Ventura Centrale, il Fuorisalone 2019 nei caveau abbandonati della Stazione - Milano

Cultura Milano Martedì 9 aprile 2019

Ventura Centrale, il Fuorisalone 2019 nei caveau abbandonati della Stazione

Come To Light by Aria, design by Luca Moreni & Roberto de Zorzi
© Ivela Spa
Altre foto

Milano - Dopo il successo delle prime due edizioni, Ventura Centrale torna per al terza volta nei magazzini abbandonati accanto alla Stazione Centrale di Milano, in via Ferrante Aporti, per la Milano Design Week 2019. Si tratta di grandi caveau industriali inutilizzati da anni che i fondatori di Ventura Projects hanno sapientemente scoperto e recuperato per permettere ad aziende internazionali, designer e studi di esporre in una location innovativa e suggestiva.

Il recupero di zone industriali abbandonate è un po’ il tratto caratteristico di questo progetto che negli anni è passato da avere otto magazzini abbandonati, a nove magazzini nel 2018 e a sedici caveau quest'anno. Da martedì 9 a domenica 14 aprile 2019, nei giorni del Fuorisalone, Ventura Centrale ospita 17 installazioni di aziende e studi di design di tutto il mondo, in parallelo con le mostre che Ventura Project ha curato a Base Milano (Tortona Design District) con 83 designer internazionali, studi creativi e accademie. L’obiettivo delle due grandi mostre è però il medesimo: dare spazio al design rivoluzionario e innovativo, incentrato su visioni future, per una produzione più sostenibile.

A 10 anni dalla sua nascita, Ventura Projects, per il terzo anno di fila allestisce ad arte i grandi tunnel della Stazione Centrale. Tra gli espositori troviamo alcuni volti familiari e alcuni nuovi arrivati. Abitué di Ventura Projects, torna il marchio olandese Weltevree (uno dei primi espositori di Ventura Lambrate) con Weltevree Unplugged, un'oasi in cui il visitatore è incoraggiato a guardare con altri occhi l’ambiente che lo circonda. L’olandese Maarten Baas partecipa quest’anno con I think therefore I was in anteprima mondiale affiancata dall’americano Rapt Studio che è invece una new entry.

Da anni specializzati nel lavorare tra esperienza spaziale, comunicazione e connessione culturale, i designer di Rapt Studio sono alla loro prima mostra per la settimana del design di Milano: per l’occasione presentano una serie di cabine in cui il visitatore può rispondere alle domande poste da chi è entrato prima di lui.

L’artista Jiro Yonezawa ha creato Emergence of Forms per Agc, un’installazione sulla lavorazione innovativa della ceramica e del vetro. L'azienda coreana Noroo presenta Tides / Maree, mostra interattiva in collaborazione con gli artisti Kwangho Lee (che propone 100 sgabelli modulari della serie The Moment of Eclipse, ciascuno dei quali, a forma di eclisse, forma un’unione con lo sgabello vicino, dando origine a catene di infinite variazioni) e Wang & Söderström (che presentano un paesaggio ultraterreno con colori da sogno, trasmettendo l’impressione di essere nel centro di un’eclisse solare).

Anche Lensvelt torna nei caveau, dopo aver vinto due Milano Design Awards con Ventura Projects; negli anni lo studio di Amsterdam ha dimostrato la capacità di essere sempre al passo con i tempi, sviluppando sempre installazioni di grande impatto, dalle dozzine di trombe che sussurravano, alle migliaia di palle di carta accartocciate. Quest'anno collaborano con Modular Lighting Instruments, esperti di illuminazione architettonica di alto livello per un’installazione luminosa che trasforma il tunnel di Ventura Centrale in un teatro d’atmosfera.

Luca Moreni e Roberto De Zorzi per Aria Design propongono chiavi di lettura diverse per interpretare uno spazio semplice: protagoniste della loro installazione Come to Light sono sculture di luce e forme diverse che interagiscono con musica ed effetti visivi. Freitag presenta l'installazione Unfluencer De-sinning the designer, per un'immersione totale tra video e luci. Tra le mostre da segnalare, anche quella tutta al femminile targata Cramum e intitolata Una stanza tutta per me: ispirata al saggio femminista Una stanza tutta per sé scritto 90 anni fa da Virginia Woolf, la mostra comprende opere delle artiste Francesca Piovesan (foto), Giulia Manfredi e Flora Deborah.

Le mostre e le installazioni di Ventura Centrale sono visitabili a ingresso libero per tutta la durata della Milano Design Week, da martedì 9 a domenica 14 aprile nei seguenti orari: da martedì 9 a sabato 13 dalle 10.00 alle 20.00; domenica 14 aprile dalle 10.00 alle 18.00.

La sera, durante tutta la settimana del design, gli spazi di Ventura Centrale sono affidati all'Apollo Club, che ha creato un palinsesto di dj e producer che hanno fatto la storia del panorama clubbing milanese e italiano, da Daniele Baldelli a Fabrizio Mammarella, da Claudio Coccoluto a Lele Sacchi, accanto a emergenti e giovani dj. Qui il calendario di Apollo Fest a Ventura Centrale, in collaborazione con Lavazza.

Sempre in zona Stazione Centrale, infine, segnaliamo l'esposizione Austrian Design: Pleasure & Treasure, allestita presso la Sala Reale del principale scalo ferroviario di Milano: raramente aperta al pubblico, la sala ospita una piscina di piccole palline in polistirene riciclato, sulle quali i visitatori devono camminare per ammirare gli oltre 40 prodotti di design made in Austria esposti.

Potrebbe interessarti anche: , AnthropOceano, a Milano il murale mangia-smog di Iena Cruz e Worldrise , Come visitare il Cenacolo di Leonardo? Una dritta per ammirare l'Ultima Cena dal libro Milano Adagio , Visitare le Terrazze del Duomo: info, orari e biglietti per scoprire la chiesa simbolo di Milano , Milano città della cultura: nel 2020 sarà sede del summit mondiale , Superstudio, a Famagosta la Maxi location con la facciata che è un'opera d'arte

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.