Ti ricordi di Federico?, rassegna cinematografica dedicata a Fellini a 100 anni dalla nascita - Milano

Ti ricordi di Federico?, rassegna cinematografica dedicata a Fellini a 100 anni dalla nascita - MIC - Museo Interattivo del Cinema - Milano

27/12/2019

Fino a sabato 18 gennaio 2020

CalendarioDate, orari e biglietti

Milano - A un secolo dalla nascita e a sessant’anni dall’uscita del film La Dolce vitadal 7 al 18 gennaio 2020 Fondazione Cineteca Italiana omaggia il grande maestro Federico Fellini con una rassegna a lui dedicata, Ti ricordi di Federico?, presso il Mic - Museo Interattivo del Cinema di Milano. Una ricca proposta per celebrare non solo il regista ma anche l'uomo che si racconta senza maschere: a questo scopo la rassegna propone i suoi film più celebri ed esclusivi documentari in cui Fellini racconta di sé e della sua poetica, capace di rivoluzionare il cinema italiano e di renderlo celebre a livello internazionale. 

Milano - La rassegna è pensata per unire in un unico grande omaggio al regista riminese un pubblico di grandi appassionati a un pubblico più giovane, per il quale sono pensati i documentari ad accesso libero con Cinetessera: un invito ad esplorare la poetica di Fellini e a comprendere il grande contributo che ha saputo dare alla storia del cinema. I biglietti per gli altri film hanno un costo di 7,50 euro (ridotto 6 euro per under 15, studenti universitari e possessori di Cinetessera 2020; ingresso gratuito per ragazzi dai 16 ai 19 anni).

Milano - Di seguito il programma completo della rassegna Ti ricordi di Federico? (per ulteriori informazioni telefonare al numero 02 87242114).

