L'espressionismo tedesco in 18 film, retrospettiva cinematografica - Milano

L'espressionismo tedesco in 18 film, retrospettiva cinematografica - Cineteca di Milano - Milano

01/06/2021

Fino a domenica 11 luglio 2021

Altre foto

CalendarioDate, orari e biglietti

Milano - Dal 4 giugno all'11 luglio 2021 la Cineteca di Milano ospita presso la sala cinematografica del Museo Interattivo del Cinema (viale Fulvio Testi 121, Milano) un ricca rassegna dedicata all'Espressionismo Tedesco in 18 film per riscoprire un periodo di notevole fermento culturale, quello dal 1918 al 1933 in Germania, che produsse classici del cinema che affascinano ancora lo spettatore odierno.

Milano - Ogni weekend, dal venerdì alla domenica, la rassegna offre una vasta gamma di titoli in edizioni spesso restaurate (la domenica con accompagnamento musicale dal vivo): dal film caposaldo di Robert Wiene Il gabinetto del Dottor Caligari (1920) fino a M. Il mostro di Dusseldorf (1931) di Fritz Lang passando per il capolavoro espressionista Nosferatu il vampiro (1922) di Murnau e Il Golem (1920) di Paul Wegener.

Milano - Di seguito il calendario completo della rassegna L'espressionismo tedesco in 18 film (biglietti: intero 7,50 euro; ridotto 6 euro per possessori di Cinetessera e studenti universitari).

