Gender Border Film Festival 2021 - Milano

Gender Border Film Festival 2021 - Il Cinemino - Milano

19/10/2021

Fino a domenica 24 ottobre 2021

Milano - Da giovedì 21 a domenica 24 ottobre 2021 Milano ospita la seconda edizione del Gender Border Film Festival dedicato all’identità di genere e ai suoi confini, alla cultura della libera manifestazione del desiderio, del proprio corpo e della sessualità.

Milano - In programma quattro giorni di film e talk che vedono coinvolti Il Cinemino (via Seneca 6) per tutte le proiezioni e, nella giornata di sabato 23, il TeatroFranco Parenti (via Pier Lombardo 14) per gli incontri tematici con gli ospiti e le performance.

Milano - Sette film in concorso. La retrospettiva su Gustavo Vinagre (Desaprender a dormir in anteprima europea), regista brasiliano, distintosi nei maggiori festival internazionalidi cinema documentario e sperimentale per il suo linguaggio anticonvenzionale, destabilizzante, politico. L’omaggioal talento del giovane fotografo e regista Simone Bozzelli e alla sua personale estetica del desiderio.

Ideato da Marco Kassir e Marco Malfi Chindemi, Gender Border vuole porsi fuori dai tabù e dai pregiudizi, oltre le abitudini consolidate, per una nuova visione non stereotipata che rispetti desiderio e libertà, nel vivere sessualità, amore e identità: dal diritto di amare al diritto di essere. Fluidità di genere, sesso e sessualità, corpi non convenzionali, libertà di manifestarsi: sono i temi vitali dell’intero programma del festival, tra proiezioni di lungometraggi, documentari, cortometraggi e incontri, con chi fa di queste istanze una ragione di vita e lavoro.

Molti gli ambiti affrontati. Come si è evoluto e come viene percepito oggi il sex-working e il porno? A che punto siamo nel percorso di rottura degli stereotipi che ancora riflettono un’immagine distorta delle nostre identità (dove politica e giornalismo si mostrano talvolta impreparati)? Cosa emerge dall’indagine sulle relazioni più private, come quelle familiari, oggi in cerca di nuovi equilibri, che ridefiniranno i nostri ruoli politici e sociali? La sessualità in età avanzata, soprattutto delled onne, è ancora un tabù? solo alcune delle domande a cui si prova a dare risposta.

Il concorso è composto da due giurie, quella del festival assegna il Gender Border Award al miglior film, quella popolare il Premio del Pubblico Il Cinemino al film più votato dai soci del cineclub milanese. Gli incontri sono concentrati nella giornata di sabato 23 ottobre al Teatro Franco Parenti (ingresso gratuito con Green Pass e mascherina), moderati dal ricercatore Stefano Guerini Rocco e dall’attivista femminista queer Isabella Borrelli; alle ore 18.00, con Fluidostudio E Drama Milano, spazio alla musica e alle performance live dal palco.

Nella mattina di sabato 23 il Cinemino ospita l’appuntamento con le scuole superiori per l’educazione sessuale con i protagonistidel documentario Making (of) Love, un progetto crossmediale nato da quattro ragazzi e quattro ragazze che parlano di sesso senza censura e ipocrisia. In sala, spazio anche per la retrospettiva, curata dal produttore Gianpaolo Smiraglia, dedicata al regista e scrittore Gustavo Vinagre, classe 1984, noto per la sua filmografia di genere. Tra i suoi film presentati nei più importanti festival internazionali, Vil, Má (2020), Lembromais dos Corvos (2018), A Rosa Azul de Novalis (2018) e Nova Dubai (2014). Non ultimo, come giovane artista che già si è fatto apprezzare nei festival internazionali,il festival omaggia Simone Bozzelli, regista anche di I Wanna Be Your Slave, il nuovo video dei Måneskin.

Evento speciale di chiusura del festival, domenica 24 ottobre, il film Nights in Black Leather, cult movie del 1973, diretto e coprodotto da Richard Abel con lo pseudonimo di Ignatio Rutkowski per Jaguar Studios: protagonista Peter Berlin, artista poliedrico (attore, fotografo, modello, filmmaker) e figura di spicco tra quelle che liberarono e ridefinirono l’immaginario omosessualee l'estetica gay neglianni Settanta.

I biglietti per le singole proiezioni al Cinemino costano 5 euro al pomeriggio e 7,50 euro la sera (con tessera associativa annuale a 5 euro); gli incontri al Teatro Parenti sono gratuiti. Il programma aggiornato è consultabile sul sito del Gender Border Film Festival; ulteriori informazioni via email.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 31/01/2023 alle ore 07:39.

Potrebbe interessarti anche: Japan: Body_Perform_Live, rassegna di cinema giapponese contemporaneo, fino al 10 febbraio 2023 , Max Ernst: tra Surrealisti e Surrealismi, rassegna cinematografica ispirata alla mostra a Palazzo Reale, fino al 24 febbraio 2023 , Je suis Catherine Deneuve, retrospettiva cinematografica, fino al 2 febbraio 2023 , Il fantastico mondo di Tim Burton, retrospettiva cinematografica, fino al 5 febbraio 2023

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

La nostra azienda nel corso del 2022 a fronte della domanda di agevolazione presentata in data 05/08/2020 a valere sull’Azione 3.1.1 "Covid19" del POR FESR 2014-2020 ha ricevuto il sostegno finanziario dell’Unione Europea per la realizzazione di un programma di investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale "Covid19 – Adeguamento processi produttivi delle PMI"