Australia: storie dagli antipodi, mostra collettiva - Milano

Australia: storie dagli antipodi, mostra collettiva - PAC - Padiglione d'Arte Contemporanea - Milano

11/12/2019

Fino a domenica 9 febbraio 2020

Altre foto

Jill Orr, Bleeding Trees, 1979 © Elizabeth Campbell

Milano - Dal 17 dicembre 2019 al 9 febbraio 2020 il Pac - Padiglione d'Arte Contemporanea di Milano torna a esplorare le culture internazionali con la più grande ricognizione sull'arte australiana contemporanea mai realizzata al di fuori del continente, una selezione di 32 artisti, sia emergenti che affermati, appartenenti a diverse generazioni e background culturali.

Milano - Dipinti, performance, sculture, video, disegni, fotografie e installazioni - alcune site specific - tracciano un viaggio metaforico all'interno del panorama multiculturale dell'arte contemporanea australiana, influenzato da storie personali, lingue, origini etniche, religioni e tradizioni eterogenee: dagli artisti afferenti alle molte culture aborigene e First Nations a quelli che sono arrivati dal Pacifico, dall'Europa, dai paesi asiatici e dalle Americhe. Indagando un'ampia costellazione di pratiche e prospettive culturali, storiche, politiche e sociali legate al contesto australiano, geograficamente agli antipodi rispetto a chi vive nell'emisfero settentrionale, la mostra restituisce, per induzione, un panorama del nostro presente ibrido, plurale e complesso.

Milano - Questi gli artisti protagonisti della mostra Australia: storie dagli antipodi: Vernon Ah Kee, Tony Albert, Khadim Ali, Brook Andrew, Richard Bell, Daniel Boyd, Maria Fernanda Cardoso, Barbara Cleveland, Destiny Deacon, Hayden Fowler, Marco Fusinato, Agatha Gothe-Snape, Julie Gough, Fiona Hall, Dale Harding, Nicholas Mangan, Angelica Mesiti, Archie Moore, Callum Morton, Tom Nicholson (con Greg Lehman), Jill Orr, Mike Parr, Patricia Piccinini, Stuart Ringholt, Khaled Sabsabi, Yhonnie Scarce, Soda_Jerk, Dr Christian Thompson AO, James Tylor, Judy Watson, Jason Wing e Nyapanyapa Yunupingu.

L'inaugurazione è in programma lunedì 16 dicembre 2019 alle ore 19.00, con performance Towards a black Amazonian square di Mike Parr. Durante la opening week sono poi in programma le performance Spectral Arrows di Marco Fusinato, martedì 17 dalle ore 15.00 alle 21.00, e una visita guidata con Eugenio Viola e Judith Blackall, giovedì 19 alle ore 19.00. La mostra è poi aperta al pubblico fino a domenica 9 febbraio 2020 nei seguenti orari di apertura: mercoledì, venerdì, sabato e domenica 9.30-19.30; martedì e giovedì 9.30-19.30; lunedì chiuso.

I biglietti per visitare il Pac costano 8 euro (biglietti ridotti a 6,50 euro per visitatori dai 6 ai 26 anni, over 65 e disabili; biglietti ridotti per tutti a 4 euro il giovedì dopo le ore 19.00; ingresso gratuito per bambini fino a 6 anni), esclusi diritti di prevendita. Per ulteriori informazioni, consultare il sito del Pac.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 28/01/2020 alle ore 09:20.

Potrebbe interessarti anche: Nikola Tesla Exhibition, mostra-museo interattivo, fino al 15 marzo 2020 , I Love Lego, mostra di opere con mattoncini, fino al 2 febbraio 2020 , La Città dei Robot, mostra-evento con show e animazioni interattive, fino al 9 febbraio 2020 , Canova / Thorvaldsen: la nascita della scultura moderna, mostra, fino al 15 marzo 2020

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.