Pedigree, mostra personale di Rodrigo Hernández - Milano

Pedigree, mostra personale di Rodrigo Hernández - Galleria Campari - Sesto San Giovanni (Milano)

05/08/2019

Fino a venerdì 14 febbraio 2020

Rodrigo Hernández, Abraço (Embrace), 2019© Courtesy of the artist, Madragoa Lisbon and Chert Lüdde Berlin

Sesto San Giovanni (Milano) - Galleria Campari e Artissima presentano un nuovo progetto espositivo inedito, appositamente concepito per gli spazi di Galleria Campari a Sesto San Giovanni (Milano): Pedigree, la mostra personale dell’artista messicano Rodrigo Hernández, vincitore della seconda edizione del Campari Art Prize alla venticinquesima edizione di Artissima, fiera internazionale d’arte contemporanea di Torino.

Sesto San Giovanni (Milano) - La mostra, a cura di Ilaria Bonacossa, è visitabile da giovedì 10 ottobre 2019 a venerdì 14 febbraio 2020.

Sesto San Giovanni (Milano) - L’esposizione è una raccolta di otto sculture in dialogo con una speciale carta da parati che l’artista ha realizzato come omaggio alla vicenda della famiglia Campari. Affascinato dalla storia e dalle originali testimonianze d’arte e design custodite nel museo aziendale, Rodrigo Hernández ha voluto dar vita a una narrazione che fonde realtà e immaginazione, in cui convergono la biografia del fondatore Gaspare Campari, la nascita e l’evoluzione dell’azienda, ma anche suggestioni letterarie, simbologie e una personale interpretazione della vicenda. Elementi astratti e figurativi, come ad esempio cani, edifici, uomini e macchine, si intrecciano con molteplici visioni, vecchie e nuove, significative o insignificanti, filtrate attraverso la sensibilità dell’artista.

Rodrigo Hernández (Città del Messico, 1983) vive e lavora tra Lisbona e Città del Messico. Lavorando principalmente con i media classici e le tecniche di creazione artistica, tra cui disegno, scultura e pittura, Hernández è interessato al movimento costitutivo dell’arte e della creazione di immagini, dall’iconografia mesoamericana all’arte contemporanea. I suoi progetti variano dalla creazione di oggetti all’interno di uno studio dedicato a progetti specifici e orientati alla ricerca. Trae ispirazione da una serie di riferimenti estetici, che ha anche descritto come stamperia giapponese della moda, e dal modernismo europeo, tra gli altri, per sviluppare un vocabolario formale molto personale.

L'inaugurazione è fissata per mercoledì 9 ottobre 2019 alle ore 19.00; la mostra è poi aperta al pubblico da giovedì 10 ottobre 2019 a venerdì 14 febbraio 2020 con visite guidate gratuite (su prenotazione) nei seguenti orari: dal martedì al venerdì alle ore 10.00, 11.30, 14.00, 15.30 e 17.00; ogni secondo sabato del mese alle ore 10.00, 11.30, 14.00, 15.30 e 17.00. Per info 02 62251.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 17/11/2019 alle ore 01:33.

Potrebbe interessarti anche: Nikola Tesla Exhibition, mostra-museo interattivo, fino al 29 marzo 2020 , I Love Lego, mostra di opere con mattoncini, fino al 2 febbraio 2020 , Natura, mostra-gioco per bambini, fino al 5 gennaio 2020 , La Vergine delle Rocce del Borghetto: in mostra l'opera di Francesco Melzi, fino al 31 dicembre 2019

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.