Novecento privato, da De Chirico a Vedova , mostra - Milano

Novecento privato, da De Chirico a Vedova , mostra - Galleria Bottegantica - Milano

11/12/2019

Fino a sabato 22 febbraio 2020

Giorgio De Chirico, Autoritratto

TERMINATO

Milano - Alcuni dei giganti del Novecento italiano tornano nelle sale che, nel secondo dopoguerra, li avevano accolti quali giovani protagonisti dell'arte del loro tempo. Il mezzo secolo e oltre che è trascorso da quando questi stessi ambienti di via Manzoni 45 a Milano erano occupati dalla Galleria del Naviglio ha portato a sedimentare valori, smorzare tensioni. Ha fatto di cronaca, storia, confermando la validità di quelle che, all'epoca, potevano apparire come personali proposte, intuizioni, visioni di un pur quotato gallerista.

Milano - Dal 17 gennaio al 22 febbraio 2020 la galleria Bottegantica, che oggi vivifica gli spazi che furono del Naviglio, ospita infatti la mostra Novecento privato: da De Chirico a Vedova a cura di Stefano Bosi, Valerio Mazzetti Rossi e Enzo Savoia, con la consulenza scientifica di Fabio Benzi. In esposizione un attento excursus attentissimo di opere che si allarga alla prima metà del Secolo Breve, per ripercorrere i momenti più straordinari vissuti dall'arte e dalla cultura dal primo dopoguerra agli sviluppi del secondo: dal Futurismo alla Metafisica, dal Realismo Magico al Surrealismo, dal Ritorno all'Ordine all'Arte Informale.

Milano - Novecento privato: da De Chirico a Vedova rievoca autori e momenti fondamentali di quel secolo, scegliendo di attingere le trenta opere esposte, esclusivamente da due importati collezioni private. La sequenza è pensata come un viaggio cronologico e visivo, un racconto analitico e didattico che attraversa il nostro territorio culturale dal post-impressionismo alle avanguardie d'inizio secolo (il Futurismo di Marinetti, Boccioni, Balla, Severini), gli anni del primo conflitto mondiale, il dopoguerra e gli anni Venti (Savinio, De Chirico, De Pisis, Sironi, Casorati, Alberto Martini, Marini), l'affermazione del regime fascista e la seconda guerra mondiale (Carrà, Campigli, Arturo Martini, Prampolini, Pirandello, Guttuso, Manzù), il post-war tra le capitali europee e New York con l'affermazione dell'arte astratta (Fontana, Burri, Capogrossi, Vedova, Pomodoro).

La mostra è aperta al pubblico presso la galleria Bottegantica di Milano (via Manzoni 45) dal 17 gennaio al 22 febbraio 2020 nei seguenti orari: 10.00-13.00 e 15.00-19.00, dal martedì al sabato. L'ingresso è libero e gratuito, ma si possono anche effettuare visite guidate su prenotazione per gruppi di 10-20 persone al costo di 5 euro a testa. Per info 02 35953308 o 02 62695489.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 25/02/2020 alle ore 07:03.

Potrebbe interessarti anche: Nikola Tesla Exhibition, mostra-museo interattivo, fino al 15 marzo 2020 , Canova / Thorvaldsen: la nascita della scultura moderna, mostra, fino al 15 marzo 2020 , Guggenheim: la collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso, mostra, fino al 1 marzo 2020 , L’esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina, mostra, fino al 5 aprile 2020

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Allerta Coronavirus Attenzione! Se vi trovate in una delle regioni in cui vige l'ordinanza riguardante l'emergenza Coronavirus, ricordiamo che tutti gli eventi in programma dal 24 febbraio al primo marzo 2020, sono annullati. Per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente gli organizzatori dei singoli eventi.