Iniziamo da qui, mostra collettiva - - Milano

18/06/2019

Fino a mercoledì 25 settembre 2019

© Fabrizio Stipari

Milano - Dal 20 giugno al 25 settembre 2019, presso la Galleria Frediano Farsetti di Milano (via della Spiga 52, ingresso da via Manzoni), si può visitare la mostra Iniziamo da qui, la  collettiva che inaugura il ciclo triennale di esposizioni Connection ideato e curato da Lorenzo Bruni

Milano - La prima esposizione, Iniziamo da qui, offre una panoramica sull’arte italiana del terzo millennio grazie alle opere di tre giovani artisti emergenti, Catherina Biocca, Giulio Delvé e Diego Miguel Mirabella, oltre a due progetti speciali pensati per l'occasione da artisti della generazione precedente: Vedovamazzei e Cesare Viel.

Milano - Catherina Biocca, Giulio Delvé e Diego Miguel Mirabella utilizzano differenti tecniche artistiche per interrogarsi sulla capacità degli oggetti naturali e quotidiani di trattenere le esperienze da cui sono attraversati. I bassorilievi, i quadri, le installazioni e i video in mostra puntano a concretizzare il perimetro delle immagini delle cose, che però resta apparentemente illeggibile, per esprimere la loro necessità di una nuova profondità rispetto ad un mondo mediatico digitale, in cui tutto sembra raggiungibile, ma dove nulla lo è veramente. Un altro aspetto costante nei loro processi creativi, è l’attenzione alla natura: come è evidente, però, nelle immagini di pecore di Mirabella, nelle foglie di palme di Delvé e nel mare di Biocca, si tratta di una natura che non è mai riconoscibile, ma appare come una allucinazione collettiva che si insinua nell’impasto delle opere. Questo aspetto è sintomatico del loro concetto di colore, che non corrisponde una proprietà del singolo oggetto ma transita da una presenza all’altra, divenendo strumento per indagare la forza autonoma della sua essenza.

Il percorso di Vedovamazzei e Cesare Viel è stato caratterizzato, fin dagli anni Novanta, da una forte indagine sul ruolo e la natura dell’opera, mettendo in evidenza il dialogo con il contesto in cui essa nasce e si sviluppa. La loro presenza in mostra pone attenzione alla dimensione processuale dell’opera e al ripensare nel profondo le categorie di astratto e figurativo, oltre che di azione effimera e durata della stessa. La loro scelta di far coincidere l’estraneo con il quotidiano permette di riflettere su cosa può essere considerato cultura oggi, sul valore dei musei come dello spettatore stesso. I due ingressi dello spazio espositivo ospitano le loro opere, che ripensano lavori del passato per osservare come il senso comune, la percezione di spettacolo, inconscio e poesia siano oggi mutati.

Il vernissage è fissato per le ore 18.00 di mercoledì 19 giugno. La mostra è poi visitabile fino a mercoledì 25 settembre (escluso il mese di agosto) nei seguenti orari: lunedì 15.00-19.00; da martedì a sabato, 10.00-13.00 e 15.00.19.00. Per info 02 794274.

Questo evento è stato aggiornato con nuove informazioni il 24/08/2019 alle ore 05:07.

Potrebbe interessarti anche: Leonardo da Vinci Parade, mostra, fino al 13 ottobre 2019 , Leonardo da Vinci 3D, mostra immersiva, fino al 22 settembre 2019 , Preraffaelliti: Amore e Desiderio, mostra, fino al 6 ottobre 2019 , Natura, mostra-gioco per bambini, fino al 5 gennaio 2020

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.