Aqui e Agora, mostra personale di Anna Maria Maiolino - Milano

Aqui e Agora, mostra personale di Anna Maria Maiolino - Galleria Raffaella Cortese - Milano

02/12/2019

Fino a sabato 8 febbraio 2020

Construção / Jogo (Construction/Game), 1973 © Anna Maria Maiolino

CalendarioDate, orari e biglietti

Milano -

Milano - Dal 3 dicembre 2019 all'8 febbraio 2020 la Galleria Raffaella Cortese di Milano ospita la mostra Aqui Agora, terza personale di Anna Maria Maiolino che celebra il decimo anno di collaborazione con la galleria.

Milano - La mostra, che occupa due degli spazi in via Stradella, comprende lavori fotografici, scultorei e video, testimonianze di decenni della pratica poliedrica dell’artista italo-brasiliana, che negli scorsi mesi ha presentato la sua prima, grande retrospettiva italiana al Pac - Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano. Questa personale propone un’indagine attraverso strutture di significanti poetici, che tessono fili attraverso il linguaggio visivo, inconfondibile, dell'artista. 

Aqui e Agora, qui e ora, determina un punto nel tempo, un presente, in cui la pratica decennale dell’artista compone un vocabolario agile, denso e distintivo. Attraverso l’interpretazione personalissima di un immaginario femminile e in risposta alla dittatura e alla censura del Brasile degli anni ’70 e ’80, il lavoro di Maiolino crea una commistione di gesti poetici temperati con azioni urgenti e intrise di significato politico: la libertà di espressione conquistata attraverso la varietà di media le ha permesso di sviluppare linguaggi visivi simultanei e ugualmente potenti.

Nella sede di via Stradella 7, Maiolino mette in mostra opere storiche e recenti, in un forte dualismo di bianco e nero, politica ed estetica. Al centro della sala, una coppia di sculture in ceramica installate su tavoli di metallo nero; l’artista gioca sulla loro distanza cromatica e sulla vicinanza delle loro forme organiche. Alle pareti, le fotografie della celebre serie Fotopoemaçao che dialogano tra loro. I quattro scatti di Aos Poucos (Little by Little), del 1976, sono testimonianza delle azioni politiche di Maiolino in opposizione al regime dittatoriale e militare brasiliano, una resistenza che spesso impiega la sua fisicità. La parete posteriore della galleria è occupata dalla serie più recente Corpo/Paisagem (Body/Landscape), del 2018, che segna un passaggio dall’uso dichiaratamente politico del proprio corpo ad uno più intimo e riservato: i lineamenti del viso dell’artista diventano così un paesaggio e ogni dettaglio è un elemento geografico da esplorare. Ad accompagnare le immagini dei corpi, Um Tempo (uma vez), [One Time, (once)], 2009/2012, un video raramente esposto narrato in portoghese da Maiolino, si propone una nuova declinazione della relazione dell’artista con il paesaggio.

Nella sede di via Stradella 1, due vetrine racchiudono un indice enciclopedico dell’opera fotografica e filmica di Maiolino: fotografie e fotogrammi compongono due collage digitali che offrono un’opportunità unica di viaggiare attraverso anni e dialoghi. Il linguaggio, più nello specifico, la parola scritta, sono evocate da due sculture installate lungo le pareti della galleria, rispettivamente realizzate in ceramica raku e metallo, materiali fondamentali usati dall’artista nel corso della sua carriera. Le forme semplici degli elementi della scultura si leggono come segni di punteggiatura scritti su un foglio di carta bianco. La voce di Maiolino risuona nello spazio mentre i visitatori interpretano il linguaggio visivo delle sculture, delle fotografie e dei fotogrammi dell’artista. Nel video Sotto Voce, del 2016, l’artista legge una poesia in portoghese e al tempo stesso le parole della traduzione inglese attraversano lo schermo. Questioni di appartenenza e migrazione sono intrecciate con riferimenti all’esperienza personale di Maiolino e alla condizione femminile, tematiche centrali della pratica dell’artista.

L'inaugurazione è fissata per martedì 3 dicembre 2019, con un opening lungo un giorno dalle 10.00 alle 20.00 in contemporanea con l'apertura della mostra Source di Ana Mendieta; la mostra è poi aperta al pubblico fino a sabato 8 febbraio 2020 nei seguenti orari di apertura: 10.00-13.00 e 15.00-19.30 dal martedì al sabato, oppure su appuntamento (per info 02 2043555).

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 04/08/2020 alle ore 18:31.

Potrebbe interessarti anche: Digital whales: balene a Milano, mostra, fino al 20 settembre 2020 , Claude Monet: the Immersive Experience, mostra multimediale, fino al 13 dicembre 2020 , Georges De La Tour: L’Europa della luce, mostra, fino al 27 settembre 2020 , Viaggio oltre le tenebre: Tutankhamon Real Experience, mostra immersiva, fino al 30 agosto 2020

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.