Filler, mostra personale di Nicola Gobbetto - Milano

Filler, mostra personale di Nicola Gobbetto - Dimora Artica - Milano

21/01/2020

Fino a lunedì 30 marzo 2020

Milano - Attenzione, a seguito dei provvedimenti della Regione Lombardia per prevenire il diffondersi del Coronavirusl'inaugurazione è posticipata a data da definirsi. Nel frattempo la mostra è visitabile solo su appuntamento (per info 380 5245917).


Milano - Dal 24 febbraio al 30 marzo 2020 la galleria Dimora Artica di Milano presenta Filler, la mostra personale di Nicola Gobbetto (Milano, 1980) che unisce elaborazioni digitali, sculture e assemblaggi che trasformano lo spazio espositivo in un ambiente a metà tra una palestra e un paesaggio stilizzato, in cui le opere assumono un valore metaforico, raccontando le attuali trasformazioni nelle relazioni tra le persone.

Milano - L’allestimento è ispirato alla composizione di una delle più misteriose opere del cinquecento: La Tempesta di Giorgione. Del celebre dipinto viene ripresa la ripartizione dello spazio, diviso al centro da un fulmine e un fiume. Le due enigmatiche figure che compaiono nel dipinto sono trasformate da Gobbetto in due strutture ergonomiche che ricordano la forma degli attrezzi ginnici, le quali ricalcano la sagoma stilizzata di genitali maschili e femminili. Un fiume realizzato con materiale sintetico percorre il centro dello spazio contenendo al proprio interno simboli tratti dalle app di incontri, strumenti di autogratificazione che difficilmente portano a concrete unioni affettive.

La mancanza di comunicazione tra i personaggi e l’ambientazione umida del dipinto di Giorgione vengono rielaborati da Gobbetto per divenire metafora della solitudine nell’era digitale, in cui i rapporti si fanno virtuali e l’ossessione per la propria immagine sostituisce la fisicità dei rapporti.
Una veneziana chiusa esprime l’assenza di comunicazione reale e il richiudersi in sé stessi ed un neon ricalca la forma del fulmine, segno di inquietudine prima della tempesta.

Sulle pareti stampe di elaborazioni digitali, in cui ad immagini di antiche sculture che ritraggono Afrodite e Apollo sono sovrapposti dei cerotti a rimarcare le fratture del marmo, alludendo al desiderio di ricostruire l’irraggiungibile bellezza idealizzata della classicità. Il botox e il filler, due metodi di ringiovanimento sempre più diffusi, sono invece i protagonisti di due sculture totem in cui i due nomi sono rielaborati graficamente divenendo solidi geometrici sovrapposti.

L'inaugurazione della mostra è fissata per le ore 18.30 di lunedì 24 febbraio. Filler è poi visitabile fino a lunedì 30 marzo a ingresso libero nei seguenti orari di apertura: dalle 16.00 alle 20.00 il sabato, la domenica e il lunedì; gli altri giorni solo su appuntamento (per info 380 5245917).

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 28/02/2020 alle ore 22:29.

Potrebbe interessarti anche: Nikola Tesla Exhibition, mostra-museo interattivo, fino al 15 marzo 2020 , Canova / Thorvaldsen: la nascita della scultura moderna, mostra, fino al 15 marzo 2020 , Guggenheim: la collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso, mostra, fino al 1 marzo 2020 , L’esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina, mostra, fino al 5 aprile 2020

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Allerta Coronavirus Attenzione! Se vi trovate in una delle regioni in cui vige l'ordinanza riguardante l'emergenza Coronavirus, ricordiamo che tutti gli eventi in programma dal 24 febbraio al primo marzo 2020, sono annullati. Per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente gli organizzatori dei singoli eventi.