  • Venerdì 4 giugno, ore 18.00 - Berlino sinfonia di una grande città (Walther Ruttmann, Germania, 1927, b/n, 55’, sonorizzato). Un caleidoscopio di scene urbane in un poema sinfonico-visivo che oscilla tra immagini astratte e brevi quadri di vita quotidiana, colti con rapidi stacchi di montaggio.
  • Sabato 5 giugno, ore 17.30 - La via senza gioia - L’ammaliatrice (Georg Wilhelm Pabst, dal romanzo di Hugo Bettauer, Germania, 1925, b/n, muto, didascalie Italiane, sonirizzato, edizione restaurata). Vienna, primo dopoguerra. In via Melchior, vicino a una macelleria c'è un negozio di abiti che in realtà è la copertura di un bordello. Una giovanissima e irriconoscibile Greta Garbo nell'ultimo film girato in Germania prima della partenza per Hollywood.
  • Domenica 6 giugno, ore 18.00 - Il gabinetto del Dottor Caligari (Robert Wiene, Germania, 1920, b/n, 71’, muto, didascalie italiane, sonorizzato). Due pazienti in una casa di cura. Uno di loro, Franz, racconta la sua terribile esperienza con Caligari, sorta di folle mago-ipnotizzatore dagli istinti criminali. Film che apre la stagione dell’espressionismo tedesco. Accompagnamento dal vivo al pianoforte a cura di Francesca Badalini.
  • Venerdì 11 giugno, ore 17.30 - Il gabinetto delle figure di cera (Paul Leni, Leo Birinski, Germania, 1923, b/n, 75’, muto, didascalie italiane, sonorizzato). Uno scrittore viene ingaggiato dal proprietario di un museo delle cere per animare attraverso tre storie altrettante statue esposte nel museo. Un film significativo per l’espressionismo tedesco in cui emergono i tratti fantastici e onirici del movimento. 
  • Sabato 12 giugno, ore 18.00 - I Nibelunghi. Prima parte: la morte di Sigfrido (Fritz Lang, ispirato al poema epico La canzone dei Nibelunghi, Germania, 1924, b/n, 150’, muto, didascalie italiane, sonorizzato). Sigfrido, figlio del re Sigismondo, parte per un viaggio per chiedere la mano della bellissima Crimilde. Durante il percorso affronta molte prove e dimostra così il suo coraggio, ma Brunilde, sconfitta da Gunther grazie all’aiuto di Sigfrido, lo vuole morto.
  • Domenica 13 giugno, ore 18.00 - Nosferatu il vampiro (Friedrich  Wilhelm Murnau, tratto dal romanzo Dracula di Bram Stoker, Germania, 1922, b/n, 94’, muto didascalie italiane). Un uomo, Hutter, si reca nei Carpazi per una transazione commerciale con il conte Orlok. Ospite nel castello del conte, scopre ben presto che questi è un vampiro che da secoli terrorizza la regione. Capolavoro indiscusso di Murnau che rischiò, per motivi di plagio, di essere perduto per sempre. Accompagnamento dal vivo al pianoforte a cura di Antonio Zambrini. 
  • Venerdì 18 giugno, ore 18.00 - Faust (Friedrich  Wilhelm Murnau, tratto da Goethe, Marlowe e dal Volksbuch tedesco, Germania, 1926, b/n,106’, muto, didascalie italiane, sonorizzato). La nota storia della scommessa che Mefistofele fa con l’arcangelo Gabriele: riuscire a corrompere un’anima onesta, quella del vecchio mago Faust, per assicurarsi l’eterno dominio sulla terra.
  • Sabato 19 giugno, ore 18.00 - I Nibelunghi. Seconda parte: la vendetta di Crimilde (Fritz Lang, ispirato al poema epico La canzone dei Nibelunghi, Germania, 1924, b/n,128’, muto, didascalie italiane). Dopo la morte di Sigfrido, Crimilde sposa Attila, il Re degli Unni, cercando di convincerlo ad uccidere Hagen, l'assassino di Sigfrido, protetto dai fratelli di lei.
  • Domenica 20 giugno, ore 18.00 - Il Golem. Come venne al mondo (Paul Wegener, Carl Boese, dal romanzo di Gustav Meyrink, Germania, 1920, b/n, 85’, muto, didascalie italiane). La storia del Gran Maestro Low, capo di una comunità ebraica scacciato dall’imperatore perché accusato di stregoneria. Per riabilitarsi Low costruisce il Golem, gigante d’argilla che egli riesce ad animare servendosi di formule magiche. Ma la creatura sfuggirà al suo controllo. Accompagnamento dal vivo al pianoforte a cura di Antonio Zambrini.
  • Venerdì 25 giugno, ore 18.00 - L’inafferrabile (Fritz Lang, Germania, 1928, b/n, 130’, muto, didascalie italiane, sonorizzato). Il falso paralitico Haghi, capo di una rete spionistica specializzata nel trafugare documenti segreti, incarica Sonia di sedurre il suo peggior nemico: l'agente 326.
