Zingari di Ruggero Leoncavallo, con Denia Mazzola Gavazzeni - Milano

Zingari di Ruggero Leoncavallo, con Denia Mazzola Gavazzeni - Conservatorio Giuseppe Verdi - Milano

01/10/2019

Lunedì 4 novembre 2019

Ore 20:45

CalendarioDate, orari e biglietti

Milano - È dedicata alla riscoperta dell’opera Zingari di Ruggero Leoncavallo (1857-1919) la giornata organizzata dalla soprano Denia Mazzola Gavazzeni, lunedì 4 novembre 2019 presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano. Un omaggio che festeggia contemporaneamente il centenario della scomparsa del compositore napoletano e il 110° anniversario della nascita dell'indimenticato Gianandrea Gavazzeni.

Milano - Alle ore 20.45 la Sala Verdi del Conservatorio di Milano ospita in forma di concerto l’opera in un atto e due quarti su libretto di Enrico Cavacchioli e Guglielmo Emanuel: protagonisti l’Orchestra Filarmonica Italiana diretta da Daniele AgimanDenia Mazzola Gavazzeni nei panni di Fleana, Giuseppe Veneziano, nel ruolo di Radu, Armando Likaj, nel ruolo di Tamar, e Giorgio Valerio, nel ruolo del vecchio. Con la partecipazione di Luca Schieppati che ne guida l’ascolto e del Coro Ab Harmoniae diretto da Damiano Cerutti e Maxine Rizzotto.

Milano - Lo spettacolo è prodotto dall’associazione Ab Harmoniae Onlus in collaborazione con Serate Musicali nell’ambito della stagione concertistica 2019/2020 e prosegue un percorso di ricoperta intrapreso da Mazzola Gavazzeni due anni fa e giunto quest’anno alla terza tappa. Dopo La Falena di Antonio Smareglia nel 2017 e L’enfante Prodigue di Claude Debussy accanto a L’incantesimo di Italo Montemezzi nel 2018, quest’anno si celebra Ruggero Leoncavallo, compositore nato a Napoli nel 1857 e morto a Montecatini nel 1919.

L’opera di Leoncavallo, su soggetto liberamente ispirato all’omonimo poema di Puskin, che già improntava il nascente Aleko di Rachmaninov, mantiene, nel suo essere dichiaratamente verista, uno stile stringato e conciso, dal forte senso drammatico, con una generosa ispirazione melodica. Tratti che caratterizzano tutte le sue composizioni. Zingari racconta una vicenda che rovista nel campo nomade e raccoglie suoni di una società nella società, di un sistema di regole senza regole. Se in Puskin il fervore accattivante, indisponente, arcaico, in quel senso della collettività che annienta il provato, è addolcito e sublimato, in Leoncavallo diventa passione, gelosia, follia e delitto.

La protagonista dell'opera, Fleana, libera e bella, infrange le regole del campo e invita a unirsi alla tribù il principe Radu, fuggito dalla sua vita di agi e certezze per seguirla, per vivere, giorno dopo giorno, la passione per Fleana, amata da lungo tempo, e in segreto, anche da Tamar. Con il permesso del vecchio capo del campo, Fleana sposa Radu con rito di sangue, scatenando le gelosie di Tamar che tenterà di avventarsi su di lei e di ucciderla. Sui frequenti e insidiosi melismi che Leoncavallo affida alla protagonista, Fleana incanta e soggioga con danze e canti sensuali tutta la comunità. Il tempo passa, scandito da un intermezzo sinfonico. Consumata la fiamma d'amore che la divorava per Radu, Fleana volge ora il proprio desiderio a Tamar e, nella passione delle notti d’amore, tradisce Radu. A nulla valgono i patetici richiami e le suppliche di Radu; Fleana, con massima sfrontatezza, persegue nella sua relazione con Tamar. Con perfetta concisione drammaturgica, Leoncavallo trasforma in poche pagine la risata di Fleana in un grido, e, mentre il fuoco appiccato da Radu avvolge il suo carro, bruciano i corpi allacciati degli amanti. Una risata, folle, si leva, alta. È quella di Radu che al sommo della follia e privato del suo sogno, si trafigge ai piedi del carro dell'amata.

Nel corso della giornata, a partire dalle ore 10.30, nella Sala Biblioteca del Conservatorio di Milano è in programma il convegno Il verismo di Leoncavallo, un colloque di approfondimento durante il quale nomi quali Matteo SansoneCesare OrselliJohannes Streicher e Bernardo Pieri raccontano il nomadismo in musica e il profilo di un grande compositore quale è stato Ruggero Leoncavallo, nonché la teatralità dell’opera leoncavalliana. Presenti anche Paolo Petronio, autore di numerose pubblicazioni musicologiche, e Ottavio Palmieri, fondatore e presidente del Leoncavallo Festival di Brissago.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 05/06/2020 alle ore 22:04.

Potrebbe interessarti anche: Ultimo in concerto a San Siro - Stadi 2020, dal 18 giugno al 19 giugno 2020 , Idays Milano 2020, con System of a Down, Aerosmith, Foo Fighters e Vasco Rossi, dal 12 giugno al 15 giugno 2020 , Green Day in concerto - Milano Summer Festival 2020, 10 giugno 2020 , Rugby Sound Festival 2020, dal 26 giugno al 5 luglio 2020

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.