Capodanno 2023 a Milano, l'ordinanza antivetro e superalcolici

Capodanno 2023 a Milano, l'ordinanza antivetro e superalcolici

Attualità Milano Venerdì 30 dicembre 2022

Clicca per guardare la fotogallery

Milano - Dalle ore 18.00 di sabato 31 dicembre 2022 e fino alle ore 6.00 di domenica primo gennaio 2023 a Milano è vietata la vendita per l’asporto di alcolici con gradazione superiore a 21° e bevande in contenitori di vetro o lattina. 

L’ordinanza è stata decisa in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza, su indicazione della Prefettura e della Questura, per ragioni di tutela dell’ambiente urbano e della sicurezza e contro il degrado causato da un forte afflusso di persone per le vie di Milano in occasione del Capodanno 2023. Riguarda tutta l’area della città compresa all’interno della cosiddetta cerchia della 90/91, ovvero nell’area delimitata dai viali Cassala, Isonzo, Umbria, dei Mille, Abruzzi, Brianza, Lunigiana, Marche, Jenner, Monteceneri, Renato Serra, Murillo, Ranzoni, Bezzi Misurata.

Nello specifico l’ordinanza di Capodanno vieta di vendere, distribuire o somministrare, anche gratuitamente, bevande in bottiglie e contenitori di vetro e lattine anche per asporto. Il divieto è rivolto a tutte le tipologie di esercizi di vicinato, medie e grandi strutture di vendita, attività commerciali, artigiani, pubblici esercizi, distributori automatici, commercio in forma ambulante o con posto fisso e street food. È vietato somministrare e vendere bevande superalcoliche sia in forma fissa e ambulante. Resta consentito l'uso del vetro all'interno dei pubblici esercizi e nei dehor solo per il servizio al tavolo.

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

La nostra azienda nel corso del 2022 a fronte della domanda di agevolazione presentata in data 05/08/2020 a valere sull’Azione 3.1.1 "Covid19" del POR FESR 2014-2020 ha ricevuto il sostegno finanziario dell’Unione Europea per la realizzazione di un programma di investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale "Covid19 – Adeguamento processi produttivi delle PMI"