Strehler, il gesto, lo spazio: mostra - Milano

Strehler, il gesto, lo spazio: mostra - Museo Teatrale alla Scala - Milano

04/11/2021

Fino a sabato 30 aprile 2022

Altre foto

© Francesco Maria Colombo

CalendarioDate, orari e biglietti

Milano - Dal 5 novembre 2021 al 30 aprile 2022, nell'ambito del programma di Strehler100 - il cartellone celebrativo per centesimo anniversario della nascita di Giorgio Strehler - e parallelamente alle mostre allestite dal Piccolo Teatro, la Scala presenta Strehler, il gesto, lo spazio, curata da Vittoria Crespi Morbio nelle sale del Museo Teatrale e nel Ridotto dei Palchi.

Milano - Giorgio Strehler debutta alla Scala il 6 marzo 1947 con la regia de La traviata, sul podio Tullio Serafin, e torna per l’ultima volta con Fidelio diretto da Lorin Maazel nel 1990. In tutto 35 regie d’opera tra Scala e Piccola Scala, cui si aggiungono l’Arlecchino del Piccolo nel 2007 e due apparizioni come voce recitante.

Milano - Vittoria Crespi Morbio cura un percorso espositivo allestito da Valentina Dellavia con la grafica di Giorgio Fioravanti (le foto per il catalogo sono di Francesco Maria Colombo) dedicato al rapporto di Giorgio Strehler con scenografi e attori/cantanti. La prima sezione (lo spazio) è ospitata nelle sale del Museo e della Biblioteca Livia Simoni e intende illustrare l’arte del grande uomo di teatro attraverso la sua concezione dello spazio scenico e dunque il suo rapporto con gli scenografi. Il visitatore ripercorre gli esordi di Strehler. I bozzetti di Leonor Fini, Giulio Coltellacci e Gianni Ratto testimoniano la ricerca estetica della bella scena e la funzionalità dei cambiamenti a vista. Con l’avvento di Luciano Damiani e Ezio Frigerio avviene una rivoluzione: la scena diviene luogo ora astratto ora nostalgico del reale. Ricostruzioni sceniche, fotografie e costumi rivelano due antitetiche identità che si alternano nel corso degli anni, perché sono i due volti dell’anima di Strehler e lo spirito contraddittorio del suo teatro.

La seconda sezione (il gesto) si articola in una serie di pannelli fotografici ospitati dal Ridotto dei Palchi che colgono Strehler nell’atto di creare insieme agli attori/cantanti il gesto scenico. Strehler non guida l’attore, non si limita a insegnargli come muoversi in scena. Lo investe di sé, incarnandosi nel personaggio. Flaubert diceva Madame Bovary c’est moi. Strehler potrebbe dire lo stesso di tutti i suoi personaggi. Si è immedesimato con violenza in Macbeth, Simon Boccanegra, Don Giovanni, ma pure in una pettegola comare di Windsor, o in un soldato nel Cappello di paglia di Firenze. Un metodo registico che coincide con questa immedesimazione e questa violenza.

Oltre alla parte fisica della mostra, il Teatro alla Scala presenta inoltre Il soffio del vero poetico, un viaggio attraverso gli spettacoli strehleriani alla Scala curato da Franco Pulcini negli spazi virtuali creati da Punto Rec con le voci di Luca Micheletti e Andrea Jonasson. Questa mostra virtuale è visitabile sia on line da remoto, sia da due schermi posizionati nel percorso del Museo ed è articolata come un vero e proprio racconto teatrale in sette quadri.

Il Museo Teatrale alla Scala è aperto da martedì a domenica in orario 10.00-18.00 (ultimo ingresso 17.30). Biglietto 9 euro (ridotto 6 euro; tariffa family 10 euro per 2 adulti + 1 o 2 bambini). Per info  02.88797473 .

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 06/12/2021 alle ore 04:32.

Potrebbe interessarti anche: Sotto il cielo di Nut: Egitto divino, mostra, fino al 30 gennaio 2022 , Tiepolo, Canaletto e i maestri del '700 veneziano, mostra gratuita, fino al 19 dicembre 2021 , Aura: the Immersive Light Experience, fino al 9 gennaio 2022 , Renaissance Dreams, installazione site-specific di Refik Anadol, fino al 31 dicembre 2021

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.