Cultura Milano Lunedì 17 settembre 2018

Lambrate, un angolo di Milano allegro e alla moda nell'ex quartiere industriale

© Luca Scarpa
Altre foto

Milano - Lambrate, il quartiere di Milano storicamente famoso per le fabbriche e gli insediamenti industriali dove una volta si producevano le auto e le macchine per il caffè, è oggi una zona alla moda dove convivono il milanese che parla il dialetto con il pubblicitario alla moda, lo studente internazionale e altre etnie che nel quartiere hanno trovato dimora per lavorare e vivere con la propria famiglia.

Apparentemente un grande paese che conserva le sue strade, le sue chiese e le sue piazze e che all’inizio del secolo scorso non era neanche Milano, ma un comune a sé. Di tradizione operaia, Lambrate è oggi un quartiere alla moda dove le case sono ricercatissime e dove gli ex spazi industriali sono stati riconvertiti a gallerie d’arte, flea market, concept store e numerosi locali dove assaggiare anche cucine internazionali.

Tante strade e tante piazze che sembrano convergere sulle due vie principali: via Ventura, nota per la Design Week che fino a due anni fa trovava qui la sua sede e, via Conte Rosso, dove il tempo sembra essersi fermato grazie alla ristrutturazione della via che ne ha mantenuto l’originale bellezza.

Ed è in via Conte Rosso che sono nati tanti indirizzi nuovi e interessanti, tra cui Redroom, negozio dedicato all’handmade che promuove la festa Il sabato di Lambrate, che torna il 22 settembre 2018 dopo la pausa estiva. Irene Roghi e Andrea Brembati, rispettivamente di 35 e 38 anni, sono i due promotori dell’Associazione Carmilla e del Sabato di Lambrate che, come tante altre iniziative nel quartiere, sono nate per volontà di privati cittadini.

«Il tutto è nato per portare l’attenzione sulla piazza Rimembranze di Lambrate che, come altri luoghi di Lambrate, veniva definita il nuovo Bronx», spiega Irene Roghi: «la nostra idea era di motivare i cittadini a riprendersi i propri spazi attraverso l’organizzazione di iniziative ludiche e culturali e per questo, nel 2014, abbiamo coinvolto il Consiglio di Zona per organizzare la prima edizione. Da allora Il Sabato di Lambrate è diventato un appuntamento fisso con artigiani, musica e workshop perché l’unico modo per riqualificare e rendere sicuro un quartiere è viverlo».

«Dall’anno scorso però, con le nuove leggi antiterrorismo che hanno visto aumentare i controlli per gli eventi su piazza, l’evento ha rischiato più volte di essere annullato», prosegue Irene. «Per questo è stata lanciata una campagna di raccolta fondi dal titolo Punta su Lambrate a cui tutti possono contribuire». Il 22 settembre 2018, oltre al Sabato di Lambrate, prende anche il via la Festa di Lambrate organizzata dalle Acli che vede riportare in zona lo storico Festival dell’Unità. Tra i prossimi appuntamenti, con un calendario in via di definizione, la social street che nell’edizione precedente ha visto l’organizzazione di concerti nei cortili delle case.

Potrebbe interessarti anche: , Sport Movies & Tv 2018, a Milano sei giorni di cinema e cultura sportiva , Arte urbana al Giambellino: il murale di magnolie dà il via al progetto Largo Balestra Art , La Triennale di Boeri: dalla XXII Esposizione al Museo del Design, tutti i nuovi progetti , MilanoAttraverso: un festival di eventi gratuiti per scoprire la città e la sua storia , Il Chiostro Nina Vinchi riapre al pubblico con bar, libreria e un nuovo spazio conferenze

Fotogallery

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.

Oggi al cinema a Milano

Cosa fai a Capodanno? Di Filippo Bologna Thriller Italia, 2018 31 dicembre, strade di montagna e boschi innevati. Mentre la radio annuncia una tempesta solare, il furgone di una ditta di catering carico di aragoste, ostriche e champagne cerca di raggiungere uno sperduto chalet di montagna, dove i padroni di casa... Guarda la scheda del film