Who the Bær, mostra di Simon Fujiwara - Milano

Who the Bær, mostra di Simon Fujiwara - Fondazione Prada - Milano

16/02/2021

Fino a lunedì 27 settembre 2021

Milano - Attenzione: a seguito della chiusura dei musei dal primo marzo al 25 aprile 2021, la Fondazione Prada è aperta dal 29 aprile 2021. La mostra Who the Bær di Simon Fujiwaraè visitabile dal giovedì alla domenica in orario 10.00-19.00, nel rispetto delle normative anti Covid-19 vigenti (per info e prenotazioni 02 56662611).


Milano - La sede di Milano della Fondazione Prada riapre al pubblico con una nuova mostra, Who the Bær di Simon Fujiwara, in programma dal 2 marzo al 23 settembre 2021. Gli spazi espositivi sono accessibili in orario 14.00-20.00 dal martedì al venerdì, nel rispetto delle misure anti Covid-19 con ingressi contingentati e prenotazione obbligatoria; biglietti 12 euro (ridotto 9 euro per under 26, over 65 e gruppi; ingresso gratuito per under 18, disabili e over 65 residenti a Milano).

Milano - Il lavoro di Simon Fujiwara (Londra, 1982; vive e lavora a Berlino) è un’indagine personale del desiderio umano che sta alla base delle attrazioni turistiche, delle icone storiche, delle celebrities, dell’edutainment e del neocapitalismo. Collocata in questo territorio attraente e al contempo inquietante, l’opera di Fujiwara rivela il paradosso della duplice ricerca dell’invenzione e dell’autenticità nella cultura che consumiamo quotidianamente.

Nelle sue mostre recenti che includono una ricostruzione in scala reale della Anne Frank House (Hope House, 2017), una campagna di rebranding della sua insegnante di arte del liceo (Joanne, 2016-2018) e l’esperienza di un parco tematico che ci immerge nel mondo di YouTube (Empathy I, 2018) si rintracciano visioni distorte del mondo reale attraverso l’immaginario fantastico, e talvolta angosciante, dell’artista stesso.

Per questo progetto site-specific, concepito per il piano terra del Podium della Fondazione Prada, Simon Fujiwara introduce il pubblico nel mondo fiabesco di Who the Bær, un originale personaggio dei cartoni animati che abita un universo fantastico creato dall'artista. Who the Bær - o semplicemente Who - è un* ors* senza un chiaro carattere. Sembra non aver ancora sviluppato una forte personalità o istinti propri. Non ha una storia, un genere definito o persino una sessualità, sa solo di essere un'immagine e tenta di definirsi in un mondo di altre immagini. Who the Bær si trova in un ambiente piatto, online, visuale, ma pieno di infinite possibilità. Who può trasformarsi o adattarsi in qualsiasi immagine che incontra, assumendo gli attributi e le identità di chi vi è raffigurato: esseri umani, animali o anche oggetti. In questo senso l’universo fantastico di Who the Bær è un mondo di libertà: Who può essere chiunque desideri essere, Who può trascendere il tempo e lo spazio, Who può essere sia soggetto che oggetto. Who the Bær potrebbe persino non essere mai in grado di superare la sua unica vera sfida: diventare qualcosa di più di una semplice immagine.

Nella sua mostra Fujiwara racconta al pubblico un percorso di formazione o una favola postmoderna, costellata da numerosi eventi felici o traumatici. Dai focus group alle sessioni di terapia, dalla chirurgia plastica ai viaggi globali, dalle fantasie sessuali ai sogni distopici, l’artista ritrae il processo evolutivo di un personaggio fittizio a partire dalla prospettiva con cui questo interpreta e si appropria del mondo reale delle immagini, distorcendo tutto ciò che vede nella logica assurda del suo personale universo.

Le avventure di Who the Bær sono presentate alla Fondazione Prada all’interno di un grande labirinto realizzato quasi interamente in cartone, materiali riciclabili ed elementi creati a mano. Percorrendo l’installazione che in pianta riproduce un* ors*, il pubblico assiste alla nascita del personaggio dei cartoni animati Who the Bær da un segno grafico elementare, prima di immergersi in una serie di avventure che seguono Who nel proprio mondo fiabesco. Attraverso un racconto fatto di disegni, collage, sculture e animazioni, i visitatori sono testimoni della sua perenne ricerca di un sé autentico. Ispirato dalla tradizione delle fiabe così come dai moderni film d'animazione, Fujiwara usa i meccanismi dell’invenzione per esplorare alcuni dei piaceri e dei traumi che affrontiamo in quanto parte di una società posseduta dalle immagini e dallo spettacolo.

Per ulteriori informazioni telefonare al numero 02 56662611.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 27/01/2023 alle ore 01:47.

Potrebbe interessarti anche: Body Worlds: il ritmo della vita, fino al 29 gennaio 2023 , Macchu Picchu e gli Imperi d’oro del Perù: 3000 anni di civiltà dalle origini agli Inca, mostra - L'Anno del Perù, fino al 19 febbraio 2023 , Neons Corridors Rooms, mostra di Bruce Nauman, fino al 26 febbraio 2023 , Mostra diffusa di presepi provenienti dal Museo del Presepio di Dalmine, fino al 31 gennaio 2023

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

La nostra azienda nel corso del 2022 a fronte della domanda di agevolazione presentata in data 05/08/2020 a valere sull’Azione 3.1.1 "Covid19" del POR FESR 2014-2020 ha ricevuto il sostegno finanziario dell’Unione Europea per la realizzazione di un programma di investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale "Covid19 – Adeguamento processi produttivi delle PMI"