Teatro alla Scala, le novità 2021/2022: dalla prima col Macbeth ai biglietti low cost per ragazzi - Milano

Teatro alla Scala, le novità 2021/2022: dalla prima col Macbeth ai biglietti low cost per ragazzi

Teatro Milano Teatro alla Scala Lunedì 31 maggio 2021

Milano - Con la stagione 2021/2022 il Teatro alla Scala di Milano vuole ritrovare definitivamente il suo pubblico dopo due anni di emergenza dovuta alla pandemia. La stagione d’opera, che si apre il 7 dicembre 2021 con Macbeth di Giuseppe Verdi diretto da Riccardo Chailly, presenta 13 titoli, dei quali 9 sono nuove produzioni, 3 spettacoli di altri teatri non visti a Milano e uno è una ripresa.

Al centro delle opere in programma si conferma la centralità della tradizione italiana, in un equilibrio tra epoche e scuole diverse (ma non mancano esponenti del repertorio francese, inglese, tedesco, austriaco e russo) con interpreti prestigiosi ma anche numerosi debutti: oltre al Macbeth verdiano (dal 7 al 29 dicembre 2021, con Anna Netrebko, Francesco Meli, Luca Salsi e Ildar Abdrazakov), titolo scelto per la prima della Scala 2021, il cartellone della stagione include I Capuleti e i Montecchi di Vincenzo Bellini (dal 18 gennaio al 2 febbraio 2022), Thaïs di Jules Massenet (dal 10 febbraio al 2 marzo 2022), Pikovaya dama (La dama di picche) di Pëtr Il’icˇ Cajkovskij (dal 23 febbraio al 15 marzo 2022), Adriana Lecouvreur di Francesco Cilea (dal 4 al 19 marzo 2022), Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart (dal 27 marzo al 12 aprile 2022), Ariadne auf Naxos di Richard Strauss (dal 15 aprile al 3 maggio 2022), Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi (dal 4 al 22 maggio 2022), La Gioconda di Amilcare Ponchielli (dal 7 al 25 giugno 2022), Rigoletto di Giuseppe Verdi (dal 20 giugno all'11 luglio 2022), Il matrimonio segreto di Domenico Cimarosa (dal 7 al 22 settembre 2022), Fedora di Umberto Giordano (dal 15 ottobre al 3 novembre 2022) e The Tempest di Thomas Adès (dal 5 al 18 novembre 2022).

Accanto al direttore musicale Riccardo Chailly la stagione 2021/2022 del Teatro alla Scala vede la presenza di grandi maestri come Daniel Barenboim, Valery Gergiev, Esa-Pekka Salonen, Christian Thielemann. Tornano interpreti autorevoli come Ottavio Dantone, Evelino Pidò e Tugan Sokhiev, ma anche di giovani di talento come Lorenzo Viotti e Michele Gamba. Lunga la lista di debutti, che include Thomas Adès, Alain Altinoglu, Marco Armiliato, Giampaolo Bisanti, Michael Boder, Frédéric Chaslin, Pablo Heras-Casado e Speranza Scappucci. Tra i registi debuttano invece Marco Arturo Marelli, Adrian Noble e Olivier Py

La stagione di balletto, la prima del nuovo direttore Manuel Legris, si apre omaggiando Nureyev con la sua versione della Bayadère (dal 15 dicembre 2021 all'8 gennaio 2022) finora vista solo a Parigi e presenta 7 appuntamenti che ai grandi classici accostano due creazioni in prima assoluta e tre novità per Milano. Ai sette concerti con Orchestra e Coro scaligeri nella stagione sinfonica, se ne affiancano altrettanti con grandi compagini internazionali e cinque straordinari. Per quanto riguarda la programmazione dei concerti da camera, oltre al ritorno dei recital di canto, il pubblico può scegliere tra cinque concerti di grandi pianisti e ben dieci appuntamenti con i solisti dell’Orchestra della Scala ospitati nell’ambiente raccolto del Ridotto dei Palchi.

Si rinnova infine l’offerta per il pubblico più giovane: alle riduzioni di opere del grande repertorio si affiancano, dalla stagione 2021/2022, le commissioni di lavori esplicitamente destinati a bambini e ragazzi. Ai più piccoli sono destinati i concerti della domenica pomeriggio ripensati in una nuova formula tra musica e spettacolo, mentre nuovi appuntamenti per i ragazzi più grandi sono previsti per il lunedì unitamente alle proposte under 30.

Tra le novità della stagione 2021/2022 del Teatro alla Scala spiccano infine quelle relative alle strategie di accesso al teatro, agli abbonamenti e ai prezzi. I turni di abbonamento sono stati ridotti da 5 a 4 ed è diminuito il numero dei titoli in abbonamento. Dopo anni in cui la scala ha avuto una percentuale molto elevata di posti collocati nella fascia di prezzo più alta (tutta la platea e moltissimi posti in palco), la pianta del teatro è stata rimodulata introducendo la seconda fascia di prezzo in platea e differenziando i prezzi all’interno dei palchi, riducendo ulteriormente il prezzo dei posti con scarsa visibilità. Il progetto Un palco in famiglia, inoltre, permette agli adulti che acquistano un posto a prezzo intero in alcuni palchi di acquistare altri posti a 15 euro per minori di 18 anni. Anche per quest’anno vengono poi rinnovate le speciali iniziative che riguardano gli under 30 con una serie di anteprime e abbonamenti ridotti con l'obiettivo di formare il pubblico di domani.

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.