Coronavirus e lavoro: sui servizi essenziali, l'intesa tra Comune di Milano e sindacati

Coronavirus e lavoro: sui servizi essenziali, l'intesa tra Comune di Milano e sindacati

Attualità Milano Lunedì 16 marzo 2020

Milano - Il Comune di Milano ha adottato ulteriori disposizioni per il contrasto e il contenimento dell’emergenza Coronavirus. Le misure riguardano sia il funzionamento esterno della macchina comunale, ovvero i servizi erogati ai cittadini, sia l’organizzazione interna del lavoro. Una riorganizzazione resa possibile grazie all’incontro di venerdì 13 marzo avvenuto tra i rappresentanti dell’Amministrazione e delle organizzazioni sindacali.

«Il lavoro congiunto con le organizzazioni sindacali - commenta l’assessora alle Politiche del Lavoro e Attività Produttive, Cristina Tajani, «ci ha consentito, in poche ore, di predisporre un piano di riorganizzazione dei servizi essenziali del Comune di Milano in grado di garantire sicurezza ai lavoratori ma anche continuità per quei servizi indifferibili che abbiamo il dovere di assicurare ai cittadini. Tanti dipendenti pubblici impiegati in servizi essenziali non si stanno tirando indietro in questo momento di necessità. A loro va il nostro ringraziamento».

Per quanto riguarda l’erogazione dei servizi vengono adottate le modalità digitali e telefoniche, attraverso la promozione delle funzionalità già esistenti (ad esempio il Fascicolo del cittadino) e il potenziamento del servizio infoline 02 0202. Per eventuali servizi urgenti e/o indifferibili da effettuare allo sportello, i cittadini possono recarvisi unicamente previo appuntamento.

Per ciò che riguarda l’organizzazione del lavoro interno, è stato indicato a tutte le direzioni e unità organizzative di introdurre il lavoro agile come modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa, che oggi interessa già oltre 4 mila dipendenti (erano 326 prima dell’emergenza Covid-19), fatte salve particolari esigenze che richiedano la presenza di personale in ufficio e che deve essere comunque ridotta ed effettuata a rotazione. Gli sportelli e gli uffici devono essere riorganizzati in poli unificati da disporre nei luoghi maggiormente adeguati, laddove siano già presenti dispositivi di protezione. I locali in cui sono presenti i dipendenti devono essere monitorati, costantemente puliti e sanificati.

Nelle prossime settimane sarà necessario, a fronte del rischio del prolungarsi dello stato di emergenza, un intervento del Governo che preveda l'applicazione dell'art. 19 comma 3 del D.L. del 2 marzo 2020 anche al personale delle pubbliche amministrazioni impiegato su servizi diversi da quelli indifferibili, la cui prestazione lavorativa non sia compatibile con il lavoro agile.

Potrebbe interessarti anche: , Milano, incentivi per scooter e bici elettriche. Il bando 2020 è on line: requisiti e scadenze , Nuovi buoni spesa a Milano: requisiti, quanto spetta a famiglia, come e quando fare richiesta , Trenord avvia la prenotazione del viaggio tramite app: ecco le linee dove è già obbligatoria nell'estate 2020 , Mascherine in Lombardia, anche a luglio sono obbligatorie: fino a quando? La nuova ordinanza , Milano, l'ex scalo ferroviario di Porta Vittoria diventa un grande parco con nuove case e centro sportivo

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.