Divisionismo: 2 collezioni, mostra - Milano

Divisionismo: 2 collezioni, mostra - Gam Galleria d'Arte Moderna - Milano

18/11/2021

Fino a domenica 6 marzo 2022

Gaetano Previati, Penombre, 1889-1891

CalendarioDate, orari e biglietti

Milano - Dal 19 novembre 2021 al 6 marzo 2022 alla Gam - Galleria d'Arte Moderna di Milano è allestita la mostra Divisionismo: 2 collezioni. Nelle suggestive sale del pian terreno della Villa Reale sono esposte opere dei più significativi esponenti della stagione divisionista appartenenti alle collezioni della Gam e della Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona.

Milano - Attraverso trenta opere, allestite in cinque sezioni, l’esposizione intende mettere a fuoco gli elementi caratterizzanti l’esperienza divisionista, i suoi protagonisti e gli artisti che furono loro sodali, presenti nelle due collezioni: Giacomo Balla, Leonardo Bistolfi, Umberto Boccioni, Giulio Branca, Luigi Conconi, Tranquillo Cremona, Carlo Fornara, Giuseppe Grandi, Emilio Longoni, Angelo Morbelli, Plinio Nomellini, Giuseppe Pellizza, Gaetano Previati, Attilio Pusterla, Daniele Ranzoni, Giovanni Segantini, Giovanni Sottocornola, Paolo Troubetzkoy.

Milano - Milano è stata una città chiave per il Divisionismo: qui studiarono molti dei suoi interpreti, qui molti di loro trovarono ispirazione per opere di denuncia sociale, qui esposero per la prima volta alla Triennale di Brera del 1891. Le tele ambientate a Milano - città a quel tempo in piena crescita industriale e caratterizzata da profondi cambiamenti urbanistici, architettonici e sociali - divennero inoltre per i divisionisti spazi in cui indagare il tema e le icone della contemporaneità, del progresso e delle antiche e nuove marginalità.

La mostra nasce a partire dal desiderio di offrire un nuovo sguardo dall’interno sul Divisionismo e anzi sui Divisionismi, mettendo a fuoco le differenti evoluzioni tecniche e declinazioni tematiche. Le riflessioni di questi artisti sul tema dell’utilizzo del colore e degli effetti della luce inseriscono questa mostra nell’ambito di una programmazione che il museo dedica a una serie di dialoghi, avviata da questo appuntamento di dialogo sulla luce, che proseguirà̀ in futuro con un secondo dialogo sulla materia. Accompagna la mostra il libro Album del Divisionismo di Giovanna Ginex, curatrice della mostra.

Queste le sezioni della mostra:

  • La Scapigliatura: nuove sperimentazioni tecnicheNelle opere di Tranquillo Cremona e Daniele Ranzoni, primi e massimi protagonisti della Scapigliatura lombarda, è già possibile cogliere negli accostamenti cromatici, nella libertà del gesto pittorico e nel modellato per le opere dello scultore Giuseppe Grandi, quei caratteri formali che saranno alla base delle sperimentazioni divisioniste. Temi e soggetti ancora di gusto tardo romantico, scelti e reinterpretati da Luigi Conconi e da Gaetano Previati, si rinnovano, attraverso la stesura spezzata del colore, la tonalità accesa delle pennellate, il modellato scabro, ora preferito dagli scultori. Sono queste le premesse di un nuovo corso dell’arte italiana.
  • Paesaggi. La natura il simbolo. La pittura di paesaggio offre ai divisionisti le condizioni più favorevoli per dispiegare la potenza cromatica e la luminosità della cosiddetta tecnica complementare, ossia l’accostamento di colori puri sulla tela. Giovanni Segantini, Emilio Longoni e Carlo Fornara salgono in montagna, assegnando alle vedute d’alta quota un significato più ampio, che trascende la ricerca sulla luce e il colore, e pone come obiettivo l’armonia tra l’uomo e la natura incontaminata. Giuseppe Pellizza raggiunge ne Il ponte uno dei vertici delle sue ricerche sulla rappresentazione dei fenomeni naturali, coniugando tecnica divisionista, maestosità della veduta e la forza del simbolo. Il confronto tra le diverse interpretazioni di un genere pittorico molto frequentato dai divisionisti è completato in sala dal busto di Paolo Troubetzkoy che ritrae Giovanni Segantini, colto al vero nel maggio 1896.
  • Pittura sociale e Realismi. Nella pittura dell’ultimo decennio dell’Ottocento, le rappresentazioni del lavoro si intrecciano con un’iconografia che esplora ormai ogni piega dell’emarginazione sociale, in un caleidoscopio di temi, soluzioni formali e accenti emotivi che trovano e troveranno anche in seguito ampio spazio nelle opere dei pittori divisionisti. Nel 1891, il capolavoro di Nomellini, Piazza Caricamento a Genova, segna il nuovo corso divisionista della sua pittura con una rappresentazione di assoluto verismo dei lavoratori del porto. Lo affiancano, a confronto, altri due dipinti corali che descrivono un brano di vita e lavoro del proletariato milanese. Un folgorante en plein air di Emilio Longoni denuncia il lavoro minorile, mentre gli interni di Angelo Morbelli e di Attilio Pusterla fissano in crude istantanee emarginazione e vecchiaia. Giulio Branca, con l’anziano contadino in preghiera della toccante scultura L’Ave Maria, documenta gli alti esiti della scultura verista a Milano.
  • Il pastello divisionista. La tecnica del pastello trova in ambito divisionista un rinnovato, grande slancio e straordinari interpreti. La diversa declinazione della ricerca cromatica è contraddistinta dalla stesura di filamenti di colore puro accostati con massima sapienza tecnica fino a raggiungere una potenza espressiva che pochi anni dopo infiammerà le opere su carta di Balla, Boccioni e Severini. I pastelli Maria Maddalena ai piedi della croce di Emilio Longoni e Lagrime di Giuseppe Mentessi interpretano il tema umanissimo del dolore. Longoni affronta il soggetto sacro con uno sguardo di compassionevole verismo, Mentessi raffigura con un’immagine di rara essenzialità formale e intensa partecipazione emotiva un episodio della repressione dei moti popolari di Milano del maggio 1898.
  • La nuova generazione. Nel primo decennio del Novecento anche altri artisti da Roma, da Milano, dalla Toscana, applicano il divisionismo alle sperimentazioni di una nuova pittura d’avanguardia. Le opere di Giacomo Balla, Umberto Boccioni e Plinio Nomellini presenti nella sala precedono o sfiorano la fase futurista, ponendo in grande evidenza sia la comune matrice divisionista, sia le rispettive declinazioni raggiunte dagli artisti nell’uso della tecnica pittorica. Il Profumo di Leonardo Bistolfi conclude il percorso della mostra con uno sguardo al gusto simbolista e al raffinato decorativismo che permeava quegli anni.

La mostra Divisionismo: 2 collezioni è visitabile dal 19 novembre 2021 al 6 marzo 2022 alla Gam di Milano nei seguenti orari di apertura: dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 17.30 (ultimo accesso un’ora prima dell’orario di chiusura); lunedì chiuso. La visita è inclusa nel biglietto di ingresso al museo, ovvero: intero 5 euro, ridotto 3 euro; ingresso gratuito il primo e il terzo martedì del mese dalle ore 14.00. Per info 02 88445943.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 03/12/2021 alle ore 17:36.

Potrebbe interessarti anche: Sotto il cielo di Nut: Egitto divino, mostra, fino al 30 gennaio 2022 , Tiepolo, Canaletto e i maestri del '700 veneziano, mostra gratuita, fino al 19 dicembre 2021 , Aura: the Immersive Light Experience, fino al 9 gennaio 2022 , Renaissance Dreams, installazione site-specific di Refik Anadol, fino al 31 dicembre 2021

Mentelocale.it indica in modo indipendente alcuni link di prodotti e servizi che si possono acquistare online. In questo testo potrebbero comparire link a siti con cui mentelocale.it ha un’affiliazione, che consente all'azienda di ricavare una piccola percentuale dalle vendite, senza variazione dei prezzi per l'utente.

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.