Teatro della Cooperativa 2022/2023, il programma della stagione dedicata al quartiere Niguarda - Milano

Teatro della Cooperativa 2022/2023, il programma della stagione dedicata al quartiere Niguarda

Teatro Milano Teatro della Cooperativa Venerdì 7 ottobre 2022

Clicca per guardare la fotogallery
Line
© Laila Pozzo

Milano - Il Teatro della Cooperativa di via Hermada a Milano, che si è sempre contraddistinto per il suo impegno civico e sociale, dedica la nuova stagione 2022/2023 allo storico quartiere Niguarda di Milano nel centenario dell'annessione del piccolo borgo alla grande città. Il direttore Renato Sarti dà il via al nuovo anno partendo da una domanda precisa e attuale: «che funzione può svolgere il teatro dopo il Covid, con una guerra in corso, che rischia di stravolgere gli equilibri mondiali? Il teatro deve semplicemente continuare a essere luogo di partecipazione e di confronto in cui si piange, si ride, ci si emoziona, ma soprattutto deve aiutare a riflettere sulle sorti del mondo e dell’essere umano, con il palcoscenico a fare da specchio ai suoi eroismi e alle sue fragilità, nella recondita speranza che possa diventare più saggio e meno malvagio».

Arianna Scommegna, Laura Curino, Debora Villa, Flavio Oreglio, Antonio Cornacchione, Alessandra Faiella e Francesco Meola sono solo alcuni dei protagonisti della stagione 2022/2023 del Teatro della Cooperativa, composta da 29 titoli di cui 9 produzioni e 8 prime nazionali: oltre alla drammaturgia contemporanea, con un’attenzione particolare rivolta ad artisti emergenti e, soprattutto, al femminile, sono in programma spettacoli di stand up comedy e laboratori, senza tralasciare gli spettacoli per bambini.

La stagione si apre con la ripresa di Gorla fermata Gorla di Renato Sarti (20 e 22 ottobre 2022): una drammaturgia per ricordare che cos’è l’orrore della guerra attraverso il racconto del tragico bombardamento avvenuto nel 1944 in cui persero la vita 184 bambini della Scuola Elementare Francesco Crispi di Milano. Sul palco Giulia Lazzarini affiancata Federica Fabiani e Marta Marangoni.

A seguire la pièce Ottobre 22 (dal 28 al 30 ottobre e dal 3 al 13 novembre 2022, prima nazionale), un progetto in cui Renato Sarti ha collaborato sia con Sergio Pierattini, autore del testo e con lo storico Mimmo Franzinelli per ricostruire, a cent’anni di distanza, le vicende che hanno portato alla Marcia su Roma e per cercare di comprendere come l’analisi di quell’evento possa in qualche maniera aiutarci a evitare pericolose derive antidemocratiche. In scena Renato Sarti e Fabio Zulli.

La stagione prosegue poi con lo spettacolo Giovinette: le calciatrici che sfidarono il Duce (dal 22 al 27 novembre 2022, prima milanese) che racconta la storia del Gfc (Gruppo Femminile Calcistico), la prima squadra di calcio femminile italiana: sul palco un cast tutto al femminile formato da Federica Fabiani, Rossana Mola e Rita Pelusio, con la regia di Laura Curino. Legato allo stesso filo torna poi al Teatro della Cooperativa, in una nuova versione dopo essere stata ospitata dal Piccolo Teatro, Matilde e il tram per San Vittore (dal 24 al 29 gennaio 2023), scritto e diretto da Renato Sarti e interpretato da Rossana Mola e Marta Marangoni: lo spettacolo tratta il tema del ruolo delle donne - in particolare milanesi - nella Resistenza. Il rumore del silenzio (dal 12 al 18 dicembre 2022) è invece lo spettacolo in cui Renato Sarti e Laura Curino danno vita alle storie delle famiglie delle vittime della strage di piazza Fontana e a Licia Pinelli. 

