Oro, 1320‑2020: dai Maestri del Trecento al Contemporaneo, mostra - Milano

Oro, 1320‑2020: dai Maestri del Trecento al Contemporaneo, mostra - Galleria Salamon - Milano

04/11/2019

Fino a venerdì 31 gennaio 2020

Milano - Dal 22 novembre 2019 al 31 gennaio 2020, presso la Galleria Salamon di Milano, nella sede di Palazzo Cicogna (via San Damiano 2), è allestiuta la mostra Oro, 1320-2020: dai Maestri del Trecento al Contemporaneo, organizzata da Matteo Salamon con l'intenzione di tracciare una traiettoria diacronica sull'uso (e contestualmente sul significato) dell'oro nelle arti figurative.

Milano - Per l'occasione sono messe in relazione opere del XIV e dell'inizio del XV secolo - dalla tradizione giottesca al Gotico Internazionale a Firenze e in Italia centrale - e lavori di grandi artisti italiani degli ultimi cinquant'anni: da Lucio Fontana a Paolo Londero e Maurizio Bottoni, interpreti, nelle opere presentate in mostra, delle simbologie intrinseche al materiale prezioso.

Milano - Lo scopo non è solo quello di condurre una storia della foglia d'oro nelle arti, mettendo in relazione gli aspetti tematici che ne presupponevano l'utilizzo alla fine del Medioevo e quelli che invece ne contemplano l'impiego ancora oggi; la finalità scientifica è soprattutto quella di cercare, in due momenti distanti della storia culturale del nostro paese, i segni tangibili di una unica tradizione, che emerge con forza esuberante grazie soprattutto al recupero, da parte di autori moderni, di tecniche e procedimenti usati nei secoli trascorsi.

Non è un caso che le opere antiche esposte sono tutte riconducibili a quel modello di bottega tramandato a noi da un documento storico essenziale quale il Libro dell'arte di Cennino Cennini, un trattato di 178 capitoli nei quali l'artista parla organicamente del funzionamento della bottega di un pittore: si dilunga sulla centralità del disegno, sulle ricette per la preparazione dei pigmenti, sulle varietà dei pennelli e sui differenti supporti; ben dodici capitoli sono dedicati alla doratura delle tavole e alle differenti tecniche di missione.

Le opere a fondo oro esposte dalla Galleria Salamon sono tavole di Giovanni Gaddi, maestro di scuola giottesca attivo insieme al padre Taddeo nella prima metà del Trecento, di Andrea di Bonaiuto, Antonio Veneziano e dell'anonimo pittore noto come Maestro dell'Incoronazione della Christ Church Gallery di Oxford, rappresentazione tangibile delle tecniche illustrate da Cennini, mentre i dipinti quattrocenteschi di Mariotto di Nardo (la Madonna col Bambino e quattro santi, ritenuta uno dei capolavori della sua tarda attività), Ventura di Moro e del marchigiano Giovanni Antonio da Pesaro attestano la continuità e la vitalità di questa tradizione - e non solo a Firenze - fino al 1430 circa.

Ma la lettura di Cennini, e in generale lo studio delle tecniche usate dagli antichi maestri, è fondamentale anche in alcuni aspetti dell'arte di Lucio Fontana nel XX secolo - di Fontana è esposto un Concetto spaziale in oro del 1960 - e soprattutto di Paolo Londero (Milano 1969) e Maurizio Bottoni (Milano 1950).

Nelle sculture di Londero, artista eclettico la cui formazione da restauratore tradisce la centralità della materia nella sua arte, si assiste a una continua dialettica di corpi e sostanze. La sua Gallina dalle uova d'oro provoca un ribaltamento ironico, ma denso di significato, del senso della fiaba. A essere d'oro è la gallina stessa e il pulcino che schiude un uovo di lacca bianca, segno che la preziosità sta nella vita e non nel guscio, in un gioco di tesi ed antitesi dal sapore hegeliano ma con rimandi di forme e contenuti addirittura al neoplatonismo michelangiolesco. Una riflessione sulla specificità intrinseca e simbolica dei materiali che si ripete nella Verza d'oro: a questa si apprestano formiche di lacca nera, pronte a nutrirsi delle foglie dorate, emblema delle illusioni, senza tuttavia giungere al cuore della brassica (che è reale e difatti non è d'oro), vero nocciolo tematico della composizione.

Ancora più significativa, seguendo questa lettura, appare l'esperienza dell'arte di Bottoni: il pittore lombardo è uno dei più fieri portavoce del recupero delle tecniche della tradizione preindustriale, dalla preparazione delle tavole e delle tele a quella dei colori. Presenta in mostra una tavola dallo spirito surrealista: Oggi riposo, digressione al tempo stesso ammirata e divertita sul tema della Vanitas. Ma Bottoni è anche uno dei più grandi disegnatori dal vero del panorama italiano contemporaneo: l'intrinseco senso della natura nella sua visione, dell'arte e dell'esistenza stessa ben si esprime col tema delle zolle di terra, descritte dal vero e trasposte sull'oro in un contrappunto tra realtà e illusione che ricorda da vicino la temperie formale e immaginifica del Tardogotico. Come su fondo oro sono trasposte le Rose di Volpedo, omaggio al naturalismo sincero e appassionato della poetica di Giuseppe Pellizza (si tratta di rose colte in un roseto selvatico sorto nel cimitero di Volpedo, presso la sepoltura del maestro).

La mostra è aperta al pubblico a ingresso gratuito dal lunedì al venerdì, in orario 10.00-13.00 e 14.00-19.00. Per ulteriori informazioni telefonare al numero 02 76024638.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 13/12/2019 alle ore 15:51.

Potrebbe interessarti anche: Nikola Tesla Exhibition, mostra-museo interattivo, fino al 29 marzo 2020 , I Love Lego, mostra di opere con mattoncini, fino al 2 febbraio 2020 , Natura, mostra-gioco per bambini, fino al 5 gennaio 2020 , La Vergine delle Rocce del Borghetto: in mostra l'opera di Francesco Melzi, fino al 31 dicembre 2019

Mentelocale.it indica in modo indipendente alcuni link di prodotti e servizi che si possono acquistare online. In questo testo potrebbero comparire link a siti con cui mentelocale.it ha un’affiliazione, che consente all'azienda di ricavare una piccola percentuale dalle vendite, senza variazione dei prezzi per l'utente.

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.