La Guerra Totale, mostra sul secondo conflitto mondiale nelle più belle e iconiche fotografie degli Archivi di Stato americani - Milano

La Guerra Totale, mostra sul secondo conflitto mondiale nelle più belle e iconiche fotografie degli Archivi di Stato americani - La Casa di Vetro - Milano

29/01/2020

Fino a sabato 27 giugno 2020

Altre foto

© courtesy U.S. National Archives and Records Administration

Milano - Dal 15 febbraio al 27 giugno 2020 - in occasione del 75° della fine della Seconda Guerra Mondiale, avvenuta ufficialmente il primo maggio in Italia, l’8 maggio in Europa e il 2 settembre nel Pacifico - alla Casa di Vetro di Milano è allestita in anteprima nazionale la mostra fotografica La Guerra Totale: il secondo conflitto mondiale nelle più belle e iconiche fotografie degli Archivi di Stato americani.

Milano - Composta di circa 60 immagini, l’esposizione ripercorre infatti tutti i principali eventi della Seconda Guerra Mondiale sui fronti europei, nord africani e del Pacifico: la politica espansionistica nazista e il feroce attacco giapponese alla Cina, l’invasione tedesca della Francia e i bombardamenti sulla Gran Bretagna, il bombardamento giapponese a sorpresa di Pearl Harbor e l’invasione della Russia, la guerra in Nord Africa e la riconquista degli Alleati isola per isola nell’Oceano Pacifico, i campi di sterminio e la riduzione in schiavitù di milioni di europei per sostituire nelle fabbriche i tedeschi al fronte, la guerra in Italia e il D-Day, i movimenti partigiani e le punizioni ai collaborazionisti, la sconfitta dei tedeschi e le bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, la caccia ai gerarchi nazisti e la resa del Giappone.

Milano - Nello stesso tempo l’esposizione, nel testo introduttivo, racconta il clima politico che ha portato alla tolleranza del nazifascismo da parte delle democrazie occidentali in funzione antisovietica e invita a una riflessione sul perché ricordare i tragici fatti della Seconda Guerra Mondiale e su quali questioni etiche il conflitto abbia sollevato alle quali ancora oggi non è stata data una risposta definitiva e/o univoca - a partire, per esempio, dai limiti che una democrazia deve porsi partendo dalla constatazione che Hitler è asceso al potere anche attraverso libere elezioni (per quanto condizionate politicamente ad arte dagli stessi nazisti).

Curata da Alessandro Luigi Perna, la mostra La Guerra Totale è aperta al pubblico tutti i giorni dal 15 febbraio al 27 giugno 2020 in orario 15.30-19.30 il lunedì, mercoledì, venerdì e sabato e in orario 15.30-22.00 il martedì (ultimo ingresso sempre 30 minuti prima della chiusura); giovedì e domenica chiuso. I biglietti di ingresso hanno un costo di 5 euro e sono validi per più ingressi durante tutto il periodo di apertura della mostra; sono previste anche visite guidate al costo di 10 euro (minimo 4 persone) e fotoproiezioni commentate al costo di 15 euro (minimo 10 persone). Per ulteriori informazioni telefonare al numero 02 55019565.

Prodotta da Eff&Ci - Facciamo Cose, la mostra fa parte del progetto History & Photography che ha per obiettivo raccontare la storia con la fotografia (e la storia della fotografia) valorizzando gli archivi storici fotografici nazionali e internazionali, sia pubblici che privati. Rivolta al grande pubblico e a scuole e università, la mostra è anche visitabile via internet: è infatti possibile - a pagamento - vedere in slideshow manuale la selezione di immagini esposte sugli schermi di casa propria.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 18/02/2020 alle ore 15:17.

Potrebbe interessarti anche: Nikola Tesla Exhibition, mostra-museo interattivo, fino al 15 marzo 2020 , Canova / Thorvaldsen: la nascita della scultura moderna, mostra, fino al 15 marzo 2020 , Guggenheim: la collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso, mostra, fino al 1 marzo 2020 , L’esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina, mostra, fino al 5 aprile 2020

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.