  • Sabato 26 giugno, ore 18.00 - Una donna nella luna (Fritz Lang, dal romanzo omonimo di Thea von Harbou, Germania, 1929, b/n, 95′, muto, didascalie italiane, sonorizzato, edizione restaurata). Quattro uomini, una donna e un bambino partono con un razzo alla volta della luna, che si scopre essere un enorme giacimento d’oro. I primi tentativi di accuratezza scientifica al servizio di una storia sentimentale sulle nefaste conseguenze dell’avidità umana. 
  • Domenica 27 giugno, ore 18.00 - Ombre ammonitrici (Arthur Robison, Germania, 1923, b/n, 35mm, muto, edizione restaurata). Un giocoliere ambulante giunto in un castello si esibisce in uno spettacolo di ombre cinesi durante il quale ipnotizza i convitati e ne “rapisce” le ombre facendo loro compiere azioni violente dettate dalla passione e dalla gelosia. Accompagnamento dal vivo al pianoforte a cura di Francesca Badalini.
  • Venerdì 2 luglio, ore 18.00 - Il dottor Mabuse. Prima parte: Il grande giocatore - Un quadro dell’epoca (Fritz Lang, tratto dal romanzo omonimo di Norbert Jacques, Germania, 1921-22, b/n, HD, 154’, muto, didascalie italiane, sonorizzato). Prima puntata della saga del dott. Mabuse, sorta di scienziato ipnotista e criminale senza scrupoli, che conduce i suoi loschi traffici nel torbido mondo delle bische clandestine.  Fra le sue vittime, il giovane rampollo di una ricca famiglia di industriali che finirà ucciso per ordine del diabolico dottore.
  • Sabato 3 luglio, ore 17.30 - M, il mostro di Düsseldorf (Fritz Lang, Germania, 1931, b/n, 117’, versione originale in tedesco con sottotitoli in italiano). Un maniaco assassino terrorizza una città tedesca circuendo e uccidendo bambine. La polizia brancola nel buio e, non sapendo che pesci prendere, intensifica i controlli mettendo in difficoltà il mondo della malavita. 
  • Domenica 4 luglio, ore 18.00 - Lulù. Il vaso di Pandora (Georg Wilhelm Pabst, dai drammi Lo spirito della terra e Il vaso di Pandora di Frank Wedekind, Germania, 1928, b/n, 35mm, 120’, muto didascalie italiane). Lulù, giovane e bella fioraia con ambizioni da ballerina, intrattiene rapporti ambigui e altalenanti con una serie di uomini, tutti magneticamente attratti dal suo fascino. Accompagnamento dal vivo al pianoforte a cura di Antonio Zambrini.
  • Venerdì 9 luglio, ore 18.00 - L’ evaso della Guiana (Leo Lasko, Germania, 1921, b/n, 60’, sonorizzato, edizione restaurata). Il lungo processo di redenzione dell’evaso Giorgio Tellier, detto Pugno di Ferro, capo di una famigerata banda di malfattori. Lo spirito cupo del film è rafforzato dall’evidente influenza dell’avanguardia espressionista coeva. Le movenze, lo sguardo torvo del protagonista, la macchina da presa che insiste sui primi piani di certi personaggi, evidenziano lo stile con cui il cinema espressionista ha restituito l’angoscia di una società che già presentava i germi del male di lì a venire.
  • Sabato 10 luglio, ore 18.00 - Il dottor Mabuse. Prima parte: Nell’inferno del crimine - Uomini dell’epoca (Fritz Lang, tratto dal romanzo omonimo di Norbert Jacques, Germania, 1921-22, b/n, 115’, muto didascalie italiane, sonorizzato). Seconda puntata della saga del dott. Mabuse. Questa volta la vittima scelta è una contessa con l’insana passione del gioco che il mefistofelico dottore tenta di sottomettere alla sua volontà. 
  • Domenica 11 luglio, ore 18 .00 - Metropolis (Fritz Lang, Germania, 1926, b/n, 35mm, 147’, muto, didascalie italiane, edizione restaurata). Capolavoro assoluto di Fritz Lang. Nell'anno 2026, un gruppo di industriali governa il pianeta, relegando i lavoratori in un mondo sotterraneo, in cui subiscono ogni sorta di maltrattamento. Tuttavia, un androide dalle sembianze femminili li ispira alla rivolta. Accompagnamento dal vivo in chiave rock sulla partitura originale composta da Gottfried Huppertz a cura della band I Sincopatici composta da: Francesca Badalini (pianoforte, chitarra elettrica), Aurora Bisanti (violino), Andrea Grumelli (basso), Luca Casiraghi (batteria).

Per ulteriori informazioni telefonare al numero 02 87242114.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 05/08/2021 alle ore 09:02.

Potrebbe interessarti anche: AriAnteo Palazzo Reale 2021, cinema all'aperto, fino al 12 settembre 2021 , Ciak d'Estate 2021, cinema all'aperto al Castello di Legnano, fino al 17 agosto 2021 , Estate Padernese 2021: cinema all'aperto, fino al 5 agosto 2021 , AriAnteo Incoronata 2021, cinema all'aperto, fino al 5 settembre 2021

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.