Il nuovo anno al Teatro della Cooperativa prosegue con il ritorno di Giulio Cavalli con Falcone, Borsellino e le teste di minchia: il ridicolo onore (dal 17 al 22 gennaio 2023), un intreccio di stand up comedy e giullarata che a 30 anni dalle stragi di Capaci e di via D’Amelio ricordano Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e tutti quelli che hanno perso la vita a causa della lotta contro la mafia. Nell’occhio del labirinto: apologia di Enzo Tortora (dal 31 gennaio al 5 febbraio 2023, prima nazionale) è invece il testo scritto e diretto dall'emergente Chicco Dossi che ripercorre la tragica vicenda giudiziaria di Enzo Tortora: lo spettacolo è interpretato da un altro giovane talentuoso, Simone Tuddasegnalato dal Premio Hystrio alla Vocazione 2021.

La stagione continua con Un carnevale per Sole e Baleno (dal 21 al 26 febbraio 2023, prima nazionale) di Marco Gobetti: interpretato da Laura Pozone e Simone Faloppa, lo spettacolo racconta di due giovani attivisti No Tav morti suicidi. Chiara Boscaro e Marco Di Stefano sono invece gli autori di Poco più di un fatto personale (dal 2 al 6 maggio 2023, prima milanese), interpretato da Marco Di Stefano, Susanna Miotto, Alice Pavan, Riccardo Trovato e Fabio Zulli per la regia di Stefano Beghi, racconta le Bestie di Satana attraverso un viaggio a ritroso nell’adolescenza, tra sogni, speranze, ma anche di rabbia e paura. In Utoya di Edoardo Erba (dal 23 al 28 maggio 2023), Arianna Scommegna e Mattia Fabris portano in scena le storie di tre coppie a diverso titolo collegate alla strage avvenuta sull’omonima isola norvegese; la regia è di Serena Sinigaglia.

Temi d’attualità e questioni d’interesse comune delicate e complesse possono però essere affrontrate anche con leggerezza, ironia e comicità. La risata come antidoto e rimedio al male è ad esempio l'ingrediente principale di Line di Israel Horovitz (dal 3 al 12 marzo 2023), che affronta il tema della competitività una delle più grandi piaghe della società occidentale: interpretato da Valerio Bongiorno, Francesco Meola, Rossana Mola, Mico Pugliares e Fabio Zulli, lo spettacolo è ancora una volta diretto da Renato Sarti.

Torna sul palco del Teatro della Cooperativa anche Massimiliano Loizzi con il suo nuovo spettacolo The King: l’ultima notte del Re (dal 16 al 20 novembre 2022, prima nazionale): una personalissima versione del Riccardo III di William Shakespeare in una riflessione-verità in tempo di guerra. Antonello Taurino in (S)permaloso: quattro risate matte sull'infertilità maschile (dal 24 marzo al 2 aprile 2023, prima nazionale) affronta, uno dei grandi tabù del mondo maschile, ma forse anche femminile. Tornano in scena anche Ippolita Baldini con lo spettacolo ironico e brillante Una marchesa ad Assisi (dal 12 al 21 maggio 2023) e Debora Villa che ripropone l’evento speciale Terapia di gruppo, un vero e proprio laboratorio comico in più serate (6 febbraio, 13 marzo, 17 aprile e 15 maggio 2023).

Renata Ciaravino è protagonista della performance di stand up comedy Sto da Dio (2 dicembre 2022), mentre Lucia Vasini e Cinzia Marseglia raccontano la storia di due donne e amiche sull’orlo di una crisi di nervi in Mozart 90 in blu (dal 14 al 19 marzo 2023). Intrattenimento comico e riflessione sono alla base anche dei nuovi spettacoli di Flavio Oreglio, intitolato Alla ricerca del Cabaret Perduto (dal 14 al 19 febbraio 2023, prima nazionale), e di Alberto Patrucco, mattatore di Abbrassens (dal 12 al 16 aprile 2023, prima nazionale), performance tra parole e musica, racconti e canzoni, dove al serrato ritmo del monologo umoristico seguono la genialità e l’ironia di Georges Brassens, in alcune sue canzoni mai tradotte in italiano prima d’ora.

