Nests in Milan, mostra di Tadashi Kawamata - Milano

Nests in Milan, mostra di Tadashi Kawamata - Building - Milano

12/02/2020

Fino a sabato 23 luglio 2022

Altre foto

Nest: Tadashi Kawamata, Palazzo di Brera © Paolo Riolzi

CalendarioDate, orari e biglietti

Milano - Dal 31 marzo al 23 luglio 2022 a Milano è allestita la mostra dedicata all’artista giapponese Tadashi Kawamata dal titolo Nests in Milan, a cura di Antonella Soldaini. Noto in tutto il mondo per i suoi progetti multidisciplinari, Tadashi Kawamata (Hokkaido, 1953) presenta a Milano una serie di installazioni concepite appositamente per questa occasione: si tratta di quattro interventi sia negli spazi interni e sulla facciata di Building (via Monte di Pietà 23), sia in quelli esterni di altri edifici posti nelle sue vicinanze: il Grand Hotel et de Milan (via Monte di Pietà 24), il Centro Congressi Fondazione Cariplo (via Monte di Pietà 10) e il Cortile della Magnolia presso il Palazzo di Brera (via Brera 28).

Milano - Kawamata si afferma molto giovane sullascena artistica giapponese einternazionale. A 28 anni, dopo essersi laureato all'Università di Belle Arti di Tokyo, viene invitato al padiglione giapponese della Biennale di Venezia del 1982. Da allora partecipa alla realizzazione di progetti site specific in tutto il mondo. La sua opera, realizzata principalmente con l’uso del legno, implica una riflessione sul contesto sociale e le relazioni umane. Le sfide urbanistiche sono all’origine del suo lavoro. I cantieri in costruzione o quelli in demolizione, le aree non edificate che restano nello spazio urbano sono al centro dell’interesse di Kawamata che, nella realizzazionedei suoi progetti, utilizza imateriali presentisul sito riciclandoli. Così a Kassel, nel 1987, in occasione di Documenta VIII, l’artista restituisce all'attenzione degli abitanti una chiesa in rovina, distrutta durante la Seconda Guerra Mondiale e trascurata nella ricostruzione della città.

Milano - Oltrepassando i limiti dei luoghi chiusi e delimitati, gli interventi che Kawamata ha ideato appositamente per Milano, mirano non tanto a coinvolgere un singolo edificio ma ad allargare la sua area di intervento in modo da inglobare una porzione del tessuto urbano della città. Si tratta in questo caso di stabili che, nell’ambito della storia di Milano, racchiudono un particolare valore civile e culturale e che attraverso le installazioni di Kawamata vengono posti a un delicato e nello stesso tempo spettacolare processo di trasformazione. Appropriandosi delle facciate o degli spazi interni o dei balconi o dei tetti, tramite una serie di costruzioni ottenute con l’intreccio di assi di legno che vanno a formare un’inestricabile griglia, ad un tempo leggera ma dalla solida struttura, Kawamata conduce il pubblico a una diversa lettura e interpretazione del loro aspetto e significato.

Ad accomunare tutti i quattro interventi è la scelta di un unico tema, quello del nido, soggetto ricorrente delle diverse installazioni. Un tema dal forte carattere simbolico che Kawamata ha cominciato ad indagare a partire dal 1998 quando le sue costruzioni lignee, che spesso in passato avevano forme astratte, si sono visualmente avvicinate a raffigurare dapprincipio una baracca e a seguire un nido. Installato nei punti più disparati: sul palo della luce a Bonn (2007), sulla facciata del Centre Georges Pompidou a Parigi (2010) e sulla facciata di Palazzo Strozzi a Firenze (2013), questa figura, la cui funzione primaria è di fornire un rifugio per i volatili appena nati, rimanda alla necessità universale di costruire, sia nel mondo animale che in quello umano, un luogo in cui trovare riparo. Tale struttura veicola una sensazione positiva e rassicurante, che si rafforza nel momento in cui la sua forma, assemblata con elementi naturali come il legno, è messa a confronto con la ben più complessa costruzione architettonica su cui viene posta e risultato di una serie di sovrapposizioni sociali e culturali.

Le forme dei nidi di Kawamata riportano ai valori e alle necessità primarie; spingono a riconfigurare mentalmente lo scenario architettonico che ci circonda e a ripensare il nostro rapporto con lo spazio che quotidianamente viviamo. Privati di ogni sovrastruttura ideologica e ridotti al loro significato essenziale, senza per questo diventare esperimenti sociologici, i nidi di Kawamata, a metà tra l’apparire il frutto di un casuale assemblaggio e l’essere il risultato di una preordinata costruzione, rimangono in realtà fortemente legati al linguaggio artistico. Il loro aspetto è elegante e delicato e rimanda ad una sofisticata concettualità, le cui origini sono da individuarsi nella visione di una realtà in continuo movimento, transitoria, fluttuante e soggetta al passare del tempo. Un modo di concepire la vita che ha la sua fonte primaria nella cultura giapponese di cui Kawamata rappresenta una delle figure più interessanti.

Non è un caso che quasi sempre le opere dell’artista (e così anche a Milano), una volta finita la mostra, vengono smontate e gli elementi del legno con cui sono state costruite utilizzati per un diverso scopo. In questa ottica è il tempo, inteso come indicatore della grandezza o del declino di un monumento o di un sito, l'elemento chiave nella sua attività. Gli interventi di Kawamata creano dei ponti tra il passato e il presente rivelando la componente affettiva e invisibile delle cose, ma anche la loro realtà materiale. La condivisione del lavoro con assistenti, studenti, artigiani, volontari e cittadini comuni, nelle varie fasi costruttive dell’opera e la riflessione sulla vita comunitaria che anima e fonda ogni progetto, favoriscono il risveglio di questa memoria.

La mostra Nests in Milan di Tadashi Kawamata inaugura giovedì 31 marzo in orario 10.00-19.00 ed è allestita fino a sabato 23 luglio 2022. Per ulteriori informazioni contattare Building telefonando al numero 02 89094995.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 25/06/2022 alle ore 07:30.

Potrebbe interessarti anche: The Art of the Brick, mostra di Lego Art, fino al 28 agosto 2022 , Marc Chagall: una storia di due mondi, mostra, fino al 31 luglio 2022 , David Bowie The Passenger, mostra fotografica di Andrew Kent, fino al 26 giugno 2022 , Metaspore, mostra di Anicka Yi, fino al 7 agosto 2022

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.