Triennale Milano Teatro 2021: gli spettacoli della stagione autunnale tra danza e performance

Triennale Milano Teatro 2021: gli spettacoli della stagione autunnale tra danza e performance

Teatro Milano Triennale Milano Teatro Martedì 21 settembre 2021

Motus, Tutto Brucia
© Vladimir Bertozzi

Milano - Si torna in presenza anche al Triennale Milano Teatro con la stagione 2021 diretta da Umberto Angelini: da ottobre a dicembre, ci aspetta una programmazione che spazia tra danza, teatro, performance e musica, costellata da grandi ritorni, ottime conferme e gradite soprese, con importanti figure del panorama nazionale e internazionale che insieme si interrogano sul nostro presente. E le domande in forma poetica che il teatro pone toccano questioni come la responsabilità e la libertà di fronte alla legge.

Il cartellone è anticipato da un momento di condivisione: il 6 ottobre Radio Raheem, la web radio indipendente che dal gennaio 2020 si è trasferita negli spazi della Triennale, presenta Jolly Mare con il chitarrista e compositore Francesco Neglia, protagonisti di un set live.

La programmazione vera e propria prende il via il 12 e il 13 ottobre: dalla Francia arriva 3 annonciations, scritto e diretto da Pascal Rambert, già ospite della Triennale nel 2017 con L’arte del teatro e a maggio di quest’anno (all’interno della quarta edizione di Fog) con la versione italiana di Sorelle.

Cleopatràs, dal 15 al 17 ottobre, è l’ultimo capitolo di un percorso che vede Valter Malosti confrontarsi con Giovanni Testori, con la partecipazione dell’attrice Anna Della Rosa. Un importante ritorno in Triennale è quello del teatro di ricerca dei Motus, con Tutto brucia, titolo che richiama la riscrittura delle Troiane a opera di Jean Paul Sartre: l'appuntamento è dal 4 al 6 novembre.

L’evento clou della stagione 2021 del Triennale Milano Teatro è probabilmente la prima nazionale del nuovo lavoro firmato Romeo Castellucci (Grand Invité della Triennale), a poche settimane dal debutto assoluto, con Bros, dall’11 al 14 novembre. In questo spettacolo perturbante, coprodotto da Triennale Milano Teatro, i protagonisti vanno in scena senza prima avere imparato la parte, seguendo i comandi tramite un auricolare ed eseguendo azioni senza tempo per pensare.

Dal 26 al 27 novembre arriva per la prima volta a Milano il Proton Theatre di Kornél Mundruczó, tra le compagnie rivelazione della scena internazionale, con il visionario Imitation of life: partendo da un fatto di cronaca, lo spettacolo integrerà realismo con la multimedialità. Un’altra coproduzione targata Triennale Milano Teatro è poi il nuovo lavoro del collettivo Dewey Dell, intitolato Hamlet e in scena il 15 e il 16 dicembre.

Dopo Bros, Romeo Castellucci torna poi in scena il 5 dicembre con la proiezione dei film della Trilogia, La Divina Commedia. Inferno, Purgatorio, Paradiso: secondo Le Monde si tratta di una delle dieci produzioni culturali che hanno segnato il primo decennio del Duemila. Un altro ritorno significativo è quello di Virgilio Sieni che l'1 e il 2 dicembre, nel suo Paradiso, traduce in gesto la parola della Commedia di Dante.

Infine, segnaliamo la collaborazione fra Triennale Milano Teatro e Ponderosa Music & Art con JazzMi 2021 che, dal 21 al 31 ottobre, presenta artisti della scena internazionale del calibro di Enrico Rava, James Senese, Jason Moran, Enrico Intra e molti altri.

I biglietti per i singoli spettacoli della stagione 2021 del Triennale Milano Teatro hanno prezzi che variano da 16 a 22 euro (ridotti da 8 a 16 euro) e possono essere acquistati comodamente on line su happyticket.it (tranne la serata con Radio Raheem che è a ingresso gratuito). Per ulteriori informazioni telefonare al numero 02 72434208/239.

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.