Dolomiti Trasfigurate, mostra fotografica di Marcella Pedone - Milano

Dolomiti Trasfigurate, mostra fotografica di Marcella Pedone - Museo della Scienza e della Tecnologia - Milano

28/07/2021

Fino a domenica 3 ottobre 2021

Altre foto

CalendarioDate, orari e biglietti

Milano - Da giovedì 29 luglio a domenica 3 ottobre 2021 il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano ospita Dolomiti Trasfigurate, la mostra monografica che la fotografa centenaria Marcella Pedone dedica al mondo reale e immaginario delle Dolomiti.

Milano - Un omaggio alla natura e ai miti di una terra in cui il reale e il simbolico si intrecciano nella sperimentazione fotografica della composizione e dei cromatismi. Un equilibrio estetico e narrativo che trova il suo fondamento nella bellezza dirompente del paesaggio e nella genuinità della vita di montagna, in cui riecheggiano le antiche leggende ladine di cui Pedone si fa interprete attraverso una selezione di 32 opere fotografiche, dall’archivio di immagini donato al museo.

Milano - Di famiglia toscana ma milanese d’adozione, Marcella Pedone nasce a Roma il 27 aprile 1919. Fotografa, documentarista, viaggiatrice, si è fatta strada in un mondo lavorativo a prevalenza maschile, divenendo nel secondo dopoguerra una delle rare donne in Italia a esercitare professionalmente la fotografia e la cinematografia documentarie, avvalendosi del colore. Sola, a bordo della inseparabile roulotte, percorre lo Stivale a caccia di scatti perfetti per documentare mondi oggi scomparsi, inerpicandosi su montagne, vivendo tra pescatori e contadini, calandosi nelle miniere, avventurandosi in fabbriche e cantieri, raccontando per immagini la trasformazione del nostro paese da società agricola a realtà industriale, fino agli anni più recenti. Priva del sostegno economico e produttivo delle grandi aziende, si è ritagliata un posto di rispetto nel settore dell’editoria divulgativa e scolastica, in cui si è distinta per l’attitudine documentaristica, la preparazione rigorosa, lo sguardo antropologico. 

Accanto alla fotografia di documentazione, Marcella Pedone intraprende anche un percorso più artistico e personale lontano dai tempi e dalle logiche del mercato editoriale, alla ricerca di una propria interpretazione della natura e della bellezza. Una piccola parte di questo suo lungo e proficuo lavoro è dedicato al mondo reale e leggendario delle Dolomiti, che conosce profondamente e che aveva già valorizzato agli esordi della sua carriera in Germania, quando organizzava proiezioni musicali di fotografia per le Università popolari serali, proponendo canti di montagna accompagnati da immagini di paesaggi e tradizioni folkloriche montane.

Marcella Pedone ritorna a quel mondo magico e gli dedica uno sguardo intimo e onirico, diverso da quello adottato precedentemente nelle sue fotografie e in cui lo splendore estetico, l’asprezza e il fascino dei paesaggi si intrecciano a una vita più segreta e profonda, fatta di durezza e fatica ma anche di magia e miti quasi dimenticati. Per comporre le sue opere, utilizza una tecnica particolare: attraverso un’attenta progettazione preliminare, sovrappone due o più pellicole a colori, sommando fra di loro ritratti e paesaggi, particolari e panoramiche, talvolta ritoccando cromaticamente i dettagli fino a raggiungere il risultato desiderato. Compone così un racconto che conduce il visitatore dal mondo reale fino ad una dimensione fiabesca e onirica, in cui convivono pastori e Salvane, coraggiosi Arimanni, abitanti delle selve, Maghi e Ondine che si muovono fra le malghe, i mulini e i castelli dei Monti Pallidi.
Dolomiti Trasfigurate, in ladino Crepes trasfegureded, è la prima rassegna fotografica che il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano dedica a Marcella Pedone a seguito dell’acquisizione della sua intera collezione. Nel 2017 il patrimonio fotografico di Marcella Pedone - un archivio di 170 mila scatti realizzati tra gli anni Cinquanta e gli anni Novanta, un’attrezzatura fotografica e audiovisiva di circa 100 elementi, tra macchine fotografiche tra cui Rolleiflex, Hasselblad, Mamya e Nikon, obiettivi e accessori - è stato infatti donato al museo, divenendo così un bene culturale. Nel 2020, Marcella Pedone ha aggiunto a questi elementi l’ultima delle proprie roulotte, elemento chiave del suo studio viaggiante, esprimendo così, tramite il museo, la sua volontà di mettere a disposizione di generazioni future, tramite la musealizzazione, un accumulo di saperi e competenze incarnate dai propri lasciti materiali.

La mostra è visitabile a ingresso gratuito con accesso da via Olona 6, nei seguenti orari di apertura: fino al 13 settembre dal martedì al venerdì in orario 10.00-18.00 e il sabato, la domenica e i festivi in orario 10.00-19.00; dal 14 settembre in poi dal martedì al venerdì in orario 9.30-17.00 e il sabato, la domenica e i festivi in orario 9.30-18.30. Per ulteriori informazioni telefonare al numero 02 485551.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 24/10/2021 alle ore 05:48.

Potrebbe interessarti anche: Sotto il cielo di Nut: Egitto divino, mostra, fino al 30 gennaio 2022 , The world of Banksy: the Immersive Experience, fino al 31 ottobre 2021 , Tina Modotti: donne, Messico e libertà, mostra - Mudec Photo, fino al 7 novembre 2021 , Renaissance Dreams, installazione site-specific di Refik Anadol, fino al 31 dicembre 2021

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.