  • Martedì 7 gennaio, ore 15.00 - Ciao, Federico! (Gideon Bachmann, Italia/Usa, 1970, 58’). Documentario che cattura l’atmosfera magica del rutilante set del Satyricon, nell’unico backstage davvero completo e ricco sul modo di lavorare di Federico Fellini.
  • Martedì 7 gennaio, a seguire - FMM: Fellini, Mastroianni, Masina. Interviste sul set di Ginger e Fred (Gideon Bachmann, Italia, 1985, 13’). Giulietta Masina prima, poi Federico Fellini e Marcello Mastroianni, raccontano la produzione del film che li vede di nuovo riuniti dopo molti anni.
  • Martedì 7 gennaio, ore 17.00 - La strada (Federico Fellini, Italia, 1954, 107’). Zampanò si esibisce nelle piazze e nelle fiere di paese come mangiatore di fuoco. Da una povera contadina carica di figli compra per diecimila lire Gelsomina, una ragazza ingenua e ignorante, per usarla come spalla nei suoi spettacoli.  Film vincitore del Premio Oscar al Miglior Film Straniero (1957).
  • Martedì 7 gennaio, ore 20.30 - Fellini fine mai (Eugenio Cappuccio, Italia, 2019, 80'). Fellini raccontato in prima persona dal regista e che rivive attraverso la potenza delle immagini, dei suoni e delle fotografie custoditi da Rai Teche: frammenti di vita e di poetica del cinema, spesso sconosciuti, e svelati da chi ha avuto la fortuna di lavorare con lui. Incontra il pubblico il regista Eugenio Cappuccio.
  • Mercoledì 8 gennaio, ore 17.00 - Roma (Federico Fellini, Italia/Francia, 1972, 120’). Un ritratto visionario di Roma in una sorta di documentario fantastico. A scene che ricostruiscono l'arrivo del giovane Fellini nella capitale ne susseguono altre che illustrano, grottescamente, la Roma di oggi e di ieri.
  • Giovedì 9 gennaio, ore 15.00 - I vitelloni (Federico Fellini, Italia/Francia, 1953, 104’). Vitelloni vengono chiamati, nelle città di provincia, quei giovani di buona famiglia che passano la loro giornata nell'ozio: il film racconta le vicende dell'intellettuale Leopoldo, del donnaiolo Fausto, del maturo Moraldo, dell'infantile Alberto e dell'inguaribile giocatore Riccardo.
  • Giovedì 9 gennaio, ore 17.00 - Amarcord (Federico Fellini, Italia/Francia, 1973, 127’). Un paesotto dell'Italia fascista rivive nella memoria del regista con tutti i suoi personaggi caratteristici. In questo ambiente onirico il giovane Titta naviga attraverso l'adolescenza verso l'età adulta. Film vincitore del Premio Oscar al Miglior Film Straniero (1975).
  • Venerdì 10 gennaio, ore 15.00 - Fellinikon (Gideon Bachmann, Usa/Italia, 1969, 34’). Film di montaggio, ritmato ed eccentrico per effetti visivi, che documenta la preparazione e le riprese di alcune scene del Satyricon di Federico Fellini. Diversi sono gli inserti con interviste al regista riminese, in cui i rivela alcuni retroscena produttivi e di creazione del film.
  • Venerdì 10 gennaio, ore 17.00 - Fellini Satyricon (Federico Fellini, Italia, 1969, 138’). Nella Roma di Nerone si narrano i casi erotici e giudiziari dello studente Escolpio, del suo schiavetto Gitone, del bravaccio Ascilto e del poetastro Eumolpio.
  • Sabato 11 gennaio, ore 15.00 - Fellini: sono un gran bugiardo (Damian Pettigrew, Uk, 2002, 105’, versione originale con sottotitoli in italiano). Un lungo documentario intervista che ripercorre parallelamente tutta la carriera di Federico Fellini. I racconti del maestro sono intrecciati con quelli di tecnici, artisti, collaboratori.
  • Sabato 11 gennaio, ore 17.00 - La dolce vita (Federico Fellini, Italia/Francia, 1960, 173’). Marcello Rubini è un giornalista che si occupa di servizi scandalistici, ma coltiva l'ambizione di diventare scrittore di romanzi. Il film si articola in diversi episodi, ambientati nella mondanità capitolina di cui Rubini è testimone cinico.
  • Domenica 12 gennaio, ore 17.00 - Fellineide (Lorenzo Bassi e Franco Longobardi, Italia, 2019, 72’). Docufilm antologico alla riscoperta del regista italiano più celebrato al mondo, nel centenario dalla nascita, con meta in due fra i principali crocevia del suo inconfondibile stile: la caratterizzazione paradossale ed evocativa della fauna umana che ha costantemente popolato le sue opere, il gusto per il grottesco e la satira graffiante. Incontra il pubblico Franco Longobardi.
  • Martedì 14 gennaio, ore 15.00 - Fellinikon (replica)
  • Martedì 14 gennaio, ore 16.30 - Amarcord (replica)
  • Mercoledì 15 gennaio, ore 15.00 - Ciao, Federico! (replica)
  • Mercoledì 15 gennaio, a seguire - FMM: Fellini, Mastroianni, Masina. Interviste sul set di Ginger e Fred (replica)
  • Mercoledì 15 gennaio, ore 17.00 - 8 ½ (Federico Fellini, 1963, Italia/Francia, 138’). Guido Anselmi, un affermato regista quarantenne, sta elaborando il suo prossimo film. Trascorre un periodo di riposo in una stazione di cure termali e cerca in quella località di coniugare i propri problemi fisici ed esistenziali con quelli della produzione del film, ancora allo stato di preparazione. Film vincitore del Premio Oscar al Miglior Film Straniero (1964).
  • Giovedì 16 gennaio, ore 17.00 - Giulietta degli spiriti (Federico Fellini, Italia/Francia, 1965, 129’). Visioni, ricordi e misticismo sono alcune delle componenti che aiutano la ricca borghese Giulietta a trovare la forza di lasciare il marito che la tradisce.
  • Venerdì 17 gennaio, ore 15.00 - I vitelloni (replica)
  • Venerdì 17 gennaio, 17.00 - Le notti di Cabiria (Federico Fellini, Italia/Francia, 1957, 110’). Innocente e indifesa, Cabiria è una prostituta dall'esistenza infelice che, nonostante le difficoltà che ha vissuto, non ha perso l'ottimismo e la capacità di sognare. 
  • Sabato 18 gennaio, ore 16.00 - La strada (replica)

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 30/09/2020 alle ore 18:18.

Potrebbe interessarti anche: AriAnteo Triennale 2020, cinema all'aperto, fino al 11 ottobre 2020 , Le Vie del Cinema 2020: i film dalla 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, fino al 30 settembre 2020 , Paolo Conte - Via Con Me, fino al 30 settembre 2020 , Napoli e niente cchiù, rassegna cinematografica, fino al 10 ottobre 2020

Mentelocale.it indica in modo indipendente alcuni link di prodotti e servizi che si possono acquistare online. In questo testo potrebbero comparire link a siti con cui mentelocale.it ha un’affiliazione, che consente all'azienda di ricavare una piccola percentuale dalle vendite, senza variazione dei prezzi per l'utente.

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.