Il Teatro dell'Elfo mette on line i suoi spettacoli gratis per tutti - Milano

Il Teatro dell'Elfo mette on line i suoi spettacoli gratis per tutti

Teatro Milano Elfo Puccini Mercoledì 25 marzo 2020

Milano - Il teatro è una cosa viva, che si manifesta tra persone vive. Un incontro tra esseri umani. Questa è e rimane la convinzione degli artisti del Teatro dell'Elfo. Ma in questo tempo difficile e sospeso, in attesa di poter nuovamente incontrare il pubblico di Milano nelle sale dell'Elfo Puccini, le emozioni del palcoscenico devono essere condivise in modo diverso: giovedì 19 marzo 2020 è partita la rassegna I classici dell'Elfo, la pubblicazione sulla piattaforma Vimeo di un palinsesto teatrale virtuale che prevede tre titoli ogni settimana, in uscita il giovedì) e che si concentra inizialmente sui testi classici, a partire dagli spettacoli shakespeariani per passare ai monologhi dedicati ai grandi poeti e scrittori.

Il Teatro dell'Elfo mette dunque a disposizione di tutti gli spettatori le riprese video di alcuni spettacoli degli anni passati. Ricordando che si tratta di filmati realizzati con mezzi essenziali, con lo scopo di conservare una traccia dell'effimera vita degli spettacoli teatrali, l'accesso alla piattaforma avviene dal sito del Teatro Elfo Puccini.

Dal 19 marzo il palinsesto proposto comprende grandi classici come lo shakespeariano Racconto d'inverno diretto da Ferdinando Bruni ed Elio de Capitani, le poesie di Emily Dickinson portate in scena da Elena Russo Arman e il Frankenstein raccontato da Elio De Capitani. Il 26 marzo si prosegue con l'omaggio ad Edgar Alan Poe di Bruni/Frongia Una serie di stravaganti vicende e i sonetti di William Shakespeare recitati da Elena Russo Arman, ma il cartellone virtuale si amplia allargandosi anche alla drammaturgia dei nostri giorni con il legal thriller Atti osceni. I tre processi di Oscar Wilde di Moisé Kaufman.

La terza settimana dei Classici dell'Elfo prevede, a partire dal 2 aprile, la messa on line degli spettacoli Romeo e Giulietta diretto da Ferdinando Bruni e Salomé per la regia di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia; oltre a Shakespeare e Wilde spazio anche a Cinzia Spanò, autrice e interprete dello spettacolo La moglie ispirato alla moglie del fisico Enrico Fermi. Dal 9 aprile, un nuovo appuntamento con Shakespeare, di cui viene proposta l’originale Tempesta di Ferdinando, mentre per le drammaturgie originali va in scena Leonardo, che genio!, l'omaggio di Elena Russo Arman a Leonardo.

Giovedì 16 aprile arriva on line Sogno di una notte di mezza estate diretto da Elio De Capitani, che completa la serie degli Shakespeare dell’Elfo. Da giovedì 23 l'appuntamento è con due spettacoli che hanno segnato la storia del Teatro dell'Elfo: Il giardino dei ciliegi di Anton Čechov, messo in scena da Ferdinando Bruni nel 2006, e Lola che dilati la camicia diretto da Marco Baliani nel 1996, interpretato da Cristina Crippa e Patricia Savastano.

In occasione della Festa della Liberazione, inoltre, venerdì 24 e sabato 25 aprile l’Elfo pubblica online (in collaborazione con il Teatro della Cooperativa)- lo spettacolo di Renato Sarti interpretato da Bebo Storti Mai morti, per ripercorrere episodi della nostra storia e far riflettere su quanto, in Italia, il razzismo, il nazionalismo e la xenofobia siano ancora difficili da estirpare.

Il palinsesto online da giovedì 30 aprile a giovedì 7 maggio si apre ancora una volta nel segno di Shakespeare: dagli archivi video dell’Elfo è riemersa La tragedia di Amleto, diretta da Elio De Capitani nel 1994 al Teatro Portaromana, con Ferdinando Bruni nel ruolo protagonista. Completano lo show case un altro Shakespeare, pensato e portato in scena da Elena Russo Arman per gli spettatori più piccoli, Shakespeare a merenda, e il divertissement di Francesco Frongia dedicato alla lingua italiana La lingua langue.

Dal 14 maggio i riflettori sono puntati sulla drammaturgia contemporanea con tre autori italiani che hanno raccontato la storia del Novecento. Si va dall’Italia fascista al Cile di Pinochet, dove emigra la famiglia di Pepo, guerrigliero protagonista de L’acrobata di Laura Forti; dalla Jugoslavia di Tito, raccontata da Renato Sarti attraverso lo sguardo di Aldo Juretich (richiuso nel campo di Goli Otok e qui interpretato da Elio De Capitani), alla Milano degli anni Settanta dove vivono e muoiono Fausto e Iaio, dei quali Roberto Scarpetti ripercorre le storie in Viva l’Italia

Dal 23 maggio al 13 giugno il sito del Teatro dell'Elfo presenta uno spettacolo nato dalla collaborazione con l’Istituto Culturale Parigino: Coefore (appunti per un'Orestiade Italiana), da Eschilo secondo Pier Paolo Pasolini, per la regia di Elio De Capitani. Il filmato è per l'occasione sottotitolato in francese.

Dal 28 maggio al 4 giugno, l’undicesimo appuntamento con lo show case dell’Elfo vuole coinvolgere anche il pubblico dei bambini, ma non solo. In scena Alice underground, il cartoon teatrale ideato da Ferdinando Bruni e Francesco Frongia che ha incantato migliaia di spettatori nelle passate stagioni, e poi Leonardo, che genio! di Elena Russo Arman, che ripercorre la vita di Leonardo attraverso un grande libro pop-up, e il classico Racconto di Natale nell'interpretazione di Ferdinando Bruni.

Potrebbe interessarti anche: , Dal 15 giugno il via agli spettacoli, ma non per tutti. «Ecco perché il Teatro i non riaprirà» , Triennale Milano: un programma per ripartire già in estate e Archweek 2020 in streaming , Elio De Capitani e il Teatro dell'Elfo: «in Italia ci vorrebbe un New Deal culturale» , Cozzaglio: «Il teatro del futuro? Unirà ancora corpi e anime». Intervista al direttore del Carcano

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.