Nao Performing Festival 2019, spettacoli, installazioni, laboratori e incontri - Milano

Nao Performing Festival 2019, spettacoli, installazioni, laboratori e incontri - - Milano

29/11/2019

Fino a sabato 21 dicembre 2019

EfectoSiam © Ana Puentes Linares

Milano - Si apre anche quest'anno la piattaforma meneghina dedicata agli artisti che si distinguono per la loro vocazione interdisciplinare, tra danza e arti visive. Le proposte, nazionali e internazionali, comprendono performance, incontri, installazioni, proiezioni video, sotto la direzione artistica di Claudio Prati e la cura di Maria Paola Zedda. Il Nao Performing Festival torna a Milano da martedì 3 a domenica 8 dicembre, con uno uno spin off da mercoledì 18 a sabato 21 dicembre 2019.

Milano - Il calendario del Nao Performing Festival, che nel 2019 festeggia il traguardo della decima edizione, si dissemina nella città di Milano grazie alle collaborazioni con vari spazi culturali, attraversandoli per affinità disciplinari e artistiche. Di seguito, il programma completo delle performance in calendario e degli artisti ospiti del festival.

  • Martedì 3 dicembre alle 21.00, nella sede di Careof nella Fabbrica del VaporeThe choregraphic, selezione tra danza, cinema e arti visive con Womb di Gilles Jobin, Bombom’s dream di Jeremy Deller e Cecilia Bengolea e Horsetail Knickerbelt di Delgado Fuchs. L'evento di apertura del Nao Performing Festival si svolge in concomitanza con l’inaugurazione di Artevisione2019. In programma anche altre opere che hanno segnato tappe significative nell’innovazione del linguaggio drammaturgico.
  • Da mercoledì 4 a venerdì 6 dicembre, dalle 18.00 alle 20.00, nello spazio Standards in via Maffucci 26 -  Edoardo Mozzanega presenta l'installazione Domoscape, lavoro proposto in prima assoluta che ricolloca le vedute di una casa oramai non più abitata che si infesta di visioni, fantasmi, echi e alterazioni sonore e visive.
  • Mercoledì 4 dicembre dalle 20.30, presso il DiDstudio alla Fabbrica del Vapore - il Colectivo Sin Par presenta la performance Efecto Siam, ispirato alla storia della prima coppia registrata di gemelli identificati come siamesi, e Nicola Cisternino presenta Sabotta, una ricerca delle similitudini tra strutture anatomiche, musica e spazio ispirata alla teoria di MacLean di una trina strutturazione del cervello.
  • Giovedì 5 dicembre dalle 20.30, presso il DiDstudio - Giovanfrancesco Giannini presenta la performance Cloud, un percorso di immagini, video e flussi digitali, attraverso cui il performer accompagna il pubblico in un viaggio nel proprio archivio dati, nella propria memoria individuale, e Leonardo Diana presenta la performance Verso la luce, una danza per analizzare la condizione umana e l’ossessiva ricerca di un’identità.
  • Venerdì 6 dicembre dalle 21.00, presso il DiDstudio - Pablo Girolami con Manbusha, ispirata dal fascino per le civiltà estere e forgiata sui ritmi della musica, e il duo Elisa D’Amico e Francesco Dalmasso con Virgolette, un tentativo di disegnare lo spazio, il tempo e la relazione a partire da un sistema di regole.
  • Sabato 7 dicembre dalle 11.30 alle 17.30, presso la Sala Lab della Triennale Milano -Xplorazioni, convivio incentrato sulle nuove drammaturgie sperimentali, scritture sceniche e immaginari nella performance contemporanea.
  • Sabato 7 dicembre dalle 12.00 alle 20.00, nello spazio Standards - Edoardo Mozzanega con l'installazione Domoscape.
  • Sabato 7 dicembre alle 20.00 presso il DiDstudioPierluigi Castellini è in scena con Dialogo con gli dei, quintetto che indaga sulla natura umana e sul vivere perennemente in bilico tra due opporti: gioia e sofferenza, vita e morte, luce e tenebre, spirito e materia. Segue Enrico Paglialunga con Shape of Moving Waves, che guarda alla fisica del suono e alla sua propagazione molecolare in aria. Chiude Francesco Marilungo con lo studio su Party Girl, un lavoro sul mondo della notte e sulla vita legata al mercato del sesso e all’esposizione dei corpi, nell’ambito del progetto Mind The Gap.
  • Domenica 8 dicembre dalle 12.00 alle 20.00, nello spazio Standards - Edoardo Mozzanega con l'installazione Domoscape.
  • Domenica 8 dicembre alle 20.30, presso il DiDstudioAndrea Giomi conFeedback Loop Driver, performance musicale basata sull’improvvisazione che sfrutta tecnologie bio-fisiche e di analisi e cattura del movimento; Chiude il programmaGeflugelte RehediAndreana NotaroDavide RovitoLuca Servino Maria Paola Zedda, un lavoro sulla morte e sul sacro

Milano - Lo spin off del Nao Performing Festival 2019 propone, da mercoledì 18 a sabato 21 dicembre presso il DiDstudio MiniNao di Valentina Pagliarini. In programma anche il laboratorio Sei io. Sei tu. Sei noi., dal 18 al 20 al DiDstudio, e, il 21 dicembre alle 17.00, sempre rpesso DiDstudio, la presentazione pubblica.

Info e prezzi per il Nao Performing Festival 2019

L'ingresso al singolo spettacolo costa 8 euro; l'intera serata 12 euro (ridotto 6). Usufruiscono della riduzione Dance Card gli spettacoli Verso la luce, Party GirlGeflugelte Rehe, Shape of Moving Waves.

The choreographic, il laboratorio Sei io. Sei tu. Sei noi e il convivio Xplorazioni sono a ingresso gratuito. Domoscape ingresso gratuito previa sottoscrizione della tessera associativa 5 euro in sede o online. Per informazioni contattare il DiDstudio via email o al 02 3450996.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 09/12/2019 alle ore 20:33.

Potrebbe interessarti anche: Charlie e la fabbrica di cioccolato, musical, fino al 31 gennaio 2020 , We Will Rock You, musical con le canzoni dei Queen, dal 17 marzo al 22 marzo 2020 , Slava's Snowshow, fino al 12 gennaio 2020 , Arlecchino servitore di due padroni, dal 29 aprile al 17 maggio 2020

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.