Tornano al Teatro della Cooperativa anche Nicola Vicidomini con lo spettacolo Fauno (dal 13 al 15 gennaio 2023), un’opera che si spinge fino all’umorismo più estremo, e i Duperdu con il nuovo spettacolo di teatro-canzone L’altro Brassens: le traduzioni improbabili (dal 6 all'11 giugno 2023, prima nazionale). Infine, Valentina Mandruzzato, Francesca Zaira TripaldiMaria Luisa Zaltron con Tutto è Kabarett (dal 26 al 30 aprile 2023, prima milanese), scritto da Riccardo Tabilio, incarnano tutta la poliedricità espressiva delle artiste da Kabarett, cabaret alla tedesca, come Marlene Dietrich, Claire Waldoff e Anita Berber.

Come ormai da tradizione sul palco del Teatro della Cooperativa vanno in scena, per la gioia dei bambini, i burattini di Renato Sarti protagonisti delle Avventure di Arlecchino e Brighella: quattro appuntamenti tra il bosco dei Giganti e la corte di Alì Bubù, con inb baracca i due giovani attori di Niguarda Lorenzo Falchi e Gabriele Vollaro (date in via di definizione). Ma anche altri burattini sono protagonisti della nuova stagione: con Lear e il suo matto (dal 4 al 6 aprile 2023, prima milanese) Luca Radaelli e Walter Broggini restituiscono un classico shakespeariano riletto e riscritto in un linguaggio aperto a tutti, ma pensato per gli adulti. In cartellone anche la lettura di brani tratti dal libro La Piazzetta, a cura di Massimo Cecconi e con Silvano Piccardi: una raccolta di racconti, ambientati tra la fine dell’Ottocento e gli anni Sessanta del secolo scorso, che ruota attorno a un microcosmo milanese (date in via di definizione).

Della stagione del Teatro della Cooperativa fa poi parte la rassegna Fuori Niguarda, una serie di spettacoli che varcano i confini del Quartiere Niguarda per essere ospiti su altri palcoscenici milanesi. Al Teatro Martinitt (5 aprile 2023) l'appuntamento è con Antonio Cornacchione e Sergio Sgrilli, protagonisti dello spettacolo Noi siamo voi: votatevi!. Al Teatro Carcano, dell’anniversario della scomparsa di Franca Rame, Alessandra Faiella e Valerio Bongiorno tornano in scena con Coppia aperta, quasi spalancata (29 maggio 2023). Al Piccolo Teatro Grassi invece Renato Sarti e Laura Curino presentano il reading Naufraghi senza volto (dal 20 al 25 giugno 2023) tratto dall’omonimo libro dell’antropologa forense Cristina Cattaneo.

Anche quest’anno il Teatro della Cooperativa porta avanti il progetto di rigenerazione urbana partecipata Radici / C’era una volta il quartiere che sarà. L’iniziativa si pone come obiettivo quello di riqualificare e valorizzare la periferia in cui ha sede il teatro: attraverso attività laboratoriali, aperte sia agli abitanti sia alle persone provenienti dal resto della città, la comunità viene guidata da un’équipe di professionisti e artisti del quartiere verso l’esplorazione del paesaggio fisico, sonoro e visivo di Niguarda per realizzare interventi artistici partendo dallo spazio urbano. Tra le tappe conclusive del progetto è prevista una camminata teatralizzata audioguidata nel quartiere, Terra rossa, terra buona (date in via di definizione), a cura del regista Riccardo Tabilio, attraverso il coinvolgimento di un pubblico teatrale in un’attività performativa collettiva.

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti consultare il sito del Teatro della Cooperativa oppure telefonare al numero 02 6420761.

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.