Navigli, restaurato il Ponte delle Gabelle: le foto, la storia e perché si chiama così - Milano

Navigli, restaurato il Ponte delle Gabelle: le foto, la storia e perché si chiama così

Attualità Milano Mercoledì 3 giugno 2020

© Flickr.com / Comune di Milano
Altre foto

Milano - Si è concluso a Milano il lavoro di risanamento e restauro del Ponte delle Gabelle che era stato avviato prima della pandemia ed è stato uno dei primi a ripartire dopo il lockdown. Il progetto di restauro, realizzato dal Comune di Milano in accordo con la Soprintendenza, ha previsto la bonifica dell’area da arbusti, erbe infestanti, muschi e muffe che erano cresciute negli anni e il successivo trattamento preventivo contro gli attacchi di microrganismi; la pulizia e la sabbiatura di pietre e mattoni e il loro restauro utilizzando materiale coerente per riportare alla luce le vecchie murature; la scarteggiatura e riverniciatura dei parapetti in ferro; il consolidamento statico del sottopasso e delle scalinate e il riordino dell’esistente sistema di illuminazione.

«Con il restauro del Ponte delle Gabelle restituiamo alla città un angolo caratteristico della Milano dei Navigli», dichiara Marco Granelli, assessore alla Mobilità e Lavori Pubblici: «scendere dai Bastioni di Porta Nuova lungo la larga scala in pietra per arrivare in via San Marco alle Chiuse Leonardesche è ora una passeggiata ancora più suggestiva e piacevole». 

Il Ponte delle Gabelle è costituito da una struttura in pietra che forma i due archi d’ingresso, uno dalla parte di via San Marco e uno rivolto a via Melchiorre Gioia e viale Monte Grappa, e un tunnel a botte realizzato in mattoni pieni. Dai Bastioni di Porta Nuova che si trovano più in alto si scende alla sottostante via San Marco con una scalinata in granito, un angolo tutt'ora particolare di Milano che per il resto è una città piatta che non presenta questi dislivelli.

Il ponte costituiva lo storico accesso a Milano per chi - dopo la costruzione delle cinquecentesche mura spagnole, i Bastioni, navigando lungo il Naviglio della Martesana - arrivava in città da nord e qui doveva pagare il dazio, ovvero la gabella, per la barca e le merci trasportate.

Potrebbe interessarti anche: , Milano, incentivi per scooter e bici elettriche. Il bando 2020 è on line: requisiti e scadenze , Nuovi buoni spesa a Milano: requisiti, quanto spetta a famiglia, come e quando fare richiesta , Trenord avvia la prenotazione del viaggio tramite app: ecco le linee dove è già obbligatoria nell'estate 2020 , Mascherine in Lombardia, anche a luglio sono obbligatorie: fino a quando? La nuova ordinanza , Milano, l'ex scalo ferroviario di Porta Vittoria diventa un grande parco con nuove case e centro sportivo

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.