Mino Ceretti: la centralità della pittura, mostra - Milano

Mino Ceretti: la centralità della pittura, mostra - Museo della Permanente - Milano

25/05/2021

Fino a domenica 25 luglio 2021

Mino Ceretti: Ritratto mancato, 1971

CalendarioDate, orari e biglietti

Milano - Dal 4 giugno al 25 luglio 2021 il Museo della Permanente di Milano ospita la mostra Mino Ceretti: la centralità della pittura, a cura di Simona Bartolena. 

Milano - Con questa esposizione la Permanente dà inizio a un progetto che ne ripercorre la storia con una serie di personali dei grandi maestri che ne hanno fatto e ne fanno parte. La prima è dedicata a un artista indiscutibile, la cui ricerca ha attraversato la seconda metà del Novecento ed è giunta fino all’oggi, mantenendo, negli anni, la propria forza e la propria credibilità: Mino Ceretti (Milano 1930). La mostra traccia un percorso nella produzione dell’artista, suggerendo letture su alcuni dei suoi temi principali mediante una selezione di opere datate dagli anni Sessanta a oggi (scelte tra quelle conservate nello studio dell’artista), e trascura intenzionalmente la sua fase più nota e dibattuta, quella del Realismo esistenziale.

Milano - Quella proposta da Ceretti è, fin dagli esordi, una pittura priva di ogni retorica ideologica, poco incline all’adesione politica militante, vicina all’inquietudine e ai dubbi di Sartre e Camus. La visione dell’artista è sempre ambigua, procede per intuizioni e suggerimenti, offre allo spettatore una serie di oggetti collocati liberamente nello spazio della tela, capaci di generare interrogativi. La pittura è dunque uno strumento idoneo all’indagine del mondo esterno, ma non nel senso classico di rappresentazione: attraverso la possibilità di attuare meccanismi associativi e sollecitare simultaneità di percezioni, essa riesce a suggerire la frammentazione della realtà e dell’esistenza, in tutta la sua complessità e ambiguità.

L’arte può scuotere la società dalla sua pigra indifferenza, dallo stato narcolettico in cui pare caduta. In un’epoca che pare averla messa in un angolo – tra nuove tecniche di riproduzione dell’immagine, nuove tecnologie, nuove esperienze creative e lo strapotere del mondo digitale – la pittura ha ancora un suo motivo di esistere ed è ancora capace di porre, scomporre, sezionare, ricomporre problemi.

La mostra è visitabile a ingresso gratuito nel rispetto delle normative anti Covid-19 vigenti. Questi gli orari di apertura: 10.00-19.00 dal lunedì al venerdì; 11.00-19.00 sabato e domenica. 

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 19/09/2021 alle ore 07:26.

Potrebbe interessarti anche: Sotto il cielo di Nut: Egitto divino, mostra, fino al 30 gennaio 2022 , The world of Banksy: the Immersive Experience, fino al 31 ottobre 2021 , Tina Modotti: donne, Messico e libertà, mostra - Mudec Photo, fino al 7 novembre 2021 , Disney: l'arte di raccontare storie senza tempo, mostra, fino al 13 febbraio 2022

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.