Beato fu il primo narratore visivo della società giapponese del XIX secolo, contribuendo a plasmare la visione occidentale della società asiatica.

Pochi mesi più tardi, Giada Ripa rinviene il manoscritto Voyageau Japon e il Carnet de Voyage, corrispondenza di viaggio di Mathilde Ruinart, sua antenata, artista e musa di diversi intellettuali, che nel 1867 partì per l’Oriente al seguito del marito Vittorio de la Tour, ministro italiano a Yokohama dal 1867. Emerge quindi l'ipotesi di una possibile amicizia con Felice Beato, che ne giustificherebbe il rinvenimento dell'album fotografico.

The Yokohama Project 1867-2017 è il percorso autobiografico e personale di una viaggiatrice occidentale sulle orme della sua antenata e dello straordinario fotografo, alla scoperta e nel contempo svelamento del paesaggio di Yokohama centocinquant’anni più tardi. In un costante confronto tra passato e presente, l'esposizione coinvolge su diversi piani l'osservatore. Immergendosi nella suggestiva riscoperta di un mondo apparentemente lontano, un tempo soltanto sognato e immaginato, il visitatore ha la possibilità di conoscere un’inedita e autentica testimonianza storica, dalla quale la stessa artista contemporanea muove i propri passi e con la quale sente poi il dovere di confrontarsi.

Il progetto si inserisce nell’ambito delle ricerche fotografiche contemporanee che pongono al centro della loro indagine lo studio e la rappresentazione dei luoghi, intesi come territori, aperti e indefiniti, nei quali il continuo e multiforme passaggio di esseri umani, le mutanti e incongrue presenze culturali, le convivenze, le opposizioni e le complesse integrazioni di gruppi, etnie o comunità religiose di diversa provenienza, rendono la condizione dell’individuo sempre più fragile e instabile, e la sua relazione con il mondo sempre più ambigua e alienante.

La sua ricerca artistica si concentra sull’analisi dello spazio come strumento di esplorazione dell’identità personale, con particolare attenzione all’Asia. Nel suo lavoro Giada Ripa si confronta spesso - come nella serie Falling Icons e Displacement Series - con luoghi stranieri e a lei remoti, carichi di implicazioni culturali, storiche e geopolitiche.

La mostra The Yokohama Project 1967-2017 inaugura martedì 3 ottobre alle ore 20.30 con il concerto su invito di Midori Takada, compositrice, percussionista, artista performativa giapponese appassionata di pittura per la prima volta in Italia.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 10/12/2018 alle ore 03:05.

Potrebbe interessarti anche: Inside Magritte. Emotion Exhibition, mostra multimediale, fino al 10 febbraio 2019 , The Art of Banksy. A Visual Protest, mostra, fino al 14 aprile 2019 , Caravaggio, oltre la tela: la mostra immersiva, fino al 27 gennaio 2019 , Dinosaur Invasion, mostra di dinosauri animati con tecnologia animatronics, fino al 3 febbraio 2019

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

La casa delle bambole Ghostland Di Pascal Laugier Horror 2018 Pauline e le due figlie adolescenti, Beth e Vera, ricevono in eredità una vecchia villa piena di cimeli e bambole antiche che rendono l'atmosfera tetra e inquietante. Durante la notte, due intrusi penetrano nella casa e prendono in ostaggio le... Guarda la scheda del film