Fuorisalone 2019: il Teatro Parenti diventa un distretto del design con mostre ed eventi - Milano

Cultura Milano Teatro Franco Parenti Martedì 26 marzo 2019

Fuorisalone 2019: il Teatro Parenti diventa un distretto del design con mostre ed eventi

Milano - Il Teatro Franco Parenti partecipa attivamente alla Milano Design Week 2019: lunedì 8 aprile alle ore 19.00, in collaborazione con DryMilano, inaugura il Parenti District per le arti e il design per la prima volta in questa veste, nella cornice del teatro di via Pier Lombardo 14 e negli adiacenti Bagni Misteriosi.

Dopo anni in cui il quartiere di Porta Romana è rimasto fuori dai circuiti del Fuorisalone, il distretto tra piazza Medaglie d’Oro e corso di Porta Vittoria si trasforma in un’area dedicata al design in cui diverse realtà commerciali, culturali, espositive, oltre che case di privati, mettono a disposizione i propri spazi per allestimenti, mostre ed eventi.

La Palazzina dei Bagni Misteriosi ospita la mostra Immersione libera, visitabile da lunedì 2 aprile a sabato 18 maggio in via Carlo Botta 18. Ideata da Marina Nissim e curata da Giovanni Paolin, la mostra presenta opere di 12 artisti con l’obiettivo di dare spazio a volti nuovi per un’esperienza immersiva nell’arte.

La cornice della piscina, ormai simbolo della Milano del recupero di luoghi abbandonati, fa da sfondo agli allestimenti curati da Mosca Partners con Around the water, un percorso di scoperta del design italiano e svedese. Come racconta Valerio Castelli (Mosca Partners), «da tempo volevamo mettere una casa al centro della piscina e la casa modulare Rooms House ci è sembrata perfetta per un’installazione che faccia riflettere sugli spazi abitativi del futuro». L’installazione, visitabile da martedì 9 a domenica 14 aprile, è anche un percorso esperienziale grazie al contributo del giovane regista Fabio Cherstich che ha ideato una coreografia continua pensata ad hoc per la casa svedese: le cabine dei Bagni Misteriosi, ad esempio, diventano delle vere e proprie sale espositive in cui sei aziende svedesi presentano un prodotto iconico della loro produzione. 

Jean Blanchaert, con la collaborazione di Irina Eschenazi, ha curato invece Riflessioni Riflesse, un progetto collettivo che mette al centro i lavori di 8 artisti e designer esposti all’interno del teatro da martedì 9 a domenica 14 aprile. I designer e gli artisti coinvolti hanno prodotto opere ispirate all’acqua, alla trasparenza e soprattutto allo specchio.

Ma la Design Week 2019 per il Teatro Parenti è anche un’occasione per portare allo scoperto chi lavora e vive il teatro ogni giorno: i suoi professionisti, i suoi oggetti che lo riempiono. Come spiega Andrée Ruth Shammah, anima del teatro e ideatrice del progetto, «ampio spazio è stato dato ai laboratori curati dagli attrezzisti e dagli altri professionisti del teatro». Da questa idea nasce, per esempio, il laboratorio in collaborazione con Intesa Sanpaolo dal titolo L’antico mestiere dell’attrezzista per scoprire l’arte della scenografia: l'appuntamento è da martedì 9 a domenica 14 aprile, dalle 15.00 alle 19.00, presso la Palazzina dei Bagni Misteriosi.

Tra gli altri eventi ospitati dal Teatro Parenti durante la Milano Design Week 2019, la lettura scenica di L’autrice de Las Meninas (ovvero Dov’è il quadro?) di Ernesto Caballero in Sala Grande (martedì 9 aprile alle 20.30, con intervento di Vittorio Sgarbi sul valore delle opere copiate; a pagamento); presso il Café Rouge sono invece da segnalare il ciclo di incontri Un Caffè con Plinio Il Giovane con Mario Prandina che incontra Abele Vadacca, Daniel Von Aufsess, Serena Omodeo, Marco Burki Marco Gastaldi e Daniel Meda (da martedì 9 a domenica 14 aprile alle 15.00), la conversazione Le forme della moda con Maria Luisa Frisa e Matteo Persivale (venerdì 12 aprile alle 18.30; con biglietto di cortesia) e la proiezione del film SuperDesign: Design Radicale italiano 1965-1975 di Maria Cristina Didero e Francesca Molteni (venerdì 12 aprile alle 20.30; con biglietto di cortesia).

Ma è tutto il quartiere circostante al Teatro Parenti a trasformarsi in un’area dedicata al design, con 14 realtà della zona che aprono i propri spazi a installazioni, mostre e eventi: Plinio il Giovane Showroom (via Cernuschi 1), Il Cinemino (via Seneca 6), Vaziliki Kouzina (via Clusone 6), Zucchetti. Kos Showroom (via Tiraboschi 6), Flou (via Regina Margherita 10/12), Galleria Nicola Quadri (via Pier Lombardo 30), Il Giardino Incantato Gallery (via Montenero 68), Galleria Francesco Zanuso (corso di Porta Vigentina 26), C|E Contemporary (via Tiraboschi 2/76), La Città del Sole (corso Lodi 2), Seganti Arreda (via Papi 12), il Giardino delle Culture (via Emilio Morosini 8) e le case private di Alberto Mugnaini (via Burlamacchi 6) e Rossella Rossi (piazza Medaglie d’Oro 1).

Tra i progetti più ambiziosi ed eccentrici del Parenti District si colloca infine il contest Progetto Bandiera, pollaio uovo azzurro. Si tratta di una open call per raccogliere le migliori idee per la progettazione di un pollaio all’avanguardia che ospiterà le galline eraucane per la produzione di uova azzurre, simbolo della diversità. Il progetto nasce in collaborazione con la Fondazione Lighea Onlus che si occupa del reinserimento sociale di persone con disagio psichico, di cui l’uovo azzurro diventa simbolo. «L’uovo azzurro è uguale a tutti gli altri tranne che per la colorazione del guscio», commenta il dottor Giampietro Savuto: «allo stesso modo i nostri pensano, sentono, soffrono come tutti gli altri, ma il loro sguardo proietta colori diversi sulle cose». Il periodo di candidatura dei progetti termina alle ore 12.00 di domenica 30 giugno 2019 sul sito del Parenti District, dove si possono anche trovare tutte le informazioni e gli aggiornamenti sugli eventi in programma nel distretto durante il Fuorisalone.

Potrebbe interessarti anche: , Come visitare il Cenacolo di Leonardo? Una dritta per ammirare l'Ultima Cena dal libro Milano Adagio , Visitare le Terrazze del Duomo: info, orari e biglietti per scoprire la chiesa simbolo di Milano , Milano città della cultura: nel 2020 sarà sede del summit mondiale , Milano per Alda Merini: un ponte intitolato alla poetessa dei Navigli e un programma di eventi a 10 anni dalla morte , Superstudio, a Famagosta la Maxi location con la facciata che è un'opera d'arte

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.