Teatro Milano Teatro Litta Venerdì 11 gennaio 2019

Il Fu Mattia Pascal, giochi di identità al Teatro Litta. I Demoni rileggono Pirandello

Altre foto

Acquista comodamente on line i biglietti per Il Fu Mattia Pascal!

Milano - Giovedì 10 gennaio al Teatro Litta di Milano è andata in scena la prima dello spettacolo Il Fu Mattia Pascal, con la regia di Alberto Oliva e sul palco Mino Manni, Marco Balbi, Letizia Bravi, Alessandro Castellucci e Gianna Coletti (produzione Teatro de Gli Incamminati). In programma fino a domenica 20 gennaio 2019, lo spettacolo mette in scena i tipici temi pirandelliani del doppio e della perdita di identità, ospite del teatro più antico di Milano, nell’affascinante cornice di Palazzo Litta, in stile tardo-barocco.

La Compagnia I Demoni, assieme alla regia di Alberto Oliva, ha portato sul palco una scenografia minimale composta da un grande gioco di tende che permette di sviluppare l’antefatto attraverso marionette, luci e ombre; per il resto dello svolgimento le tende si aprono, creando un palcoscenico sul palcoscenico.

Il celebre romanzo di Pirandello ha al centro il tema dell’identità perduta, poi cercata, trovata e ripersa, esemplificato dal cambio di nome da Mattia Pascal ad Adriano Meis a Fu Mattia Pascal. La parte centrale del romanzo è costituita da un personaggio che non ha un’identità univoca, è un uomo scisso che riflette con la propria coscienza. Il tema della disgregazione dell’io narrante è esplicitata nello spettacolo dalla selezione accurata dei monologhi di Adriano Meis che si svolgono rivolti al pubblico, fuori dal sistema di tendaggi, in una sorta di antipalco che sembra rappresentare il luogo della coscienza e della ricerca della sua persona — è infatti qui che incontra Adriano Meis di cui si appropria dell’identità.

Un tema molto presente è quello della morte, esplicitato da continui giochi di parole in cui Mattia-Adriano elabora il sentimento di sentirsi rinato una volta scoperto che la sua famiglia lo crede morto. Di fatto il romanzo racconta di un uomo che muore e decide di vivere questa morte cambiando identità, con grande euforia. Ma pian piano, nei panni di Adriano Meis, il personaggio si accorge di non essere in grado di vivere la libertà datagli dalla nuova identità.

Nella seconda parte dello spettacolo è ben rappresentata la dimensione ambigua del concetto di libertà di cui Adriano si rende progressivamente cosciente, esplicitando tutti gli ostacoli del vivere senza un’identità. Inizia quindi il viaggio a ritroso che lo riporta verso il paese d’origine: la conclusione è messa in scena nuovamente attraverso il gioco di luci, marionette e ombre proiettate sulle tende bianche come a simboleggiare che il tutto si stia svolgendo in una grande lanterna.

Quello che manca in questa trasposizione è la conclusione del romanzo: le ultime pagine si svolgono sulla tomba del defunto Mattia Pascal dove il protagonista si reca portando dei fiori per indicare che ha imparato a non vivere, ha assunto un’estraneità alla sua stessa vita e ora si guarda vivere. Lo spettacolo si conclude, invece, con il ritorno alla vecchia casa, ai vecchi battibecchi con la moglie e con la suocera.

Il Fu Mattia Pascal è un’opera dalla difficile rappresentazione teatrale per gli intrecci inconsueti che Pirandello ha creato nella trama, le narrazioni che si svolgono in cornici letterarie, la scomposizione del personaggio in un gioco di identità in cui il protagonista cerca di liberarsi di una maschera finendo per assumerne un’altra. La Compagnia I Demoni è riuscita a metterne in scena la complessità con ironia: uno spettacolo da vedere, anche per ricordare una lettura molto probabilmente fatta negli anni del liceo e mai rispolverata.

Lo spettacolo va in scena al Teatro Litta di Milano fino a domenica 20 gennaio 2019 (dal martedì al sabato alle ore 20.30, la domenica alle ore 16.30); i biglietti per Il Fu Mattia Pascal sono comodamente acquistabili on line su happyticket.

Potrebbe interessarti anche: , Prima Diffusa 2018: il programma degli eventi aspettando Attila alla Scala , Invito a Teatro: 40 anni e mai così giovani. Quest'anno 4 tipologie di card , Invito a Teatro 2018-2019: spettacoli, abbonamenti e festa. 40 anni e mai così giovani , Teatro Manzoni Milano: la stagione 2018/2019. Spettacoli, orari biglietteria e info , Pacta, la stagione 2018/2019 è un invito a vivere il teatro: tutti gli spettacoli

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Voglio mangiare il tuo pancreas Di Shin'ichirô Ushijima Animazione, Drammatico Giappone, 2018 La distanza tra loro, non ha ancora un nome. Due ragazzi, due personalità agli antipodi e un segreto ad unirli. Un segreto, un incontro, due destini... Uno studente delle superiori, ritrova il diario di una compagna di classe, Sakura Yamauchi. Ma quel... Guarda la scheda del film