MiTo 2018 a Milano, a settembre tra concerti e danza: programma e biglietti

Concerti Milano Lunedì 4 giugno 2018

MiTo 2018 a Milano, a settembre tra concerti e danza: programma e biglietti

Filarmonica della Scala
© Silvia Lelli

Milano - Per il dodicesimo anno Milano e Torino si uniscono nel segno della musica. La nuova edizione del festival internazionale MiTo - Settembre Musica è in programma dal 4 al 19 settembre 2018 - che è stata presentata congiuntamente dalle due città - mette al centro la danza. «MiTo è un festival che già nel titolo rivela la sua unicità», commenta la presidente Anna Gastel: «è un ponte che collega due realtà vicine, eppure così distinte come Milano e Torino. Due grandi città divise ormai da soli 50 minuti di treno che, a dispetto della globalizzazione, mantengono radici, stili e tradizioni. Il festival propone per entrambe un solo speculare programma, pur con leggere varianti a favore delle peculiarità di ogni capoluogo».

Sarà, questo 2018, il terzo anno della direzione artistica firmata Nicola Campogrande, nel segno di una ricerca musicale che spazia dal grande passato per indagare il presente e il futuro, focalizzandosi sui suoni contemporanei e, per un’edizione dedicata alla danza, sul rapporto tra ritmo e movimento del corpo. E saranno dunque vari gli appuntamenti in cartellone, dai luoghi storici a quelli meno consueti, nell’intenzione di portare la musica ovunque in città, e a prezzi modici, così da non porre barriere a nessuno. 3 euro, la novità dell’anno, costerà il biglietto per i concerti in aree periferiche, 5 euro per i concerti pomeridiani, mentre la cifra più alta saranno i 30 euro per l’ingresso alla Scala. I nati nel 2004 pagano 5 euro per tutti i concerti di MiTo 2018.

«Presentare MiTo in un evento congiunto tra le due città rende evidente come questo appuntamento unisca Milano e Torino», afferma Filippo Del Corno, assessore alla Cultura del Comune di Milano: «questo accordo che ci ha permesso di individuare obiettivi e strumenti per una proposta artistica tra le più importanti a livello europeo scadrà quest’anno, ma auspichiamo in un rinnovo. Puntiamo a una definizione più chiara della missione dedicata alla musica classica e ai suoi confini che si possono anche varcare o oltrepassare nella certezza che l’unitarietà della programmazione e il coinvolgimento delle due città migliora le forze». MiTo 2018 porterà la musica in tutto il tessuto urbano: mappa alla mano, Milano e Torino risuoneranno grazie alla presenza di grandi interpreti e all’obiettivo di divulgazione artistica e culturale che il festival si pone, mantenendo la qualità e portando il cartellone a un costante rinnovamento.

Si inizierà con i balletti russi Schuman- Čajkovskij-Stravinsky, proseguendo poi con sorprese come la Neojiba Orchestra, l’ensemble giovanile dello stato di Bahia, che si scatenerà con ritmi travolgenti al Conservatorio. Prima esecuzione in Italia per il prestigioso Kronos Quartet che ha sdoganato la contaminazione tra quartetto d’archi e musica rock e pop, e che porterà un programma dove compaiono Gershwin e Steve Reich, compositore che tornerà anche nel programma dedicato ai più piccoli, a cui sono rivolti molti degli appuntamenti di MiTo 2018.

Il tango sarà protagonista con l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi e contaminazioni tra Stravinsky e Piazzolla, e arriveranno danze ungheresi e danze spagnole, ma anche una potente orchestra di corni tra danze popolari e momenti di raccoglimento. Dal Trecento al Novecento, un’esplorazione raffinata e coinvolgente tra suggestioni, strumenti e voci diverse, in cui non mancherà anche l’appuntamento con il balletto, da una coproduzione appositamente commissionata per l’occasione tra MilanOltre Festival, Torinodanza, Teatro Stabile di Torino Teatro Nazionale e Les Halles de Schaerbeek: Bach project, un dittico sulla figura del compositore con una trascrizione in chiave elettronica e la coreografia di Diego Tortelli.

Ritornerà, dopo il successo dello scorso anno, anche la giornata dei cori, il cui culmine sarà Mito Open Singing, quest’anno preventivamente predisposto al chiuso, al Conservatorio, per evitare l’acquazzone che colpì l’edizione 2017. Tutti quanti saranno invitati a cantare guidati da un direttore specializzato come Gary Graden, tra classici e alcune chicche. Gran finale al Teatro Dal Verme con un folgorante brano di Golijov, ispirato al barocco alla sua prima esecuzione italiana, eseguito dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai diretta da Stanislav Kochanovsky con Enrico Dindo al violoncello.

Tema centrale l’accessibilità, con un programma costruito per attirare tanti target, e con il ritorno degli speaker che faciliteranno l’introduzione ai brani e agli spettacoli, e che a Milano saranno Gaia Varon e Luigi Marzola. «Ogni concerto tesse un fil rouge con il repertorio contemporaneo e ha come tema la danza, in un discorso che vuole essere da stimolo anche per noi, per ripensare il soggetto che abbiamo scelto», ricordato Anna Gastel. «In quanto ai prezzi contenuti, mi riempie il cuore quando alla Scala vedo i palchi pieni di persone che godono della gioia di trovarsi in posti straordinari e ascoltare musica di altissima qualità: è la ragione che ci spinge a continuare questa festa di MiTo».

«A volte Milano e Torino competono e non è sempre un male se si fa con lealtà», scherza il sindaco meneghino Beppe Sala, «ma non ci facciamo pregare per lavorare insieme, come dimostra la formula perfetta di MiTo che ci dà forza e ci permette di portare avanti una visione e una strategia comune. Ci meritiamo il riconoscimento del Governo per lo sforzo che andiamo facendo da molti anni. Le città vivono una dimensione nazionale ma anche un’apertura internazionale e credo che per due grandi città come Milano e Torino non ci si un altro orizzonte. Per il resto, cercheremo di trovare il tempo per partecipare a qualche evento».

La biglietteria di MiTo 2018 è aperta  da martedì 19 giugno al Teatro Dal Verme di Milano, in orario 11.00-19.00 dal martedì al sabato (chiusura estiva da domenica 5 a lunedì 27 agosto, per info 02 87905201). Tutte le informazioni che riguardano biglietti, abbonamenti e il programma dettagliato sono sul sito di MiTo Settembre Musica.

Potrebbe interessarti anche: , De Andrè Sinfonico, a Milano il tributo con laVerdi e Geoff Westley: biglietti e scaletta , Rockin' 1000, Sting, Coez, Capossela: i concerti di ottobre 2019 da non perdere a Milano , Idays Milano 2020, data e biglietti del primo concerto confermato: sul palco Billie Eilish , Jovanotti, 100 mila a Milano: il racconto con foto e video del Beach Party a Linate , Milano Music Week 2019: date e primi ospiti di un programma aperto a tutti

Scopri cosa fare oggi a Milano consultando la nostra agenda eventi.
Hai programmi per il fine settimana? Scopri gli eventi del weekend a Milano.