A Villa Necchi l'installazione immersiva che racconta la vecchia Milano città d'acqua

A Villa Necchi l'installazione immersiva che racconta la vecchia Milano città d'acqua

Mostre Milano Villa Necchi Campiglio Mercoledì 14 settembre 2022

Clicca per guardare la fotogallery
© Fai - Fondo Ambiente Italiano
Altre foto

Milano - Dal 14 settembre 2022 a Villa Necchi Campiglio, bene del Fai - Fondo per l’Ambiente Italiano nel centro di Milano, apre al pubblico un nuovo spazio multimediale permanente ad accesso gratuito che integra e arricchisce l’attuale offerta di visita. Si intitola Un ambiente per l’Ambiente ed è una video-installazione immersiva realizzata nell’originario garage della villa disegnata da Piero Portaluppi che il Fai dedica al racconto dell’ambiente nel cuore della città come esito dell’inestricabile intreccio tra storia e natura.

Questo è l’ambiente secondo il Fai: non la natura incontaminata, ma lo scenario della nostra storia e della nostra vita, di cui siamo tutti protagonisti e responsabili, come nel passato, ancor più oggi e per il futuro, sempre più gravati dalla minaccia della crisi ambientale. L’impegno del Fai per l’ambiente, in un momento storico dominato dai devastanti effetti del riscaldamento globale, cui si aggiunge l’attuale crisi energetica, si rinforza e si realizza in un percorso di transizione ecologica che coinvolge tutti i suoi beni e le sue attività, e da oggi anche in un nuovo progetto culturale, che da Villa Necchi si diffonderà in altri dei suoi 71 beni. Il Fai si propone di raccontare in un ambiente l’ambiente circostante e cosa fa il Fai per preservarlo e valorizzarlo, per promuovere la tutela a partire dalla conoscenza, com’è nella sua missione, e stimolare sensibilità, partecipazione e spirito civico a partire dal concreto esempio di piccole grandi buone azioni, buone abitudini per l’ambiente alla portata del Fai, come di tutti.

L’ambiente è ciò che ci circonda: su questo concetto è costruito il racconto del Fai che prende le mosse da un ambiente, il garage di Villa Necchi, per raccontare l’ambiente circostante, ovvero il centro di Milano, come sia cambiato nel corso della storia, e come la storia della città si fondi sulla natura, e in particolare sulla sua natura di città d’acqua. Un’incalzante narrazione per immagini della durata di 15 minuti, frutto di una ricca e accurata ricerca storica e iconografica, animata da infografiche e accompagnata dalla voce di Enrico Bertolino, svela l’ambiente della vecchia Milano, circondata da orti e giardini e percorsa fino agli anni '30 del Novecento da 124 canali per 153 chilometri: una città fondata sull’acqua, e che sull’acqua ha fondato il suo sviluppo storico e costruito la sua ricchezza.

Una storia nota ai milanesi, ma non a tutti, e non ai più giovani, come nemmeno ai tanti stranieri che visitano Villa Necchi, che dopo questa visione guarderanno con altri occhi le vie del centro di Milano, immaginandole solcate da navigli, percorse da barche, attraversate da ponti e popolate di lavandaie e pescatori di gamberi, e magari andranno alla ricerca delle curiose tracce di quell’ambiente ormai perduto, approfondendo così la conoscenza della città con la consapevolezza che anche la città è un ambiente in cui storia e natura si intrecciano.

È questo il primo capitolo del racconto realizzato dal Fai che procede rapido dal passato al presente, perché la principale risorsa naturale dell’ambiente di Milano non è perduta, anzi: oggi l’acqua scorre nei pochi tratti di canali ancora scoperti, tra i luoghi più amati e frequentati dai milanesi, che infatti nel 2011 si pronunciarono in un referendum a favore della riapertura dei Navigli, che il Fai si augura possa tornare di attualità anche grazie a questo progetto; ma soprattutto l’acqua in città scorre naturalmente appena sottoterra, tanta e inutilizzata: un’altra storia inedita da raccontare e una risorsa da valorizzare, perché su quest’acqua Milano può costruire un futuro di sostenibilità ecologica.

Sull’uso dell’acqua di prima falda, non potabile ma perfetta per tante funzioni quotidiane, il Fai ha costruito la sostenibilità ecologica di Villa Necchi: grazie a un pozzo e a una pompa di calore geotermica ad acqua, infatti, il Fai risparmia il 55% di acqua potabile e riduce drasticamente le emissioni di Co2; e molte altre sono le piccole grandi azioni che mette in pratica qui e nei suoi beni in tutta Italia, e che a Villa Necchi per la prima volta racconta al pubblico: comportamenti sostenibili, semplici buone abitudini che è un dovere del Fai, come di tutti, adottare e promuovere, per contribuire a mitigare la crisi del nostro ambiente e per riportare equilibrio nella relazione tra uomo e natura, così proficua nel passato - come insegna la storia di Milano - e oggi invece gravemente compromessa.

Un ambiente per l’Ambiente è visitabile gratuitamente nei giorni di apertura di Villa Necchi, da mercoledì a domenica, in orario 10.00-18.00 con accesso da via Mozart 14.

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.